Reddito di cittadinanza, Meloni: Evasori, delinquenti e terroristi islamici ringraziano Conte, Di maio e Zingaretti. Grazie a GdF per aver scoperto ennesimo scandalo

Dopo assassini, brigatisti, spacciatori ed evasori, il reddito di cittadinanza annovera da oggi tra i suoi beneficiari anche i terroristi islamici. Grazie alla Guardia di Finanza di Bologna per aver scoperto l’ennesimo scandalo: due tunisini hanno intascato i soldi del reddito di cittadinanza, hanno usato un money transfer in provincia di Ferrara per spedire all’estero i soldi e finanziare un pericoloso foreign fighter. Doppio capolavoro della sinistra Pd-M5S: buttare miliardi di euro nel reddito di cittadinanza e cancellare le tasse sui money transfer, che sono funzionali alle mafie straniere e alle organizzazioni terroristiche. Evasori, delinquenti e terroristi islamici ringraziano Conte, Di Maio e Zingaretti.

Condividi

8 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • mauro parroccini il 2 Dicembre 2020 alle 19:01

    C’è poco da commentare, non si capisce chi prende queste decisioni e perché …. Bisogna fare un corso per capire quali ragionamenti spingono gli pseudopoliti a fare questo e altro tipo Boldrini rimango senza parole… Auguri a tutti e buona permanenza all’ inferno

  1. Il “governicchio” che abbiamo oggi;è complice dei terroristi e dei delinquenti stranieri che stanno invadendo l’Italia. Spero che un giorno siano tutti processati ed INGABBIATI ASSIEME AI DELINQUENTI CHE IMPORTANO!

    • Giorgio il 2 Dicembre 2020 alle 20:57

    Giorgia mi fa’ piacere questa notizia, tra il popolo e direttori di testate di giornali di questo casino. È giusto che entri la gdf che si rendano di questi disgraziati, nelle spalle di questo popolo stremato.voi della opposizione fate la voce grossa con questo teatrino di incoerenza

    • MARIA GRAZIA bielli il 3 Dicembre 2020 alle 17:50

    Ormai era noto, ma sottaciuto che quel reddito di cittadinanza non aveva alcun furo, mancando, specialmente al sud (anche prima del virus) nessuna possibilità di lavoro, grazie a chi ha consentito di svendere o far traferire le poche imprese che vi erano. Oltre a dare quest’obolo a babbo morto, lo hanno dato anche agli immigrati che lo trasferivano nei loro paesi per mantenere famiglie, malavita e stragisti. Non bastava, oggi, tolgono le tasse per i transfert money, così si facilitano le cose…e a pagare quel mancato introito ,saremo come sempre noi!

    • Pino 007 il 4 Dicembre 2020 alle 05:26

    Stiamo rimestando lo stesso minestrone di sempre.
    O si cambia zuppa usando differenti ortaggi oppure ci fregheremo con le nostre stesse mani se non entriamo in cucina. Capito ?????

    • Gino Cerutti il 4 Dicembre 2020 alle 18:43

    TASSARE E CONTROLLARE I TRANSFER MONEY, TIPO WESTERN UNION! O LA GUERRA AL CONTANTE VALE SOLO PER GLI ITALIANI.?

    • Gino Cerutti il 5 Dicembre 2020 alle 19:47

    Due pesi e due misure. I commerci degli italiani devono essere SIA TRACCIATI, SIA TASSATI (vedi commissioni bancarie per uso POS, vedi tassazioni e imposte sui conti correnti, vedi IMPOSTA PATRIMONIALE in arrivo… Etc), mentre con le varie “western union” E transfer money in genere, puoi spostare i soldi e di qualsiasi importo, senza lasciare traccia ! Purche’ a farlo siano STRANIERI. Su conti e destinatari che non si possono conoscere, visto che qui la privacy e’ sacra ed inviolabile.
    Ecco perche’ i CINESI dispongono di tutta la liquidita’ che vogliono, e ne fanno ampio utilizzo per impadronirsi via via di fette sempre piu’ grandi di mercato e beni nazionali.
    Per non parlare dei traffici delle MAFIE CRIMINALI: nigeriana, marocchina, tunisina, algerina, sudanese, egiziana… albanese, rumena, moldava, pakistana, cinese, russa. Convintissimo, e ci credo, di trovare in Italia una terra di nessuno dove praticare a man salva o quasi, qualunque delittuoso commercio. Visti anche i MARGINI DI IMPUNITA’.
    Un esempio ? Informatevi sulla ormai famosa “truffa della costa d’Avorio” o anche “truffa alla nigeriana”. E capirete meglio.

    • Franco Cordiale il 6 Dicembre 2020 alle 10:25

    Conclusione pacifica e inconfutabile. ESISTE UN ‘ASSE (meno nobile di quella del gabinetto) che lega le forze ANTI italiane, europeiste ed immigrazioniste anti italiane, suddite di chi ha interesse a CALPESTARCI ED UMILIARCI.
    Le sue icone sono ben rappresentate nel manifesto. Ecco la grossa crapa dello ZINGAROTTI, un vuoto a rendere, ma pieno di menzogna e di ottusa ideologia… la faccia melensa del bibitaro campano, i cui neuroni somigliano a bollicine di coca cola, e quella del visconte dimezzato, impegnato ad arrampicarsi sugli specchi pur di darcela a bere (non la coca cola…)

Rispondi