Covid, Meloni: Speranza provveda a potenziare rete territoriale di assistenza domiciliare

Dopo l’ultima importante impennata di contagi lo Stato di Israele ha deciso di potenziare le cure domiciliari, puntando su un farmaco sperimentato di recente, basato sul plasma iperimmune. È esattamente dall’inizio della pandemia che Fratelli d’Italia chiede al Governo di potenziare l’assistenza domiciliare, di andare oltre il protocollo “tachipirina e vigile attesa”. Centinaia di medici hanno curato il Covid con diversi farmaci, da mesi chiedono a Speranza di studiare la loro esperienza clinica per stilare un protocollo nazionale in grado di bloccare la malattia nella fase precoce, ma il Ministero della Salute ha eretto un vero e proprio muro di gomma. Ora basta perdere altro tempo, Speranza esca dal letargo, ascolti le esperienze dei medici impegnati a combattere il Covid e provveda ad organizzare e potenziare una rete territoriale di assistenza domiciliare.

Condividi

9 commenti

Vai al modulo dei commenti

  1. Specialmente nei 5S, al governo ,salvo un paio, il resto a cominciare das Speranza, li vedo imbranati, incapaci ed inetti. E mentre il medico studia, il malato muore. Si il popolo italiano innocente ma governato da deficienti e disonesti; perché se fossero onesti, avrebbero dovuto lasciare le poltrone e far -forse-salvare molti infettati dal virus, sia con l’assistenza domiciliare che con il super immunizzante.

    • Nicola il 16 Agosto 2021 alle 19:58

    Speranza è un inetto e mobbizzato anche lui! Cosa aspettate Voi di FdI a chiedere il suo allontanamento insieme a Lamorgese!
    Fatti concreti e non “di fioretto”!

    • Borghero mariantonella il 16 Agosto 2021 alle 22:11

    Abbiamo bisogno d’aiuto!!! Questa sera il governatore della Liguria Toti, ha parlato di trattamento sanitario per vaccinare i più recalcitranti. Non posso credere che lo abbia detto davvero…

    • Paolo il 16 Agosto 2021 alle 22:57

    Oggi un infermiera , dopo che ho espresso i miei dubbi sulla cura sperimentale, chiamata erroneamente vaccino, mi ha confermato che è cura sperimentale. Per rafforzare la tesi che bisogna farsi inoculare la cura, mi ha detto , molti sono morti anche per gli altri così detti, vaccini! Subito ho dato ragione ma dopo averci pensato, ho realizzato che non si può assolutamente , dare valore ad una cura perchè , tanti muoiono ma altri sopravvivono! Beh, bisognerebbe essere nei panni di chi è morto, se è contento o se maledice il giorno in cui si è fatto inoculare sostanze che hanno provocato, la sua morte! Non esiste il compiacersi di essere vivo e se qualcuno è morto , beh, ci sta! NO NON può STARCI! Questa è la prova del fallimento della scienza!Cioè, uno entra in concessionaria e il venditore , gli dice , questa vettura modernissima funziona molto bene ma qualche esemplare , NON frena! La compreremmo lo stesso la vettura , magari ottimamente reclamizzata? E se il nostro acquisto sul più bello NON frenasse ? C’è da riflettere su questo banale esempio e pensare alle cure perfette che perfette NON sono! UN caro saluto a tutti!
    Paolo

    • Roberto Campus il 17 Agosto 2021 alle 00:29

    Migliaia di dottori (e intere nazioni) usano vari protocolli, fra i quali il piu’ effettivo e’ l’ivermectina. Ci sono dozzine di studi che ne confermano l’efficacia. https://covid19criticalcare.com/ivermectin-in-covid-19/

    • Franco Cordiale il 17 Agosto 2021 alle 05:27

    SE CI FOSSE ONESTA’ MORALE NEGLI INOCULATORI DEL SIERO SPERIMENTALE, onesta’ nel senso di buona fede, si noterebbero atteggiamenti che NON CI SONO.
    1. Affronterebbero con prove ed argomenti i dubbi e le riserve dei cosiddetti ” no vax”, senza trattarli da scolaretti indisciplinati o ragazzini irresponsabili e stupidi, additandoli come capri espiatori. Cio’ che fanno. Infatti diffondono la menzogna che siano I NON vaccinati i diffusori del covid !
    2. Offrirebbero garanzie economiche ai vaccinati, in caso malaugurato di ” incidenti”, pronti a dimostrare giudiziariamente la propria correttezza. A partire dai produttori di sieri genici.
    3. Accoglierebbero favorevolmente le TERAPIE DOMICILIARI CONTRO IL VIRUS anziche’ disprezzarle e minimizzarle, censurandone l’ esistenza, tramite i MEDIA , loro complici.
    MA PERCHE’ FANNO IL CONTRARIO ??

    • Pino 007 il 17 Agosto 2021 alle 09:03

    Visto che brava Israele? Ha copiato quello che speranza ha fatto fin dal primo giorno del virus. Speranza diede immediatamente ordine a tutto il sistema sanitario di andare casa per casa a salvare gli anziani, vero ????? Ma NO scherzavo, i nostri anziani stanno ancora aspettando, ma non preoccupatevi, appena speranza torna dalle vacanze verra’ personalmente da voi con la siringa in mano.

  2. La cura e’ disponibile e costa pochissimo – Ivermectin, come dimostrato ampiamente da vari studi e interi paesi che lo utilizzano. E ancora stiamo inseguendo vaccini che non servono a niente? E ancora spingono per questo Green Pass? Incredibile…. ma sappiamo bene chi tira le redini.

    Un recente studio pubblicato sul “American Journal of Therapeutics”:

    “Review of the Emerging Evidence Demonstrating the Efficacy of Ivermectin in the Prophylaxis and Treatment of COVID-19”.

    La conclusione, tradotta in italiano:

    “Le meta-analisi basate su 18 studi randomizzati e controllati di trattamento dell’ivermectina nel COVID-19 hanno trovato riduzioni ampie e statisticamente significative della mortalità, del tempo di recupero clinico e del tempo di clearance virale. Inoltre, i risultati di numerosi studi di profilassi controllata riportano una riduzione significativa dei rischi di contrarre COVID-19 con l’uso regolare di ivermectina. Infine, i numerosi esempi di campagne di distribuzione dell’ivermectina che portano a una rapida diminuzione della morbilità e della mortalità a livello di popolazione indicano che è stato identificato un agente orale efficace in tutte le fasi del COVID-19.”

    • Nicoletta il 18 Agosto 2021 alle 20:47

    Per il momento riguardo la terapia che stanno adottando in Israele , noi non abbiamo saputo fare niente di meglio che portare il medico che l’aveva messa in pratica ma non creata , al suicidio, tralascio ogni commento. Per favorire la terapia domiciliare occorrono medici intenzionati a metterla in pratica e con i soggetti che abbiamo come medici di base , non parlo di tutti , grazie a Dio ci sono tante eccezioni, ma in maggioranza è una fauna ed una flora da dimenticare .

Rispondi

Twitter

fratelli-italia.it

Google+

Instagram

Sorry:
- Could not find an access token for giorgiameloni.

Ultimi articoli