Reddito di cittadinanza sembra manna per immigrati e rom

Dalla lettura delle slide proiettate ieri dal governo per presentare il decretone (sì, sono tornate le slide), si direbbe che il reddito di cittadinanza sia una manna soprattutto per immigrati, rom e lavoratori i nero. Fratelli d’Italia non è d’accordo: noi chiediamo che quei soldi vadano a chi ha davvero bisogno e alle imprese che assumono giovani e disoccupati.

Condividi

6 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • RUGGERO il 18 Gennaio 2019 alle 15:19

    Cara Giorgia,mi convince poco di tutto! Vengo dal M.S.I.ed io la penso molto diversamente……..ci chiamino pure Fascisti……..ma è altra la strada.

    • Luigi il 18 Gennaio 2019 alle 15:36

    Gentile Giorgia Meloni, perché questo rifiuto di rispondere ad una mia richiesta ?

      • Luigi il 18 Gennaio 2019 alle 15:38

      Vorrei sapere la mail dell l’On. Giorgia Meloni
      Grazie

      • admin il 18 Gennaio 2019 alle 18:34
        Autore

      Buongiorno Luigi, non ci sono mail a disposizione, ma se va nella sezione del sito contatti c’è la parte con scritto “scrivi a Giorgia”. Se le manda il messaggio lì le garantisco che risponderà, saluti

    • Gino Cerutti il 18 Gennaio 2019 alle 18:20

    Soldi a pioggia, uguale ASSISTENZIALISMO ! Andranno a chi “NON RISULTA” essere occupato… In effetti c’é un sacco di gente che non risulta tale: lavori in nero, lavori malavitosi ed illegali (se lavori vogliam definirli), “lavori” con la questua, il borseggio, lo spaccio, la truffa, il presta-nome, il posteggio abusivo…Che generino reddito e sviluppo non lo pensa nessuno. Che peseranno sulle TASCHE di NOI TUTTI, invece lo crediamo in moltissimi. Senza tema di smentite.

    • Salvatore maiolino il 19 Gennaio 2019 alle 13:13

    Cara Giorgia che brava che sei a proporre il referendum per abolire il reddito di cittadinanza tanto tu ti porti a casa tutti i mesi 20,000€ non meritati e dillo chiaramente che non te ne frega nulla di chi sta peggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.