Governo, FdI in piazza con petizione per chiedere elezioni subito

Fratelli d’Italia in piazza contro i governi di inciucio! Anche oggi siamo in diverse piazze italiane per permettere ai cittadini di firmare la nostra petizione per chiedere elezioni subito.

LE FOTO DAI GAZEBO DI TUTTA ITALIA

FIMA ONLINE LA PETIZIONE #ELEZIONISUBITO

Condividi

15 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Giuseppe il 26 Agosto 2019 alle 02:03

    ELEZIONI

    • Giuseppe. Luzzi Conti il 26 Agosto 2019 alle 10:22

    Non subito, adesso!!!

    • Giuseppe. Luzzi Conti il 26 Agosto 2019 alle 11:06

    Se ti muovi con determinazione ma nello stesso tempo guardinga prenderai il 9/11%di voti. Fidati

    • Giuseppe. Luzzi Conti il 26 Agosto 2019 alle 11:08

    Gli argomenti che bollono in pentola sono numerosi. Il sottoscritto li ha valutati e vorrei anche con messaggistica discuterli con te. Ciao

    • Fabio Bertoli il 26 Agosto 2019 alle 15:09

    gentile Sig.ra Meloni ci salvi da questa terribile situazione di inciuccio tra PD e 5 stelle vergognoso il popolo vuole e chiede elezioni e con Lei e Salvini ci sentiremo protetti …complimenti per il suo lavoro di programma e serieta’ politica che ad altri purtroppo manca sopratutto il vergognoso PD la ringrazio augurandole successo e buon lavoro e il suo successo sara’ anche il nostro

    • giacomo il 26 Agosto 2019 alle 15:36

    subito elezioni…….

    • Franco Cordiale il 26 Agosto 2019 alle 17:41

    MA PRIMA bisogna ORGANIZZARE IL CENTRO DESTRA. Capisco, é una delle dodici fatiche di Ercole. Serve un programma condiviso che comporti RECUPERI DI SOVRANITA’, nel pensiero del “sovranismo costituzionale”, che i catto-comunisti confondono volutamente con il vecchio nazionalismo delle colonie e delle guerre. Anche Berlusca non ha le idee chiare in argomento, considerando come modello il vecchio LIBERALISMO e non comprendendo affatto le minacce che ci giungono dalla GLOBALIZZAZIONE NEO CAPITALISTA, interessata a far fuori gli stati sovrani, cominciando dal più debole e sfasciato: il nostro !

    • Riccardo Crocetti il 26 Agosto 2019 alle 21:24

    “Restare attaccati alle poltrone, costi quel che costi!”, ecco cosa intendeva quel verme di beppe grillo ( brillo, grullo,chiamatelo come vi pare) quando disse :” Se riusciamo ad essere eletti , apriremo il parlamento come una scatola di tonno!”.

    • Servi Piero il 26 Agosto 2019 alle 21:33

    Giorgia suggerisco per contrastare la stucchevole saccenza di molti che tu proponga che ogni domenica intorno alle ore 12,00 chi non condivide il PD al governo si rechi nella piazza del comune dove si trova con qualcosa di bianco in mano,un fazzoletto di stoffa o di carta,carta igienica,un foglio di quaderno
    Ogni domenica,piazza del comune dove sei,intorno ore 12,00,qualcoa di bianco in mano

    • namastenada@gmail.com il 27 Agosto 2019 alle 08:53

    urgente compattare il centro destra senza FI

    • Pino 007 il 27 Agosto 2019 alle 12:41

    – Elezioni subito…. d’accordissimo.
    – Restare attaccati alle poltrone,….. questo il dilemma e la preoccupazione. —- Organizzare il centro destra, …. questo si che e’ un enorme problema.

    Il problema principale e’…. chi mettiamo al comando?
    Credete che Berlusconi lasci Salvini o la Meloni al primo posto?? Ho i miei dubbi. Poi sotto che segno ? Lega ? FdL ? o FI ? Anche quest’ultima il Berlusconi vorrebbe sia FI. Salvini credete che non vorrebbe il simbolo della Lega? E la Giorgia non credete che anche lei voglia il suo simbolo ? E allora…..? Tanto per cominciare, creare un nuovo simbolo, poi tutti e tre a tavola per un lungo e costruttivo dialogo, tenendo le dita ben incrociate. Questo quando ? Il tempo stringe e l’Italia non e’ piu’ in condizioni di resistere.
    Dimenticavo, dove la mettiamo quella ancora immensa quantita’ di comunisti irriducibili ? E dove li mettiamo tutti quei PDessini che ancora stanno attaccati alla poltrona? E le 5 vacchette grasse che non vorranno perdere quei bei stipendi, dove li mettiamo ? Certo che sara’ una lunga e dura lotta. Si dice che l’unione fa la forza……!! AUGURI.

    • Federico Puglia il 27 Agosto 2019 alle 15:34

    Prima di ricevere la Delegazione iniziale di oggi, sentiti gli scambi di distanza dei Leader nei due Partiti interessati (PD e M5S), sarebbe corretto che il Presidente Mattarella gli risentisse, per capire se ha senso perdere ancora due giorni, oppure designare il Governo che porterebbe tra 1,5-2 mesi al Voto e bloccare ogni audizione, qualora Zingaretti e Di Maio confermassero le distanze della presente mattinata (27.8.’19). Dopodiché, in uno-due giorni fornire la data per il Voto, che sarebbe così tra metà Ottobre ed inizio di Novembre (mi pare sia il 6/11 l’ultima data da considerare). In due mesi si avrebbe tutto il tempo poi, di formare un Nuovo Governo e trascrivere la manovra di Bilancio che, nei mesi precedenti al Voto, I Partiti/Coalizioni avrebbero tutto il tempo di formulare. Se si vuole, con la Buona Volontà, TUTTO si può fare; se invece si deve per forza designare un Governo con il PD, per le 400 Poltrone degli Enti del prossimo anno e per le elezioni del nuovo Presidenti, allora andremo avanti con i giochini per giorni, se non una settimana.

    • LUIGI DI MARTINO il 27 Agosto 2019 alle 17:58

    CARA MELONI SIA FDI , FI ,LEGA ESCANO DALLE AULE AL MOMENTO DELLA VOTAZIONI. IL GOVERNO GIALLO ROSSO SARA’ UNA DISGRAZIA PER GLI ITALIANI

    • RICCARDO e FEDERICA GENTILINI il 27 Agosto 2019 alle 20:12

    Vogliamo VOTARE. Chiamate la PIAZZA, risponderemo. No a chi se ne frega di noi, agli ipocriti che vogliono il nostro bene ignorandoci

    • Franco Cordiale il 28 Agosto 2019 alle 10:38

    SU UN PUNTO, NON ABBIAMO DUBBI. Questa che sta avvenendo non é solo una italianissima “battaglia per le poltrone”, tra PD e cinquestelle, in perfetta coerenza con la “prima repubblica”. Non é nemmeno l’occasione per un mero rilancio strategico e tattico del centro-destra, giocato sulle funzioni di leadership di Berlusconi, Salvini, Meloni, che l’opinione pubblica immagina e forse desidera in lite tra loro, per reciproca concorrenza. NO ! E’ occasione per lanciare davvero un nuovo modello politico, economico: alternativo rispetto alla GLOBALIZZAZIONE NEO CAPITALISTICA gradite alla finanza dei Soros e dei Goldman Sach, dei Rokefeller, Bundesbank & company. Si chiama SOVRANISMO COSTITUZIONALE, ben altra faccenda rispetto al vecchio nazionalismo guerrafondaio della prima e seconda guerra mondiale, da cui De Gasperi e Luigi Einaudi presero giustamente le distanze. E’ il tentativo, giusto e doveroso, di reagire alla strategia di AZZERAMENTO DELLO STATO NAZIONE ad ogni livello, nascondendosi dietro l’ipocrisia “NO BORDER” delle racchette mangiacrauti, utili idiote di chi organizza e favoreggia in alto loco la traduzione interessata e manipolata dei clandestini-sedicenti-profughi dall’Africa all’Italia. Essa SFRUTTA I “MIGRANTI” solo a fini di speculazione mafiosa, economica e politica. COMPLICE QUESTO VATICANO. Un’Europa più equa, invece, non potrà mai cancellare le prerogative dello stato sovrano: non a caso francesi e tedeschi fanno assolutamente valere le loro, negando invece all’Italia diritto equivalente. Sotto questo profilo, se ben lavora, sarà F D I a costituire il baricentro politico del centro-destra . Non ci sono alternative. Altrimenti una regressione di secoli: Italia come terra di nessuno o terra di mezzo, discarica dove ciascuno, italico mascalzone o straniero farabutto e profittatore che sia, può fare impunemente i suoi porci comodi !

Rispondi