Primavalle, 46 anni dopo finalmente posta targa ricordo fratelli Mattei, orgogliosi di aver proposto iniziativa

46 anni dopo il rogo di Primavalle oggi è stata finalmente posta una targa in ricordo del martirio dei fratelli Stefano e Virgilio Mattei, bruciati vivi nell’incendio dello loro casa appiccato dai militanti di Potere operaio. Come Fratelli d’Italia siamo stati orgogliosi di aver proposto questa iniziativa, che è stata poi condivisa e ha consentito di celebrare oggi una cerimonia istituzionale alla quale hanno partecipato i rappresentanti del Municipio XIV e della Regione Lazio. Spiace molto per l’assenza di un esponente della Giunta Raggi, ma oggi non è il momento delle polemiche. Oggi è il momento della memoria di uno dei crimini più orrendi degli Anni di piombo.

Condividi

4 commenti

Skip to comment form

    • maria angela gobbi on 6 Dicembre 2019 at 16:07
    • Reply

    Grazie. e NOI siamo orgogliosi di Lei che rappresenta una DESTRA civile e pacifica-La “violenza politica” degli assassini sappiamo bene di che colore fosse.

    • Gloria Zorzenone on 6 Dicembre 2019 at 21:29
    • Reply

    Fratelli Mattei orgoglio italiano. Grazie. Colgo l’occasione per segnalarvi un video che ha come protagonista Ida Magli. Grande donna. Antropologa. Dice che l’UE è fuori dal principio di realtà perché non può esistere un popolo europeo dal momento che si parlano 15 lingue diverse : non c’è una lingua europea e il giorno in cui ci sarà l’euro fisico, non si tornerà più indietro perché la moneta sostituirà la lingua, le istituzioni, la libertà delle genti. Hanno già deciso che parleremo una lingua, l’inglese, lingua di un popolo che non farà più parte dell’UE. Le conseguenze saranno terribili: il tessuto spirituale, sociale, culturale, religioso e umanistico dei vari popoli sarà distrutto irreparabilmente L’UE sara’ la fine dell’Europa come continente, come terra ricca di storia, di tradizioni, come perla del mondo e quando sarà affossata, sarà lo stato cuscinetto di altri popoli, il terreno di scontro di altre potenze quali l’America, la Cina, la Russia e i Paesi islamici che mireranno ad assoggettare i Paesi europei. In Italia hanno già iniziato, giusto? La lingua ( ministra, sindaca, non più congiuntivo ecc. ) , non più crocefisso nelle scuole ( tra un po’ nemmeno in chiesa ) , i nostri cibi (no carne di maiale, no prosciutto no grana ecc), istituzioni scolastiche allo sfascio con insegnanti debitamente indirizzati, no opere pubbliche, no libertà di parola…. No no no no no…. Cosa ci stiamo a fare in un Eurooa così? Un Europa dominata dalle Banche ? Dal denaro?

    • Franco Cordiale on 7 Dicembre 2019 at 17:31
    • Reply

    CARA SIGNORA. LE COSIDDETTE SARDINE sono esattamente il prodotto della nuova “umanita’” omologata e decerebrata. Tirata su con un mangime assai simile a quello del pollame allevato in batteria, dentro gabbie mentali: slogan, frasi fatte che odorino “di sinistra”, visto che questa truppa ammaestrata viene da una “squola” che e’ sempre piu’ distante dal modello di Giovanni Gentile. Diplomificio e chiacchierificio, dove il politicamente corretto “include” anche i fannulloni e i semi analfabeti.Lo dicono le inchieste e statistiche ufficiali, dai PISA agli INVALSI.

    • Pino 007 on 17 Dicembre 2019 at 12:50
    • Reply

    Vero, quei padri fondatori che sognavano una Europa unita scopiazzando gli USA, ma li giustamente is parla una sola lingua come dice la signora Gloria, noi ne abbiamo almeno 27 differenti, non abbiamo una banca centrale ma altrettante cento e piu’, 27 differenti storie di popoli, ecc, ecc, unica cosa in comune e’ che 2+2 = 4 in tutta Europa. Presto le alpi saranno il nuovo confine dell’Africa e all’ora li’ si parlera’ una sola lingua “l’arabo” perche’ da qualche parte e’ scritto che i musulmani si prenderanno quello che persero dai confronti cristiano/musulmani dei passati secoli, ma grazie a Dio , non ci saremo, mi dispiace per quelli che verranno dopo di noi. Ritorniamo alla targa di Primavalle presto la troverete imbrattata di rosso con tante falci e martelli, vergognosi simboli all’insegna del MALE e dell’ODIO.

Rispondi