Feb 05

No Turchia in Ue e a islamizzazione Europa

No alla Turchia in Europa. No all’islamizzazione dell’Europa: consegniamo noi al presidente turco Erdogan questo messaggio del popolo italiano, visto che il Governo di sinistra non lo farà.

Condividi

8 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Crocetti Riccardo on 6 Febbraio 2018 at 08:18
    • Rispondi

    Sì, ma ripeto, modificare al più presto la costituzione nel modo seguente:
    1 ) abrogazione del divieto di referendum sui trattati internazionali;
    2) introdurre il referendum propositivo;
    3) introdurre la clausola seguente : ” DIVIETO DI INGRESSO NELLA U.E. AI PAESI IN PIENA ESPLOSIONE DEMOGRAFICA,
    Infatti, se non passasse mai la legge sullo ius soli ( pensata unicamente per creare un bacino elettorale-schiavistico agli escrementi di sinistra) senza la proposta del punto (3) , l’Italia e l’Europa sarebbero comunque invase da paesi come il Marocco, l’Algeria, la Tunisia, dalla Libia, dall’Egitto , dal Sudan, ecc., perchè ripeto, lo scopo NON DICHIARATO ALLA LUCE DEL SOLE dell’unione europea è quello di includere nell’ unione anche i paesi dell’altra sponda del Mediterraneo, vale a dire l’Africa del nord becera e islamica.

    • Crocetti Riccardo on 6 Febbraio 2018 at 12:27
    • Rispondi

    Il numero (3) , in realtà, dovrebbe essere introdotto in un’eventuale ( Dio ce ne scampi!) costituzione europea, ma in realtà , la suddetta proposta( riferita ai “costituzionalisti europei) sarebbe insensata ,come sarebbe insensato mettere a guardia del pollaio un branco di lupi affamati. E’ ormai chiarissimo che le forze occulte della dittatura europea , remano contro la razza bianca d’Europa , con un progetto di sostituzione dei popoli, simile a quelli di hitleriana ( o staliniana) memoria.
    Sentiremo parlare ancora di qualche nuova forma di “Lebensraum” o di ” Lebensborn” di stampo finanzcapitalista, invece che nazionalsocialista o comunista?
    Ad ogni modo, cercate di mettere anche il numero (3) nella Costuzione italiana,
    magari modificato da qualche esperto in diritto costituzionale, è una protezione in più per l’Italia.

    • Crocetti Riccardo on 6 Febbraio 2018 at 12:45
    • Rispondi

    Correggo la prima frase qui sopra.
    Il numero (3) in realtà dovrebbe essere introdotto in un eventuale ( Dio ce ne scampi!) costituzione europea, anche se, riflettendoci bene, la suddetta proposta ( riferita ai costituzionalisti europei) sarebbe insensata, come sarebbe insensata, come sarebbe insensato mettere a guardia del pollaio un branco di lupi affamati.

    • Franco Cordiale on 6 Febbraio 2018 at 18:17
    • Rispondi

    Solo una pseudo Europa globalista e massonica, dove anche gli spot pubblicitari sulla religione sono autorizzati (religione cristiana, non certo islamica) e la non – famiglia LGBT sostituisce la famiglia tradizionale, potrebbe allargarsi ad includere la TURCHIA, il MAROCCO, l’ALGERIA, la LIBIA, l’EGITTO e magari un po’ di repubblichette africane, in pugno alle multinazionali! Ma é questo che vogliono lor signori di Bruxelles, per i quali le POPOLAZIONI EUROPEE sono un obsoleto retaggio del passato, da sostituire con “l’uomo nuovo internazionale” senza identità e senza patria. METICCIARE e SOSTITUIRE le etnie europee: non chiedono altro ! Si tratta di scegliere se vorremo adeguarci a questo ruolo di SERVI SUCCUBI ed INVISIBILI del “Nuovo Ordine Mondiale”, oppure se vorremo difendere la nostra STORIA ed il nostro CAMMINO. Tra un mese: che si SCELGA !!

    • emanuel on 6 Febbraio 2018 at 18:25
    • Rispondi

    un aneddoto interessante:
    Putin e il Re dell’Arabia Saudita a dialogo:
    Re: “possiamo costruire una grande moschea a Mosca?”
    Putin: “sì, a una condizione: che anche noi costruiamo una grande basilica cristiana ortodossa nella vostra capitale”
    Re: “impossibile per noi, non possiamo ingannare il popolo con una falsa religione”
    Putin: “è così anche per me: la penso allo stesso modo su di voi”…
    il dialogo è finito lì senza permessi, cioè il contrario di quello che abbiamo fatto noi: abbiamo costruito la più grande moschea d’Europa nel centro di Roma, che testimonia una assoluta mancanza di coerenza con le radici cristiane italiane ed europee, e più ne vogliamo costruire altre per dovere di libertà religiosa, ovviamente non la nostra…

    grande, grande, grande Putin…!

    • Adolfo Sandri Poli on 4 Marzo 2018 at 20:33
    • Rispondi

    La Turchia teniamola dove stà, la sua impostazione socio politica e discriminatoria dal punto di vista religioso non cib appartiene!

    • Pino on 9 Marzo 2018 at 02:33
    • Rispondi

    Chi disse…. ” Va de retro satana ” ?? Ditto anche per la Turchia.

    • Pino on 9 Marzo 2018 at 02:38
    • Rispondi

    Quanti criticano o hanno criticato Putin per le sue ,a volte, malsane decisioni ? Eccovene una che certamente non e’ stata copiata dai nostri pseudo comunisti. Una chiesa Cristiana la da voi e una mosche qui da noi. Risultato, cento e cento moschee qui’ da noi e nessuna chiesa cattolica li da loro, anzi, ce ne era una e l’anno bruciata. Bravo “PD”, meno male che stai andando, spero lontano.

Rispondi