4 novembre, grazie a chi ha combattuto per la Patria e ogni giorno onora il tricolore

Nella Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, un grazie a chi ha combattuto per la nostra Patria e a chi ogni giorno onora e difende il nostro Tricolore. Viva l’Italia.

Condividi

7 commenti

Skip to comment form

    • Gloria Zorzenone on 4 Novembre 2019 at 20:54
    • Reply

    Viva l’Italia! Ma…. la Sig. Boldrini afferma che i figli degli immigrati saranno i veri patrioti con cittadinanza italiana. Il piano è lapalissiano. Affrettiamoci non c’è tempo!!!!!!!!!!!

    • Gloria Zorzenone on 4 Novembre 2019 at 20:59
    • Reply

    Come ho affermato in precedenza, il Baffometto è pericoloso : il salto del cavallo in Toscana. Attenzione!

    • Pino 007 on 5 Novembre 2019 at 02:19
    • Reply

    Come puo’ la gioventu’ moderna apprezzare il patriottismo se non hanno neanche fatto il servizio militare, che sarebbe piu’ che giusto rintrodurre, se si vuole un futuro popolo italiano. Pago 100 euro a persona giovane che intervisterete e che sappia cosa e’ il 4 Novembre. Mentre che me ne darete 50 a me per ogni risposta corretta. Saro’ riccooooooo !!!

    • Gino Cerutti on 5 Novembre 2019 at 14:34
    • Reply

    DECENNI E DECENNI DI DISEDUCAZIONE POPOLARE, A COMINCIARE DALLA SCUOLA DI MASSA (definita “accogliente ed inclusiva”), hanno semplicemente cancellato la memoria storica e a volte perfino linguistica, per non dire artistica e letteraria, della nostra patria, nelle nuove generazioni. In cambio di cosa ? Di vagheggiamenti globalisti ed ecologisti, che quasi mai si traducono in azioni di qualche utilità, andando oltre un generico sentimento di “apertura al diverso”, buono finché si tratta di negare LIMITAZIONI E BARRIERE di ordine legale e soprattutto MORALE (in pratica: faccio quel che mi garba; non mi scocciate !) e sessuale, ma del tutto sterile quando bisogna aprirsi a qualche DOVERE E SACRIFICIO che comporti anche piccole scomodità !
    In compenso tanta bella DROGA LIBERA ! e TANTI BEI “RAVE PARTY”…giusto come quello che ha trasformato l’aula magna della Statale di Milano (già feudo dei vari Capanna e Cafiero) in una sconcia PORCILAIA !
    La beneficiaria di tutto ciò si chiama MAFIA. La mafia iper protetta e iper garantita sia dal parlamento europeo (chi lo usa e manovra), sia dai “garantisti” nostrani, come il RADICALE NICOSIA, ben noto alle cronache giudiziarie come ufficiale di collegamento tra capi mafia e istituzioni dello Stato.
    Quando Ercole ripulì la stalla di Augìa, la sua fu una piccola fatica, rispetto a quella che si dovrà compiere in Italia !

    • giacomo on 9 Novembre 2019 at 22:16
    • Reply

    è giusto che sia così, ma il 4 novembre lo hanno tolto come giornata festiva, ……. (Festa Nazionale) anniversario della Vittoria, la quale è costata molte Vite umane…..

    • Federico on 13 Novembre 2019 at 00:56
    • Reply

    .
    Lo possiamo ancora dire W l’Italia ed il suo fantastico popolo o verremo arrestati,censurati,perseguitati come pericolosi “attentatori” del globalista,dogmatico,indiscutibile pensiero unico sinistro?
    Gli anti-italiani svenduti dei palazzi intelletuali radical chic odiano l’amore che la gente ha per la propria terra.
    Ho servito per un anno il mio paese prestando servizio in un glorioso reggimento di artiglieria.
    La mattina tutti i ragazzi inquadrati sul piazzale con l’inno e la bandiera che veniva innalzata.

    • Franco Cordiale on 13 Novembre 2019 at 11:11
    • Reply

    Purtroppo il popolo italiano, frammentato, fuorviato e spesso corrotto, come insegnavano Dante, Machiavelli, Foscolo, Manzoni, Salvemini, Croce e altri illustri pensatori…avrebbe bisogno di un nuovo UMANESIMO e di un nuovo RISORGIMENTO per assurgere a vero POPOLO-NAZIONE. Ma non vi accorgete che il CULTURAME POLITICALLY CORRECT, coi suoi Fazio e la soubrette radical chic pseudo umoristica che lo accompagna, con le sue “repubbliche”, “radio capital”…procede sempre e solo a disintegrare ogni sentimento di identità e di appartenenza che gli italiani potrebbero ancora possedere ? L'”operazione Segre” rientra in questo piano: mostrare che il problema numero uno che affliggerebbe la penisola non sarebbero la disoccupazione, le tasse, l’insicurezza quotidiana per cui puoi venire accoltellato alla gola da un pluriomicida in licenza premio, come successo a Milano ! Sciocchezze ! E’ la “DERIVA FASSISTA-RASSISTA” a doverci togliere il sonno la notte…

Rispondi