Trenta, dopo casa anche cane con auto blu e scorta, altro che lotta ai privilegi del M5s

Dopo lo scandalo della casa a cui non voleva rinunciare, ora si aggiunge la scorta con l’auto blu (pagata dai contribuenti) al cane dell’ex Ministro Trenta. Alla faccia della lotta ai privilegi del M5S.

Condividi

2 commenti

    • francesco clausi on 20 Novembre 2019 at 19:55
    • Reply

    a Napoli c’è un vecchio detto popolare che dice “mimì me vuo ra na vacca ma che si scemo e si te truav scem” trdotta: mimimi vuoi dare una vacca? ma sei scemo? e se ti trovavo scemo| cosi succede nella nostra attuale situazione politica Il ministro Trenta ha chiesto, la politica ha dato. senza ma e senza se Il movimento 5 stelle al di la delle stelle è formato da uomini e si sa ilcointagio è inevitabile. Mai possibile che in un mondo di ladri fossero così onesti? no perchè in un mondo di ladri gli onesti vengono annientati invece loro sono li ed hanno anche pretese. Unica giustificazione l’incompetenza unica accusa la testardaggine unica spiegazione un bel stipendio e tanti ma tanti privilegi questa è la nostra politica da semre e a mio modesto parere per sempre

    • Pino 007 on 21 Novembre 2019 at 04:49
    • Reply

    Ah Ah Ah !!!! Dimenticate che siamo in Italia,?? E’ da anni che ci troviamo in mano ad un nutrito gruppo di ladri professionisti, che vi ricordo avete votato fin dalla prima volta, poi da li’ in avanti si sono scambiate le poltrone tra di loro fino ad oggi. Quindi e’ inutile strillare allo scandalo, tanto si copriranno sempre a vicenda e se possono cercheranno di non far trapelare lelloro stronz..e.
    Allora…..???? Andiamo al voto oppure no ????

Rispondi