Made in Italy, ok mozione FdI contro nutri-score è vittoria FdI, Governo si faccia sentire a Bruxelles

Vittoria. La Camera dei Deputati ha approvato la mozione di Fratelli d’Italia contro il “Nutri-Score”, il sistema di etichettatura a “semaforo” dei prodotti agroalimentari di proprietà di un’agenzia del governo francese, pensato per danneggiare il Made in Italy. La difesa della nostra Patria passa anche per la difesa dei nostri prodotti, richiesti e invidiati da tutto il mondo. Ora il Governo si faccia sentire con gli euroburocrati di Bruxelles.

Condividi

5 commenti

Scrivi un commento

    • Franco Cordiale on 15 Febbraio 2020 at 03:15
    • Rispondi

    PER DANNEGGIARE L’ ITALIA COME NAZIONE, LA VIA PIÙ EFFICACE E ‘ CERTO QUELLA NON SOLO DI PRIVARLA DELLA SUA SIGNORIA MONETARIA E DEL SUO POTENZIALE ECONOMICO DI IMPRESE DI STATO, PRIVATIZZATE E SVENDUTE DAL SIGNOR ROMANO PRODI, AMICO DEL NOTO …” FILANTROPO” IMMIGRAZIONISTA GEORGE SOROS, MA ANCHE QUELLA DI COLPIRLA NELLA ORIGINALITA’ E NELLA TIPICITA’ DEI SUOI PRODOTTI, SPESSO ANCORA CONCEPITI SECONDO CRITERI ARTIGIANALI. UNA UNIVERSALE OMOLOGAZIONE DEI GUSTI SERVE A CANCELLARE L’ ITALIANITA’ DENTRO IL DNA STESSO DELLE NUOVE GENERAZIONI, CON IMMENSA DEVASTAZIONE SIA ECONOMICA, SIA CULTURALE. FRATELLI DI ITALIA E’ UN BALUARDO INDISPENSABILE DI DIFESA. NON VOGLIAMO ESSERE COME PRODI – SOROS…NON BUTTIAMO VIA QUANTO E ‘ NOSTRO !

    • Liliana Mariani on 15 Febbraio 2020 at 08:30
    • Rispondi

    E’ la solita strategia di chi e’ inferiore: danneggiare il migliore in tutti i campi.

    • Riccardo Crocetti on 15 Febbraio 2020 at 09:24
    • Rispondi

    Nel mio piccolo il problema l’ho già risolto da anni: non compro più prodotti francesi.

    • Riccardo Crocetti on 15 Febbraio 2020 at 09:25
    • Rispondi

    E non vado più al Carrefour, per fare un esempio.

    • Giuseppe on 15 Febbraio 2020 at 09:54
    • Rispondi

    Non ho mai comprato prodotti francesi e difficilmente vado in Francia mentre i francesi sono quasi sempre in Italia, probabilmente amano l’Italia, perché?

Rispondi