RdC, Meloni: Le truffe continuano. Governo investa su lavoro, no su paghetta di Stato

Mentre il governo si appresta ad alzare l’età pensionabile e cancellare l’assegno di invalidità a chi svolge un piccolo impiego, continuano le truffe legate al reddito di cittadinanza. Il caso isolato del giorno riguarda 70 extracomunitari, che hanno frodato lo Stato per la somma di un milione di euro. Perché il governo non inizia a investire seriamente nel lavoro (quello vero), piuttosto che continuare a finanziare la paghetta di Stato?

Condividi

5 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Attilio il 28 Ottobre 2021 alle 13:08

    Scusate ma ancora oggi vengono palesate tutte le porcate del RDC che sistematicamente escono alla ribalta. Se ne parla in continuazione, si fa propaganda continua, ma ancora una posizione forte e concreta non l’ha presa nessuno. Se non fosse x le indagini che portano alla luce le truffe, il tutto passa nell’indifferenza più assoluta. Il governo tutto e tutto il parlamento Fanno demagogia. Bisogna agire con durezza e fermezza, ma questo non accadrà mai perché nessuno vuole mettere mano a questo problema ed intanto c’ho ha un reddito fisso deve pagare le tasse per mantenerli. Tasse che si aggirano a circa il 45 % e non è giusto. Nessun partito ha il coraggio di dire basta perché sa che non gli conviene. Hanno creato un mostro con il RDC. Il principio di aiutare chi ha bisogno e giusto ma occorre preventivamente accertare gli aventi diritto e poi inserire le persone nel mondo del lavoro. Gli strumenti ci sono ma non vogliono utilizzarli.

  1. Cara Giorgia, in una vera democrazia,il ruolo più importante in Parlamento,lo ha la sinistra;ma solo per salvaguardare gli interessi del popolo;la destra crea ricchezza e lavor;ma si succhierebbe il sangue dei dipendenti. Oggi in Italia e da almeno 20 anni; la sinistra “governa” solo con tasse, non sa creare lavoro. Come si dice a Napoli:’A carn acopp è ‘a pasta ‘a sott = La CARNE SU E LA PASTA SOTTO (RIGUARDO AL RAGù DELLA DOMENICA) Quindi gli incapaci cosa possono fare?….solo stronzate e basta. Ma se avessero coscienza, tornerebbero al loro ruolo importantissimo: Livellare i diritti del popolo ai doveri delle imprese.

    • X MAS il 28 Ottobre 2021 alle 19:14

    IL reddito per nullafacenti,serbatoio elettorale dei 5 stalle,non verrà ne abolito ne modificato come dovrebbe essere.Le truffe continueranno ad esserci e cio’ che fa piu’ inca…re e che vengono anche dal popolo dei clandestini dove basterebbero pochi controlli per sgamarli.Come facciano a presentare una certificazione ISEE è un mistero.
    Il banchiere di Dio deve assecondare questa porcata pena il rischio che i 5 stars gli tolgano la fiducia anche se ho seri dubbi visto che mirano tutti ad arrivare alla fine del mandato per avere pensione e vitalizio.
    Basti pensare che il sistema accoglienza clandestini ci costa 12 miliardi all’anno a cui si aggiungono i 15 del reddito x un totale di 25.Praticamente una finanziaria per 2 voci di pura assistenza .Un accisa di quà e un altra di là ,un ritoccchino all’età pensionabile,un altro all’Irpef sulle pensioni (bancomat di stato)ed il gioco è fatto.

  2. Sempre e solo chiacchiere al vento! Si deve iniziare con penalizzare chi ha favorito la truffa, accollando loro tutto il risarcimento del danno causato più interessi; alla fine dello scomputo un bel paio di annetti di duro lavoro! Per i signori che hanno goduto del un bel visto di uscita dal nostro Paese a spese loro o lavoro nei campi e nelle zone colpite dagli alluvioni ed altro, naturalmente con la sola percezione del pasto ed un posto per dormire!

    • Pino 007 il 29 Ottobre 2021 alle 02:04

    Come abitualmente dicono i signori delle poltrone ” Un disegno di legge ” loro hanno fatto tale disegno, naturalmente da loro stesi appoggiato, ed e’ quello di distruggere la Nazione.
    Lentamente ed in forma costante fino alla fine.
    Rimane sempre alta la domanda…… ma quella parte del popolo che li appoggia, non si rendono conto del disastro, oppure sono foraggiati sotto banco per stare zitti ??? Mi sembra una lecita domanda.

Rispondi