Affidi illeciti, mai più un’altra Bibbiano, da FdI mozione in tutti i comuni a tutela dei bambini

Mai più un’altra Bibbiano. Fratelli d’Italia presenterà in tutti i Comuni nei quali è presente una mozione a tutela dei bambini e contro gli affidi illeciti. Chiediamo un costante monitoraggio dei casi di affidamento di minori, l’introduzione di criteri più efficaci contro i conflitti di interesse tra servizi sociali e comunità familiari e sostegno alle famiglie in difficoltà. Lo dobbiamo a tutte quelle famiglie che continuano a chiedere solo verità e giustizia. Il loro grido di dolore e di speranza appartiene a ciascuno di noi.

Condividi

1 commento

    • Gino Cerutti on 28 Luglio 2019 at 19:22
    • Rispondi

    Non é in alcun modo casuale, lo scandalo di Bibbiano ! Assistiamo da vari decenni ad una sistematica SVALORIZZAZIONE DELLA FAMIGLIA, CHE PRENDE A PRETESTO casi di ignoranza e di sottosviluppo, tralasciando però, guarda caso, lo sfruttamento programmatico di infanzia e di adolescenza che é la regola non scritta dentro i campi ROM e Sinti. In queste zone franche, tutto é lecito e si sarebbe “fascisti e razzisti” a voler intervenire !
    LA SCUOLA NON E’ AFFATTO ORIENTATA A FAVORIRE LA FAMIGLIA TRADIZIONALE. Sui registri elettronici della Premiata Ditta Spaggiari, alla voce “giustificazioni” si provvede con le diciture GENITORE 1, GENITORE 2. Solo un piccolo esempio. Sempre più spesso i bimbi sotto i DUE ANNI vengono affidati per necessità o scelta agli asili-nido e da lì in poi inizia un LUNGO PARCHEGGIO, gestito dall’ideologia della scuola-social, quella dell’INCLUSIONE AD OGNI COSTO. Una scuola anti-meritocratica ed anti-selettiva, totalmente AUTO-REFERENZIALE, dove il concetto stesso di SCELTA DEGLI STUDI, compiuta responsabilmente davanti a se stessi ed alla famiglia, cede luogo ad un sistema di “ACCOGLIENZA”, dove la personalità dell’educando viene “gestita” tramite strategie di controllo psicologico e di subdolo indottrinamento ideologico. Bisogna esaminare il confuso e disomogeneo apparato dei PROGETTI, tutti tendenziosi a modellare una futura umanità “politicamente corretta” a guida PD, padrone incontrastato della scuola italiana. La “accettazione del diverso” é idea-guida per ogni uso: dalla “accoglienza dei migranti”, contro il “fascista-Salvini”, alla filosofia GENDER, sostitutiva delle tradizionali identita’ sessuali. Non a caso il sindaco SALA di Milano esalta il GAY PRIDE e molti presidi guardano tali manifestazioni quali espressioni pure di “democrazia creativa” . Stanno letteralmente PLAGIANDO le nuove generazioni: ma a destra non se ne erano accorti, a parte qualche tardivo risveglio ! PERCHE’ NON NE DISCUTETE AD ATREJU ?

Rispondi