Aeroporti; Pescara, grazie a Governatore Marsilio per impegno su scalo Abruzzo, FdI mantiene le promesse

Fratelli d’Italia mantiene le promesse: grazie all’impegno del governatore Marsilio, finalmente è stato dato il via libera al prolungamento della pista di volo dell’aeroporto d’Abruzzo. Un intervento strategico e atteso da tempo che permetterà allo scalo di diventare un hub nazionale e ospitare voli intercontinentali. Più collegamenti, più infrastrutture, più ricchezza. È quello che avevamo promesso agli abruzzesi: far uscire la Regione dal suo isolamento. Ci stiamo riuscendo. Andiamo avanti.

Condividi

6 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Pino 007 il 19 Novembre 2019 alle 05:02

    Ahiiii !! che dolore di denti, l’Abruzzo avra’ una pista da 3000 per ospitare aerei di voli internazionali e la sinistra non ci aveva pensato. Ammazza che legnata sulle gengive, fara’ male???

    • Alberto Busato il 19 Novembre 2019 alle 14:08

    La legnata sulle gengive la sopporta, ma l’alleanza con le cinque stelle le farà cadere tutti i denti…

    • Gloria Zorzenone il 20 Novembre 2019 alle 09:58

    Sono arrivate le sardine radical chic : ragazzi perbene che contrastano quelli dei centri sociali . Capito l’antifona? Che sia anche una mossa anticipata per proporre il voto ai 16enni e toglierlo agli ultra 60enni? Chissà! Per dirla tutta aspetto le trote e i salmoni. E poi… Il Baffo metto ha già disposto la proibizione del voto per contrastare , dice lui, Salvini? Com’è sicuro eh? Queste affermazioni, dette da lui, provocano in me un profondo senso di disagio e di allarme. E il Quirinale tace. Come sempre.

      • Pino 007 il 10 Marzo 2020 alle 07:01

      A parte qualche zaganella fatta di nascosto al bagno, ma a 16 anni cosa cavolo possono capire di politica ? Basta guardare i nostri bravi adulti trentenni e quarantenni che ancora votano per il PCI camuffato da PD e dai 5 Barboncini.
      Senza meno e’ una manovra per togliere il voto a chi voterebbe FdI o Lega, cioe’ per una democrazia

    • Gloria Zorzenone il 20 Novembre 2019 alle 19:37

    Quando si afferma che anche gli italiani sono immigrati alla stessa stregua di coloro che sbarcano a tutt’oggi in Italia, si scorda di dire una cosa molto importante, poiché la differenza è notevole. Servono passaporto, carta d’identità e contratto di lavoro. Sul contratto l’assunto si impegna di rispettare le leggi, gli usi e i costumi del Paese che lo ospita. Dovesse infrangere o commettere un qualsivoglia reato, sarebbe immediatamente rimpatriato. Sono forse razzisti ? Personalmente non lo credo.

    • Gloria Zorzenone il 21 Novembre 2019 alle 09:45

    Siamo alla follia. Follia pura. Comuni che ( se la manovra verrà approvata) potranno attingere al tuo conto corrente bancario, M5s che propone il voto attraverso la piattaforma Rousseau…. Il bello però deve ancora venire, poiché pare vogliano nominare 12 amministratori e 6 esperti nelle varie materie , che consiglieranno il capo del loro partito in merito alle decisioni da prendere. Una specie di Stati Generali. ( Così ho capito) . Manca solo che vogliano evocare Robespierre, Danton e Marat. Forse glielo proporrò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.