Rai, solidarietà direttore Sangiuliano per campagna denigratoria

Solidarietà al direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano, oggetto di una campagna denigratoria senza precedenti messa in piedi dalla solita sinistra che non tollera chi la pensa diversamente e pretende per se il monopolio dell’informazione. Un vero e proprio linciaggio al quale si aggiunge l’incomprensibile delibera dell’Agcom, un organo di garanzia che dovrebbe occuparsi di far rispettare le più elementari regole sui tempi del pluralismo violate sistematicamente da molte testate, anche del servizio pubblico, ma che invece preferisce sindacare le scelte editoriali e giornalistiche di un tg.

Condividi

9 commenti

Scrivi un commento

    • Patrizia on 23 Febbraio 2020 at 20:02
    • Rispondi

    Buonasera, mi chiedo come sia stato possibile che l’Italia sia al terzo posto per i contagi da Corona virus, dopo Cina e Corea del Sud. Spero di aver frainteso, ma nel caso avessi capito bene, come è potuto succedere quando altri Stati europei hanno un numero esiguo di contagiati? Forse perché essere decisi e assertivi viene confuso ANCHE QUESTA VOLTA con atteggiamenti fascisti? Ma…i ns politici la sanno la Storia o è l’ennesimo frutto del ‘68? Scrivo da figlia di metalmeccanico e nipote di immigrato…

    • Riccardo Crocetti on 23 Febbraio 2020 at 20:21
    • Rispondi

    I sinistrorsi li prenderei tutti a calci nel sedere e toglierei loro tutti i diritti civili ( dal momento che sono barbari e incivili) e politici.

      • Patrizia on 23 Febbraio 2020 at 21:42
      • Rispondi

      Credo che sia DOVEROSO controllare anche l’immigrazione dall’Africa; in quel continente i cinesi sono presenti in numero massiccio e non ci sono, naturalmente, controlli sufficienti. La politica deve saper affrontare le situazioni critiche, non si può governare con i buoni sentimenti, quello compete alla religione che non può, non DEVE occuparsi di politica. La sinistra ha l’onere di tutelare i propri cittadini e smettere di nutrirsi di ideologie sterili dove tutto è connotato come fascismo…moriremo tutti, ma IMMUNI dall’essere fascisti e razzisti…!!

    • Gino Cerutti on 24 Febbraio 2020 at 05:16
    • Rispondi

    GLI IMBECILLI AL POTERE , SIA QUELLO LAICO, SIA QUELLO ECCLESIASTICO, CI RIPETONO COME UN MANTRA CHE SAREMMO ” FASCISTI E RAZZISTI”.
    BRAVI INVECE LORO A TRASFORMARE L’ITALIA IN UNA TERRA DI NESSUNO, INFARCITA DI BIVACCHI AL DI FUORI DI OGNI LEGGE, SE NON QUELLA DELLE MAFIE.

    • Gino Cerutti on 24 Febbraio 2020 at 08:54
    • Rispondi

    E le cosiddette sardine stanno scomparendo per insipienza e fessaggine insanabili. Sono peggio del corona virus e l’organismo cerebrale delle persone sane psichicamente e chimicamente isola QUESTI VIRUS DI IDIOTISMO che le sardine arrecano a danno del pensiero ragionevole.
    In effetti non serve neanche porle in quarantena. E’ la loro stessa stupidita’ ad isolarle.
    MA QUANDO CI LIBEREREMO DALLE PATOLOGIE DEL PENSIERO UNICO “POLITICAMENTE CORRETTO” ?
    DOVREMMO PRIMA LIBERARCI DEL PD E DEI SUOI GUITTI TELEVISIVI. QUESTO IL PROBLEMA !

    • patrizia on 24 Febbraio 2020 at 10:13
    • Rispondi

    Il pensiero dominante continua ad essere quello del ’68 e ne vediamo gli effetti nella incompetenza professionale, politica, sociale.Molti di quelli che oggi hanno posizioni di potere sono figli di quell’epoca e, sinceramente, trovo molto più rassicurante sentir parlare un Paolo Cirino Pomicino e un Clemente Mastella, creandomi nostalgia della seconda repubblica. Da figlia di operai, ricordo bene quel periodo nel quale la politica non conosceva le difficoltà del popolo e i movimenti di sinistra, nutriti da figli della ricca borghesia, si sentivano promotori di lotte che,di quei problemi,non avrebbero mai fatto esperienza, come oggi non riconoscono i drammi delle periferie. Ho scritto a questo proposito un “libricino” (DiBattista docet) che si intitola UN’IMMOBILITA’ DINAMICA che ricorda quegli anni, evidenziando che, come il criceto in copertina, è stato prodotto tanto movimento per non andare da nessuna parte…

    • Piero Pierini on 24 Febbraio 2020 at 10:54
    • Rispondi

    On. Meloni, a proposito di trasmissioni TV, giovedì scorso ho assistito al Suo intervento con Formigli, sono rimasto nauseato da quanto detto dal conduttore de L7. L’unica cosa buona che avrebbe potuto fare sarebbe stato radersi la barba. Il Formigli, come tutti questi “sinistri”, Bergoglio compreso, parlano senza conoscere l’ Africa, io, che ci ho vissuto per 11 anni, dico: sarebbe più opportuno rimanessero a casa loro.
    Piero Pierini – Livorno

    • Giuseppe on 24 Febbraio 2020 at 12:45
    • Rispondi

    COME I SINISTRI CHIAMANO CHI LA PENSA DIVERSAMENTE DA LORO “FASCISTI E RAZZISTI”, E ORA DI CHIAMARE QUESTI “SIGNORI” COL LORO VERO NOME OSSIA: COMUNISTI E ILLIBERALI. ANCHE LORO DEVONO GODERSI IL DIRITTO DI ESSERE DEMONIZZATI. MA TRANQUILLI, FINIRANNO PRESTO ANCHE LORO PERCHÉ LE BUGIE CHE RACCONTANO HANNO SEMPRE PIÙ LE GAMBE CORTE, E LA LORO TOTALE INSIPIENZA LI MOSTRA NEL PEGGIOR ASPETTO. NESSUNO CREDERÀ PIU’ A LORO E PRESTO CADRANNO NELL’OBLIO TOTALE. UNA COSA PERÒ DOBBIAMO FARE, RIBELLARCI E TOGLIERE A LORO IL FIATO SENZA TREGUA. BISOGNA SFIANCARLI. SOLIDARIETÀ AL DIRETTORE DEL TG 2. ESORTIAMOLO A NON PIEGARSI ALLE MALEVOLENZE DEI COMUNISTI, MA PROSEGUIRE NELLA SUA LINEA EDITORIALE.

    • Riccardo Crocetti on 24 Febbraio 2020 at 18:42
    • Rispondi

    Un problema da risolvere al più presto è quello di incriminare subito quell’idiota del governatore della Toscana , Rossi, per diffamazione ( avendo il suddetto imbecille definito tutti coloro che appartengono al centrodestra “fascio-leghisti”) e PER NON AVERE FATTO NULLA IN MATERIA DI PREVENZIONE.-

Rispondi