Di Maio, il tempo della propaganda è finito, M5s ha bocciato proposta FdI nazionalizzazione Bankitalia

Dopo i dissesti finanziari di Carige e Popolate di Bari, Di Maio scopre che c’è qualcosa che non va nel sistema di vigilanza bancario e che Bankitalia deve assumersi delle responsabilità. Buongiorno. Peccato che il M5S abbia bocciato, insieme a tutte le altre forze politiche del Parlamento, la proposta di Fratelli d’Italia sulla nazionalizzazione della Banca d’Italia, che serviva anche a mettere fine a questo macroscopico conflitto d’interesse dove l’ente vigilante è di proprietà dei vigilati. A questo si aggiunge il vergognoso rinvio dei lavori della commissione d’inchiesta sulle banche, voluto sempre dal M5S e dai suoi alleati del Pd. Il tempo della propaganda è finito, le crisi bancarie in Italia sono ormai un sistema per trasferire denaro dai cittadini alla casta dei banchieri e loro sodali, o si passa ai fatti dando seguito alle nostre proposte o almeno si eviti di continuare a prendere in giro i cittadini.

Condividi

4 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Erminio C il 23 Dicembre 2019 alle 14:01

    Ormai, il mostro a 5 teste ***** stellate si scopre sempre di più facendo vedere il vero volto. Si nutre del sangue degli Italiani e di denaro dei BANGSTER banchieri Italiani ed Europei. Le 5 teste ***** mostruose stellate, sono le marionette dei banchieri europei e mondiali. La bandiera europea ha 12 stelle***** massoniche e la bandiera Statunitense ne ha molte di più, sono 50 stelle***** massoniche. Dove c’è una stella a 5*punte il proprietario è la massoneria.

    • Federico Puglia il 23 Dicembre 2019 alle 15:22

    Quello che rende amara ad una Persona che ami la propria Patria, consiste di avere avuto un ex Ministro del Welfare e dello Sviluppo, ora degli Esteri di indubbia incapacità rappresentativa per l’Italia e, i nostri Migliori Figli/ie devono emigrare, per avere lo spazio che il proprio talento merita. Costui è solo un fantoccio, che impara a memoria quanto Grillo e l’Imprenditore di M5S gli fanno imparare prima e poi lo ripete, spesso sbagliandone la forma espressiva e il contenuto. Che tristezza!

    • Pino 007 il 24 Dicembre 2019 alle 05:39

    Fare il ministro o fare politica non e’ piu’ un gioco da ragazzi, ma avere in mano il destino di una Nazione.
    Purtroppo la nostra Nazione e’ in mano a dei pupazzi ( 5 pernacchiotti ) e come se non bastasse ne sorgono di nuovi, ( sardine ) tutti pronti a gestire la vita degli altri.
    Purtroppo ci troviamo rappresentati davanti al Mondo intero da questi soggetti che buttata la zappa o la tuta da meccanico alle ortiche, sono saliti in cattedra e scimmiottano di sapere tutto sulla politica.
    Fino a quando durera’ questa farsa non lo sappiamo, anche perche’ non abbiamo piu’ l’arma del voto che ci e’ stata tolta da una manciata di idioti i quali hanno istaurato una loro dittatura vincolante chiamata, ” O mangi questa minestra o buttati dalla finestra “.
    Unica speranza che con l’arrivo del freddo polare i GRILLI dovrebbero morire e non cantare piu’.

    • Gino Cerutti il 25 Dicembre 2019 alle 07:54

    FREDDO POLARE POTRA’ ESSERCI, PER I BURATTINI CINQUE STALLE E I TRADITORI PIDIOTI, SOLO SE E QUANDO CI SARA’ DATO DI VOTARE. CIO’ CHE GLI INVENTORI DEL CINQUE STALLE, LA CUPOLA MASSONICA CHE NECESSITAVA E NECESSITA DI BAMBOCCI CIALTRONI E MANIPOLABILI (E DI ” SARDINE” , FABBRICATE ED IMBOCCATE DA PRODI E ANALOGHI CAPOFILA CATTO-COMUNISTI, ESPERTISSIMI NEL RICICLAGGIO DEGLI AVANZI…)…TEME SOPRA OGNI ALTRA COSA ! Una lucida visione di come questi elementi stiano lavorando per far del nostro paese uno…stivale rotto e sgangherato, svenduto ad ogni padrone, profittatore, invaso da ogni parassita dai quattro angoli del mondo, benedetto e spruzzato di acqua santa quanto piu’ si mette in posizione prona…tale visione si diffonde irrefrenabile nella coscienza morale e critica di noi italiani. NON SARANNO CERTO QUESTI FALSARI IMBECILLI AD IMPEDIRLA !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.