Apr 25

Roma non chiede di essere salvata ma di essere trattata da Capitale d’Italia

Roma non chiede al governo di essere salvata: chiede di essere trattata da Capitale d’Italia, perché la Capitale è il biglietto da visita di qualunque nazione. Per questa ragione Fratelli d’Italia voterà qualunque provvedimento che vada nel senso di aiutare la Capitale d’Italia. E chiediamo al governo di trovare altro su cui litigare e di non farlo sulla pelle dei romani.

Condividi

6 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Pino 007 on 25 Aprile 2019 at 02:52
    • Rispondi

    Sforzi, chiacchere, ma ai romani ( quei pochi rimasti ) cosa gliene po’ fregare se Roma e’ capitale oppure no, ormai hanno buttato la spugna non hanno piu’ speranza di avere una citta’. Ma nessuno muove un dito e se anche lo volessero fare verrebbero affogati da una masnada di bestie infuriate che Roma la vogliono cosi’ come e’ senza regole e nella immondizie piu’ profonda. Roma e’ in mano dei rom, dei russi, dei musulmani, dei nigeriani, dei popoli che non possono fare nel loro paese quello che invece possono fare indisturbati a Roma spalleggiati dai quei quattro comunisti che si sollazzano nel vederla distrutta.

    • maria angela on 25 Aprile 2019 at 09:28
    • Rispondi

    con rispetto,ma in verità,i cittadini romani dovrebbero essere i PRIMI a rispettare la propria città,invece evidentemente se ne infischiano:si scelgono il sindaco,non rispettano le regole sui rifiuti…

    • Sandro Cecconi on 25 Aprile 2019 at 17:13
    • Rispondi

    Giorgia,

    devi cambiare il titolo perché Roma, la Capitale d’Italia, non deve chiedere di essere trattata da Capitale. Deve pretenderlo, le spetta di diritto per ciò che è, è stata e sempre sarà. Inoltre il prossimo Sindaco di Roma non può che essere un Dirigente di FdI. Lo devi pretendere.

      • graziella colman on 25 Aprile 2019 at 21:18
      • Rispondi

      ,
      La saggezza popolare dice che “il pesce puzza dalla testa” ovvero: il male arriva sempre dall’alto, proverbio molto adatto a descrivere la situazione disastrosa in cui versa attualmente la Capitale. È proprio la classe dirigente di ieri e di oggi ad aver portato a questo disastro “l’ex caput mundi” che richiede urgentemente un Cincinnato…

        • Sandro Cecconi on 26 Aprile 2019 at 11:13
        • Rispondi

        Concordo. A mio avviso il tema di Roma Capitale nella sua totalità deve entrare nell’agenda politica nazionale e internazionale di Giorgia Meloni.
        So bene che ci saranno i fuochi di sbarramento stupidi, faziosi e beceri anche dei c.d. “amici” e media a loro vicini e/o contigui che cercheranno in ogni modo di contrastare tale rivoluzione culturale, come so altrettanto bene che le fatiche saranno enormi per via della sciatteria e il becerume intellettuale e culturale oggi imperante in Italia in ogni dove e in ogni ambito, ma deve essere comunque portata avanti tale proposta sino alla totale accettazione da parte di tutti – ormai è ben nota la nostra conoscenza della idiozia che ci circonda in ogni settore – perché se, come afferma giustamente Giorgia Meloni, andiamo in Europa per cambiare tutto, è proprio cambiando radicalmente e subito la Capitale d’Italia come primo atto che diamo un segnale molto forte all’intero mondo guadagnandoci il rispetto vero di tutti. Che la feccia, la gentaglia e la marmaglia da cui siamo circondati starnazzino pure, tanto sono destinate ad essere obnubilate per sempre e condannate alla vergogna generale.

        • Sandro Cecconi on 26 Aprile 2019 at 12:35
        • Rispondi

        Avevo dimenticato per la fretta di aggiungere che il tutto di cui in precedenza all’interno di una riforma totale dell’organizzazione dello stato tesa a ad abbattere la burocrazia asfissiante allargando competenze e relative responsabilità a Comuni, Province e Regioni all’interno di un quadro generale culturale, economico e sociale. In sintesi: una vera rivoluzione tesa a alla totale efficienza della nostra Italia. Come dire: il pensiero trasformato in azione e per fare un esempio realizzabile immediatamente trasformazione della denominazione del partito da Fratelli d’Italia in Identità Italia per dichiarare già attraverso il nome chi siamo veramente e cosa è il nostro programma enunciato.

Rispondi