Lug 07

Mattarella intervenga sull’ipotesi di accordi segreti per gli sbarchi in Italia

L’ex ministro degli Esteri Bonino e l’ex ministro della Difesa Mauro del Governo Letta hanno dichiarato che Renzi e Alfano hanno a suo tempo concordato segretamente in Europa di far sbarcare tutti i clandestini recuperati nel Mediterraneo in Italia, questo contravvenendo al diritto internazionale e al diritto del mare.

Se questo fosse vero, ci troveremmo davanti a un gravissimo atto di tradimento nei confronti della Nazione italiana. Una invasione pianificata e organizzata dai massimi vertici dello Stato in combutta con Governi stranieri. Chiediamo l’intervento del Presidente della Repubblica per fare piena luce su questa gravissima ipotesi.

Condividi

5 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Franco Cordiale on 7 Luglio 2017 at 18:04
    • Rispondi

    Ma come? Se “democratico” significa espresso dal popolo, gli accordi segreti ne sono palese negazione! Ricordo che durante le conferenze di pace a Parigi nel 1919 e quindi all’atto di fondare la Società delle Nazioni qualche anno dopo (la prima guerra mondiale aveva lasciato l’Europa in macerie), la diplomazia segreta venne formalmente VIETATA, anche su proposta del presidente USA Wilson…. Mi auguro che la signora Bonino, iper-democratica ed iper-garantista in fatto di droghe libere, aborto libero, gratuito, assistito etc non agisca a tradimento degli italiani. Meriterebbe a tal punto, che la cittadinanza italiana le venisse tolta, essendone (se la notizia fosse malauguratamente veritiera) assolutamente INDEGNA, lei e i suoi complici. Andasse in tal caso dai suoi amici arabi (se la vogliono…)

    • Nicolò Vergata on 7 Luglio 2017 at 21:38
    • Rispondi

    Gli estremi del reato di alto tradimento, purtroppo, riguarda solo il Capo dello Stato. Tuttavia, esso avrebbe dovuto essere informato di questo losco baratto tra mettere in grave pericolo l’Italia ed i suoi confini in cambio di poter elargire soldi a pensionati che non hanno pagato contributi previdenziali al fine di acquisirne i voti.
    Allora due sono le ipotesi: se il Capo dello Stato non fu informato, allora dovrebbero essere interdetti i responsabili, essere severamente puniti e confiscati i loro beni. Se il Capo dello Stato fu informato e non si oppose, allora ci sono gli estremi di Alto tradimento. Rimane da valutare come mai il PdR non abbia comunque agito nella sua veste di garante della Costituzione in quanto nelle sue vesti “non poteva non sapere” . Principio, questo, largamente applicato in giurisprudenza. Spero che gli Italiani si sollevino di fronte a questo gravissimo episodio e diano una mano alla brava Giorgia !!!

    • Giovanni on 8 Luglio 2017 at 10:11
    • Rispondi

    A questo punto tutti i partiti di destra disertino le aule fino a che non verrà fatta chiarezza

    • Franco Cordiale on 8 Luglio 2017 at 23:43
    • Rispondi

    Visti gli accordi del G 20 ad Amburgo ? Nulla di fatto, tutto come prima! Sbarchi sempre più frequenti, con la benedizione di questo papa che controlla come un puparo il nostro governo, porti europei CHIUSI, frontiere straniere blindate anche coi carri armati, se occorre (la recente sceneggiata austriaca), lo Junker avvinazzato che ci “elogia” e…TUTTI IN ITALIA, senza controlli e senza regole ! Bisogna accellerare i tempi delle ELEZIONI. Auguro a F.LLI. di Italia il miglior successo possibile. Ma bisogna far in fretta.

    • Nicolò Vergata on 9 Luglio 2017 at 23:24
    • Rispondi

    In diritto internazionale la nave è territorio della Nazione cui appartiene. Pertanto, se salva una persona in mare e lo ospita a bordo, deve portarla dove la nave stessa è iscritta nel registro navale. Invece tutte le navi di qualsiasi Nazione le portano in Italia per una deroga chiesta da Renzi in cambio di poter sforare il bilancio e usare i soldi dei cittadini per rafforzare la poltrona. Atto gravissimo di uso illegittimo del potere che ha messo a grave rischio la stessa identità dell’Italia. C’è l’ammissione di una ex ministro degli esteri che anche si meraviglia come Renzi nega e come tutti tacciono, essendo un fatto, a suo dire, ben noto nel mondo della politica.
    Allora Mattarella “non poteva non sapere”. e ci sono gli estremi, anche per lui, del reato di Alto tradimento.(art.90 Cost.).
    Riguardo papa Francesco, è corresponsabile dell’invasione attraverso gli appelli (suoi e della Cei) all’accoglienza, considerando l’Italia un feudo del Vaticano.Un governo meno fantoccio del nostro gli avrebbe inviato una ferma nota di protesta per indebita intromissione in uno Stato sovrano e laico, in violazione dei patti lateranensi e craxiani,

Rispondi