Droga, Meloni: FdI raccoglie appello comunità terapeutiche e servizi esclusi da conferenza nazionale e chiede a Draghi di intervenire

Fratelli d’Italia raccoglie l’appello lanciato dai rappresentanti delle comunità terapeutiche, del privato sociale e dei servizi impegnati nella lotta alle droghe, esclusi dalla Conferenza nazionale sulle politiche antidroga organizzata dal Ministro Dadone e in programma questo fine settimana a Genova. È un errore imperdonabile tagliare fuori i protagonisti della battaglia contro le dipendenze patologiche e che da sempre, spesso nell’indifferenza delle Istituzioni e senza l’assegnazione di adeguate risorse economiche, lavorano sul fronte della prevenzione, del recupero e del reinserimento socio-lavorativo. Altrettanto grave non aver coinvolto i parlamentari competenti per materia e che compongono le Commissioni Affari sociali e Sanità di Camera e Senato. Il Ministro Dadone afferma che sulla droga non ci devono essere divisioni, ma le sue azioni vanno nella direzione diametralmente opposta. Chiediamo al presidente Draghi di intervenire e fare in modo che la Conferenza nazionale, che l’Italia aspetta da ben 12 anni, sia davvero un vero luogo di confronto e condivisione.

Condividi

3 commenti

  1. Se ci fossero personaggi capaci ed intelligenti e devoti alla nostra Italia, saremmo molto meno incasinati.

  2. Condivido il pensiero di camerato80! Perchè non inviare quale rappresentante delle Iene?

    • Luca il 26 Novembre 2021 alle 22:46

    Il mercato della droga legale fa più gola di quello dei tabacchi o dei gratta e vinci.

Rispondi