Attacco hacker, Meloni: Zingaretti smetta di nascondersi, dica come stanno le cose e dia garanzie su ripristino

Da giorni tutti i sistemi della Regione Lazio sono inaccessibili a causa di un attacco informatico, attualmente non è nemmeno possibile raggiungere il sito internet, di conseguenza i cittadini, le imprese e gli enti locali non possono interfacciarsi con l’Ente regionale. Da quello che si legge sugli organi di stampa, non è accessibile nemmeno la copia dei dati perché sarebbero stati custoditi all’interno dello stesso complesso di server hackerato. La vulnerabilità dei sistemi della Regione Lazio è disarmante, così come anche la gestione e la reazione all’attacco dei pirati informatici. Un ente così importante che gestisce servizi critici ed essenziali non può in nessun modo rimanere inaccessibile per così tanto tempo, ad oggi non si capisce se e quando verrà ripristinato il sistema, qui ci sono delle gravi responsabilità e qualcuno deve risponderne immediatamente. Zingaretti la smetta di nascondersi e dica realmente come stanno le cose, dica cos’è accaduto e spieghi perché un data center inaugurato nel 2019 è stato messo così facilmente in ginocchio. Ma soprattutto dia garanzie sul ripristino, altrimenti prenda seriamente in considerazione la possibilità di rassegnare le sue dimissioni. Dopo lo scandalo di concorsopoli e la maxi truffa sulle mascherine, il disastro causato dall’attacco informatico mette definitivamente nero su bianco l’incapacità dell’attuale governo della Regione Lazio.

Condividi

5 commenti

Vai al modulo dei commenti

  1. Mah… dubito che se avessero attaccato la Regione Lombardia o la Sardegna sarebbe andata diversamente. Nel Lazio c’è la capitale, ovvio che hanno scelto quella regione, coi dati dei politici e quant’altro da hackerare. Se fossi stato al loro posto avrei fatto lo stesso. Zingaretti è solo lo sfigato al posto sbagliato nel momento sbagliato, volentieri far cadere la sua testa per quante ne ha combinate e perchè cmq è un bastone fra le ruote appartenente alla losca sinistra e prima ce li leviamo di torno meglio è, ma ciò non credo risolverà in 4 e 4 = 8 il problema della carenza tecnologica dell’intero paese.
    Quanto a dimettersi: non s’è dimesso Speranza con le migliaia di morti per il Covid ed il piano d’emergenza su cui ha mentito, vuoi che si dimetta Zingaretti? In questo paese non si dimette nessuno e non c’è pressione popolare o politica o etica per far dimettere chicchessia. Altro che suidicarsi per disonore come in Giappone!

  2. Come è stata gestita la sanità in Lombardia ce lo siamo scordato, Meloni? Ok che sei di Roma e ti tocca più da vicino quanto successo nel Lazio, ma non attacchiamo la gestione criminale ed inetta della Lombardia perchè è in mano alla Lega? Quando ti leverai la palla al piede della Lega, che rischia di trascinarti nel baratro con lei? Vale davvero la pena allearsi con quelli, pena il rischio di non finire al Governo? Che altro si può fare per convincere chi li votava a scegliere il tuo partito, e arrivare al Governo puliti puliti con solo i propri voti? Io non ce la farei ad allearmi con Salvini ed accoliti, e nemmeno con Berlusconi, ad essere sincero. Magari un giorno, quando la Natura farà il suo corso, Forza Italia potrà anche darsi una ripulita di facciata, ma finchè sta lui al comando…

  3. Personalmente ad un individuo come Zingaretti, non darei in gestione nemmeno un bagno pubblico. Inoltre, il disgraziato Haker, se preso, lo condannerei all’ergastolo;perchè bloccando tutto il sistema sanitario laziale, può aver causato morte di pazienti in attesa di interventi o di mancate cure ed informazioni.

  4. Inoltre, basta vedere come è “curata” la sanità laziale;basterebbe andare a far visita al policlinico Umberto Primo, per rendersi conto del disastro ambientale e strutturale ed anche igienico;. Per non parlare della “manutenzione” (???) del verde nel Policlinico. E’ roba da non credersi, come è trascurata;inoltre, anche una fontanella, sempre aperta che perde migliaia di,litri d’acqua al giorno. E questo è un oltraggio a chi non ha nemmeno l’acqua da bere.Ma a Napoli diciamo: ‘O pesc puzz da cap. = Il pesce puzza dalla testa. Che testa c’è a dirigere il Policlinico Umberto Primo di Roma. ???????????

    • Pino 007 il 11 Agosto 2021 alle 05:30

    Viva Cristiano, ha sparato la vera verita’, breve e concisa. E io che ci giravo intorno ma non mi usciva. Merita un 30 e lode.
    Giorgia, dopo tutto, costui ha ragione.
    P.

Rispondi

Twitter

fratelli-italia.it

Google+

Instagram

Sorry:
- Could not find an access token for giorgiameloni.

Ultimi articoli