"Il male è la cooptazione anche Silvio faccia le primarie". Intervista rilasciata a La Stampa

“E’ semplicistico dire “azzeriamo tutto”, “rottamiamo la classe dirigente”, emulare Renzi ponendo una gestione generazionale. Non sono affascinata dal giovanilismo, il problema non è anagrafico, anche perché se la selezione della nuova classe dirigente avviene attraverso i casting, la bellezza, la telegenia, i curricula e le liste bloccate, siamo punto e a capo”.

Leggi tutto

“Il male è la cooptazione anche Silvio faccia le primarie”. Intervista rilasciata a La Stampa

“E’ semplicistico dire “azzeriamo tutto”, “rottamiamo la classe dirigente”, emulare Renzi ponendo una gestione generazionale. Non sono affascinata dal giovanilismo, il problema non è anagrafico, anche perché se la selezione della nuova classe dirigente avviene attraverso i casting, la bellezza, la telegenia, i curricula e le liste bloccate, siamo punto e a capo”.

Leggi tutto

Pdl: Ripartire da zero, 100% Democrazia è parola d'ordine

Che l’idea di avviare una rifondazione del Pdl stia raccogliendo consensi interni, come dimostrano le parole pronunciate da Gianni Alemanno, è certamente un fatto positivo. Con il movimento “Ripartire a zero” siamo stati tra i primi a sottolineare l’esigenza di iniziare un percorso di rinnovamento del centrodestra, per tornare ad essere credibili agli occhi della nostra gente e degli italiani e per colmare la distanza tra il popolo e la politica. “100& democrazia” è la parola d’ordine di una rifondazione necessaria che deve ripartire da principi irrinunciabili come la meritocrazia nella selezione della classe dirigente, il coinvolgimento popolare nella definizione del programma e la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali del partito e della nostra Nazione.

Pdl: Ripartire da zero, 100% Democrazia è parola d’ordine

Che l’idea di avviare una rifondazione del Pdl stia raccogliendo consensi interni, come dimostrano le parole pronunciate da Gianni Alemanno, è certamente un fatto positivo. Con il movimento “Ripartire a zero” siamo stati tra i primi a sottolineare l’esigenza di iniziare un percorso di rinnovamento del centrodestra, per tornare ad essere credibili agli occhi della nostra gente e degli italiani e per colmare la distanza tra il popolo e la politica. “100& democrazia” è la parola d’ordine di una rifondazione necessaria che deve ripartire da principi irrinunciabili come la meritocrazia nella selezione della classe dirigente, il coinvolgimento popolare nella definizione del programma e la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali del partito e della nostra Nazione.