Apr 30

Da Di Maio appello imbarazzante, come bambino capriccioso

Luigi Di Maio, come un bambino capriccioso, pur di non ammettere la sconfitta, vuole portarsi via la palla e non far giocare la partita a chi la può vincere. Il suo imbarazzante appello è: visto che non faccio il premier io, non lo fa nessuno. Ma l’Italia non può restare ferma per la fame di poltrone di Di Maio. Ora il presidente Mattarella rispetti la volontà popolare e dia l’incarico di governo al centrodestra.

Condividi

6 comments

Vai al modulo dei commenti

    • antonio velotto on 30 Aprile 2018 at 16:16
    • Rispondi

    povero immaturo, si è bruciato da solo.Grazie a Dio.immaginate un governo con i comunisti, la BOLDRINI E I CENTRI SOCIALI(M5S).fine irreversibile dell’ITALIA.

    • Franco Cordiale on 30 Aprile 2018 at 19:24
    • Rispondi

    Il 5 stelle si sta sgonfiando come un palloncino. Il partito di Cetto La Qualunque, caracollando di qua e di la, dimostra la sua totale inconsistenza. Il partito del “né carne, né pesce” ha raccolto solo la anti-politica di Grillo e dei suoi vari cortigiani, a volte ingenuamente idealisti, a volte, anzi spesso, crassamente opportunisti. Quali radici hanno, a parte l’odio atavico contro Berlusconi ?

    • Pino on 1 Maggio 2018 at 02:31
    • Rispondi

    Nuove elezioni ora , darebbero una sconfitta totale alle 5 bestie, la gente si sta svegliando ed e’ stufa di giocare con i bambinoni, capricciosi e vuole sicurezza per il domani.

    • Franco Cordiale on 1 Maggio 2018 at 09:32
    • Rispondi

    La Destra ha una grande opportunità storica; interpretare la “PARTE SANA” della NAZIONE ITALIANA. Parole già sentite, direbbe uno di sinistra. E’ vero! Ci sono istanza giuste, condivise, POPOLARI che la sinistra ed il gregge confuso e disperso dei “cinque stalle” non capiscono, non possono capire o non capiscono più! La difesa dei giusti interessi nazionali; la difesa della famiglia, che sottintende una cultura della famiglia, il concetto meritocratico della scuola di ogni ordine e grado, accompagnato dall’attenzione verso le ATTITUDINI reali e non immaginarie degli allievi, con opportuno e mirato lavoro di orientamento e selezione. Non la caotica insalata russa di oggi, che manda avanti chiunque, senza filtri e senza basi. Il DIRITTO di IMPRESA: la partecipazione dei lavoratori agli utili di impresa. La tutela delle eccellenze italiane: perché esistono !! Gli investimenti stranieri SANI in Italia. Infrastrutture valide a costi giustificati e non sottoposti ai balzelli e ai tentacoli delle MAFIE, sia criminali, sia legalizzate o comunque tollerate: vedi business dei lavori pubblici, con le strade piene di buche e le autostrade del sud dai tempi biblici di costruzione e di riparazione. Vedi gli acquedotti che perdono il 60-70% dell’acqua che trasportano…Specie al meridione. Una politica di RISANAMENTO AMBIENTALE… Il DIRITTO della nazione italiana ad una POLITICA ESTERA degna di uno stato sovrano, che non vuol dire nazionalista, ma coerente innanzitutto con la propria COSTITUZIONE, alla quale la varia sinistra globalista ed europeizzante ha messo la sordina. Tutela dei CONFINI, che non vuol dire affatto nazionalismo…Ma risparmiare all’Italia la devastazione di nuove INVASIONI BARBARICHE, funzionali ai comodi e agli utili della finanza mondialista dei SOROS & soci. L’elenco non é certo concluso. Ma grazie di avermi pubblicato questo, intanto.

    • gianni on 2 Maggio 2018 at 10:06
    • Rispondi

    Non resta che aspettare la fine di questa farsa, il problema è se Salvini si rende conto che non può correre dietro ai Cinque Stelle

    • Franco on 2 Maggio 2018 at 12:28
    • Rispondi

    Se Di Maio perde le poltrone perde anche la sua pletora di nullafacenti in attesa di fortuna.

Rispondi