Macron abominevole su dichiarazione UE ad Haftar

Macron abominevole in Libia. La Francia ha bloccato una dichiarazione della Ue che esortava il generale Khalifa Haftar a interrompere l’offensiva contro Tripoli e il governo riconosciuto dalla comunità internazionale. Continua la politica neocoloniale della Francia in Africa a discapito delle popolazioni locali e dei partner europei. Ora si rischia una nuova ondata migratoria. La sinistra non ha proprio nulla da dire? La maggioranza grillo leghista non intende fare nulla? Anche per questo Fratelli d’Italia, con le prossima elezioni europee, vuole cambiare tutto in Europa.

Condividi

9 comments

Skip to comment form

    • Pino 007 on 12 Aprile 2019 at 08:58
    • Reply

    Apparentemente ai burocrati di Bruxelles gli sta bene che Macron spadroneggi in Africa. Macron appoggiato dalla miriade di comunisti in quella della EU e dal sostegno delle sinistre italiane che credono ancora nella fata Morgana. Prima mi limitavo a dire “Povera Italia” ora espando il mio dubbio oltre a “Povera Europa”.

    • giovanni PEIS on 12 Aprile 2019 at 10:56
    • Reply

    L’esercito nazionale libico con Haftar al comando è tutto ciò che è rimasto ai libici per difendere la loro indipendenza e sovranità dopo la criminale azione dei Natisti nel 2011. La Francia partì per prima, non voleva rimanere indietro. Haftar in quei giorni era colluso con Sarkozy, egli è un uomo ambiguo, amico/nemico del grande Gheddafi e della Libia. Ma in questo momento ha fatto la cosa necessaria: portare l’esercito nazionale alle porte di Tripoli, per far intendere che il popolo libico non si farà comandare da un governo fantoccio deciso dalla NATO nell’interesse dei poteri finanziari dell’occidente. Sarraj è un prestanome, supino alle decisioni del neocolonialismo.

    • Federico on 12 Aprile 2019 at 17:02
    • Reply

    ..Con la via della seta ci siamo giocati l’apoggio americano sulla Libia ed il loro aiuto contro l’ asse franco tedesco..Abbiamo avuto un “tempismo” eccezionale,ci siamo evirati con le nostre mani. Le rassicurazioni e la italica furbizia con Trump non funzionano.

    La Francia appena capito che i rapporti Italia USA si sono incrinati si è data subito da fare per buttarci fuori dalla Libia.

    Ad ore l’ attuale governo libico salterà per far posto ad un governo fantoccio dei francesi.

    Non dovevamo fare quell’ accordo con la Cina.

    Ora siamo soli!

    La sponda americana è saltata.

    A questo punto ci sono due opzioni ma credo che la prima non verrà mai applicata. La seconda invece è la più verosimile.

    1) Supporto militare italiano al governo Libico attuale (quello riconosciuto).

    2) Fare le valige dalla Libia cioè farcela soffiare dai francesi,che sulle opzioni militari poco tentennano,specie quando di mezzo ci sono interessi geopolitici,strategici,energetici.

    Mettiamoci il cuore in pace,la Libia è persa.

    • Franco Cordiale on 13 Aprile 2019 at 09:53
    • Reply

    Italia, paese di Pulcinella. Come al solito…

    • Gino Cerutti on 13 Aprile 2019 at 10:23
    • Reply

    LiberiamocI dai cinque stalle. Prima si fara’ e meglio sara’. Dilettanti allo sbaraglio, incompetenti, populisti da strapazzo ed indecisi su tutto. Rappresentano al mondo il… Paese di Pulcinella, l’ immagine storica che viene per istinto secolare associata all’Italia.

    • Federico on 14 Aprile 2019 at 09:03
    • Reply

    Il fatto è che talvolta in politica estera per difendere gli interessi nazionali ci vuole coraggio,decisione,lungimiranza,alleanze giuste.Quella con gli americani non doveva saltare.
    Al gioco sporco di alcuni stati non si può rispondere con la dottrina del “peace make love” a tutti i costi.Non ci si può ideologicamente disarmare tagliando indiscriminatamente sul comparto difesa.
    Non si può sempre sperare che qualcun altro risolva per noi…Gli americani,la Merkel..i marziani..

    • Ivan G. on 14 Aprile 2019 at 18:11
    • Reply

    La Francia è una potenza militare, l’Italia no. Ricordiamoci di questo quando sentiamo parlare di Più Europa, dove chi conta sono solo la potenza militare francese e quella economica tedesca. Allora, cosa serve? A mio avviso, occorre ridare forza e dignità allo Stato, rigettando ogni progetto federalista, abolendo le regioni (anche quelle a statuto speciale), ripristinando invece pienamente le province. In breve, serve una virata a 360 gradi che cancelli la deriva decadente dal punto di vista morale, spirituale e sociale degli ultimi 55 anni. L’Italia va rifondata a partire da due principi cardine: Autorità e Dovere.

    • Federico on 15 Aprile 2019 at 21:36
    • Reply

    Anche le FFAA ed FFOO dovrebbero essere potenziate, ma una visione post 68-ina sinistra ed anti-italiana lo impedisce.Disarmo a senso unico (noi) sempre e comunque.
    La difesa/sicurezza è il cardine di un moderno stato democratico.

    Per questa ideologia becera e superata il comparto difesa/sicurezza andrebbe totalmante azzerato. A meno che ovviamente non si tocchino gli averi,gli interessi ed i lauti stipendi delle sx radical chic.
    Allora in quel caso tutto cambia!

    • Raffaele on 20 Aprile 2019 at 11:57
    • Reply

    ❤️

Rispondi