Scelta comune di Padova di negare sala per fumetto dedicato a Cossetto lascia senza parole. Sindaco si vergogni

Il Comune di Padova nega la concessione della sala per la presentazione del fumetto dedicato a Norma Cossetto. Sono senza parole. Perché la sinistra ha così tanta paura della storia di una ragazza italiana, seviziata e infoibata dalla ferocia del comunista dei titini? Il sindaco di Padova Giordani si vergogni e chieda scusa: la tragedia delle foibe non può essere censurata.

Condividi

8 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Ewa Wojcikowska il 30 Marzo 2018 alle 14:26

    incredibile

    • Sebastiano Campo il 30 Marzo 2018 alle 14:32

    come una volta disse MUSSOLINI o Roma o” Mosca” piano piano la pagheranno questi buffoni di finti popolani e comunque SEMPRE VIVA L’ITALIA

    • Franco il 30 Marzo 2018 alle 17:05

    Hanno poco cervello e tanta paura di loro stessi.

    • Floriano Scattolo il 30 Marzo 2018 alle 17:20

    Sindaco abbia se ha un minimo di dignità e di onestà si dimetta e vada a nascondersi

    • Floriano Scattolo il 30 Marzo 2018 alle 17:36

    Sig. sindaco non dia le dimissioni, ma per riparare l’oltraggio fatto a tutte le vittime dei criminali comunisti titini dedichi una via importante di Padova a NORMA COSSETTO

    • francesco clausi il 30 Marzo 2018 alle 17:49

    la censura viene in un momento in cui la sinistra si trova nella stessa situazione degli anni 40-50 unica differenza è che allora si ammazzavano con armi adesso si ammazzano moralmente. Per questo solito stipudo modo di rinnegare la storia sono il partito della dimenticanza ma la storia non si dimentica e non si dimenticherà la storia che si stra scrivendo

    • Crocetti Riccardo il 30 Marzo 2018 alle 20:35

    Che dire? Il solito ritornello e cioè : ” I comunisti sono cretini per volontà di Dio!”.
    Possiamo fare noi qualcosa contro la volontà di Dio ? No, purtroppo, così i comunisti scemi erano e scemi ce li teniamo ,ora e sempre, per tutti i secoli dei secoli . Amen!

    • Pino il 31 Marzo 2018 alle 00:36

    Non dimenticatevi dei porta bandiera di questo disastro:….. Togliatti, Nilde Iotti, Bonino, Berlinguer e fino ai giorni nostri con Boldrini, Renzi e company.

Rispondi