Mar 30

Con ministro famiglia Ungheria Novak, vogliamo importare in Italia modello Orban

Bilaterale oggi a Verona tra il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, e il ministro per gli Affari della Famiglia e della Gioventù dell’Ungheria, Katalin Novak. Al centro del colloquio le misure del governo Orban su famiglia e natalità e le proposte di Fratelli d’Italia per invertire il trend demografico in Italia e in Europa, tra cui la necessità di inserire il sostegno alla natalità tra le priorità del bilancio comunitario.

L’Ungheria spende il 5% del Pil nei nuclei famigliari e grazie a questo investimento i risultati stanno arrivando. È un modello che Fratelli d’Italia vuole seguire e importare anche in Italia. L’Ungheria di Orban è uno dei protagonisti dell’alleanza europea per la famiglia e la natalità che sta nascendo in Europa e della quale Fratelli d’Italia fa parte. Le prossime elezioni europee del 26 maggio saranno uno spartiacque decisivo per costruire un’Europa che mette al centro la difesa della vita, l’incentivo alla natalità e la libertà educativa.

Condividi

1 comment

    • Franco Cordiale on 1 Aprile 2019 at 12:00
    • Rispondi

    Cito dal cartello di una “femminista” che nella cosiddetta contro manifestazione di Verona portava scritto (scusata la volgarita’, ma non e’ mia) le seguenti intellettualissime parole: “Figa mia, cazzi miei!” Mi scuso ancora, ma credo che simili vocaboli riassumano perfettamente il frutto succoso di decenni di “politicamente corretto” caro a radicali, piddioti, grillini, sboldrine e sboldrine, pennivendoli e ciarlatani della sinistra radiofonica e televisiva, i quali tengono concioni, insultando impunemente chi non la pensa come loro. Far quel che capriccio comanda, trattando il mondo circostante come la discarica del proprio vomito e lo sfogatoio imbecille della propria demenza. In sintesi, la anarchia devastante ad ogni livello la nostra povera societa’. Bene. Serve il risveglio delle forze sane della nazione. Una coalizione che produca anche intese politiche. Altrimenti saremo davvero in un paese-fogna. Non manca molto, ormai !

Rispondi