Coronavirus, Meloni: Accreditiamo 1000 euro per mese di marzo su conto corrente di tutti quelli che ne ha bisogno

 

L’Italia ai tempi del coronavirus funziona così: a quelli che hanno il reddito di cittadinanza mettono i soldi in tasca, a chi fino a ieri lavorava ogni giorno per guadagnarsi da vivere e oggi si trova senza soldi spetta invece l’umiliazione dei buoni spesa. Stiamo vivendo uno shock sociale ed economico mai visto prima, non possiamo permetterci squilibri: nessuno deve rimanere solo, accreditiamo subito 1000€ per il mese di marzo sul conto di tutti quelli che ne hanno bisogno.

Condividi

20 commenti

Scrivi un commento

  1. tagliarvi del 70% i vostri stipendi no e’?
    troppo comodo dire cosa si dovrebbe fare per gli italiani,quando voi politici corrotti prendete stipendi che farebbero star bene almeno 3 famiglie!!.
    e voi di fratelli d’italia vorreste salvare l’italia?
    potrete dire questo solo ed esclusivamente quando voi sare i primi votare una legge che vi taglia lo stipendio ed una legge che vi tolga qualsiasi tipo di protezione dalla giustizia!!
    se indagato fuori dal parlamento e niente stipendio pagato dagli italiani…
    altro che votare alla camera o al senato se mandarlo a processo o meno!!
    cosi voi dimostrate solo che la democrazia esiste per voi,ma per voi non esistono punizioni…in quanto politici e di sicuro corrotti!!
    all 99% tutti i politici italiani…
    questo e’ assumersi le proprie responsabilita,non nascondersi dietro leggi fatte a proprio comodo per pararsi il culo dal andare in galera!!!

    1. poi voglio vedere se salvini si puo permettere di mandare i propri figli in scuole private….

    • Pino 007 on 29 Marzo 2020 at 03:24
    • Rispondi

    Tutta questa situazione, e’ anche colpa del coronavirus, che sta portandoci ad un punto di non ritorno. Il governo ne e’ consapevole e ne approfitta.
    Quello che scrive Ludovico e’ giusto ma bisognerebbe usare un po’ di filtro su tutta la situazione, analizzando quello che giusto e’ quello che e’ sbagliato. Quanti politici in effetti siedono e non fanno, ma ci sono anche politici che dicono e fanno , nel limite delle loro possibilita’. Perche’ si chiama Parlamento? Perche’ tutti parlano, ma nessuno ascolta o meglio non vogliono ascoltare. E’ come partecipare ad una gara di biciclette e qualche figlio di buona madre ti mette il bastone fra le ruote per farti cadere affinche’ tu non possa arrivare.
    Il politico e’ pur sempre un essere umano che non ha il dono dell’infallibilita’ e puo’ sbagliare. Ma se oltre allo sbaglio ci mettiamo anche chi cerca di tagliarti le gambe, allora la cosa diventa pesante molto pesante. Come mai non si legge nulla sulle cazzate che l’attuale governo ( non so’ chi lo ha voluto ) sta facendo? Perche’ anche costui non si taglia il 70% del suo stipendio? E’ pur sempre un politico, non ha importanza di quale fazione. Penso che stiamo sbarellando invece di stare in linea e stiamo facendo di ogni filo d’erba un fascio comune.
    Un buon erborista sa scegliere le erbe buone dalle cattive, dividendole a seconda delle loro proprieta’ per poi utilizzarle per una cura.
    Ora sta a noi scegliere quale sia il giusto erborista dandogli una mano
    affinche’ nessuno gli metta il bastone fra le ruote e possa raggiungere il traguardo. Aiutiamolo suggerendo cosa abbiamo veramente bisogno, non cavolate o fantasiose richieste.
    Diamogli fiducia, tentare non nuoce, in una vera DEMOCRAZIA c’e’ l’arma del voto e….. alla prima che mi fai, ti licenzio e te ne vai, naturalmente sempre in una vera DEMOCRAZIA, non che ti caccio dalla porta e mi rientri dalla finestra, quando sei fuori sei fuori con baracca, burattini e stipendio. Non dimentichiamoci che e’ il POPOLO il vero padrone della situazione, e’ il popolo che nomina chi vuole che mandi avanti il vapore, e se sbagli , te ne vai. Come? Cambiando ,di comune accordo, certe regole ormai obsolete per l’era in cui viviamo.
    Criticate pure quanto scritto, ma se sono nel giusto, ditelo.
    Auguri.

    • Pino 007 on 29 Marzo 2020 at 03:44
    • Rispondi

    Il “Reddito di Cittadinanza” chi lo ha inventato poteva almeno dargli un nome piu’ consono alla sua funzione, tipo SUSSIDIO PER I PIU’ BISOGNOSI, allora sarebbe venuta fuori la verita’. Bastava sedersi in quegli uffici dove si presentavano le domande, per vedere chi erano i richiedenti. Se solo avessero
    ( le autorita’ preposte) richiesto un stato patrimoniale……. il denaro sarebbe andato a chi ne aveva bisogno e non a camorristi, drogati, romeni, zingari, e altra peste umana che ha piu’ denaro del BNL.
    Questo e’ uno dei mille errori che l’attuale governo ha varato, ma tutti tacciono e guai a chi li tocca, come si dice, tanto tra cani non si mordono.
    Il reddito di cittadinanza e’ un arma delle sinistre per assicurarsi voti, tanti inutili voti. Se vi piace cosi’ continuate pure a votarli.

    • Antonio on 29 Marzo 2020 at 10:28
    • Rispondi

    Tutto più che condivisibile e dovuto. Purtroppo siete voi che a Roma dovete agire, fare invece di proporre. Se il governo non si muove in stato di emergenza deve essere rimosso subito. e siete voi che dovete muovervi nelle sedi preposte e in fretta, prima che sia troppo tardi e che succeda qualcosa di grave.

    1. Lo stiamo facendo, ma non siamo la maggioranza purtroppo. Sta a voi decidere quando riandremo ad elezioni. Buona giornata

  2. Il RdC lo volevano i 5stelle. Che poi hanno perso il 50% dei voti. Quindi quale voto di scambio?

    • fiorella on 29 Marzo 2020 at 11:16
    • Rispondi

    Visto che meloni giorgia puo’ tirare avanti anche piu’ di due mesi senza stipendio ,cominci a dare il BUON ESEMPIO. Magari verra’ seguita da altri?????!!!!!

    1. Fratelli d’Italia già ha donato un milione di euro e Giorgia si è tolta la mensilità di Marzo e continueremo a donare……provi a chiedere al Movimento 5 stelle e al PD…..

    • Filippo on 29 Marzo 2020 at 11:18
    • Rispondi

    Pino ai centrato il problema io sono daccordissimo con te su tutto quello che ai detto nel tuo articolo. Purtroppo il tempo cancella tutto, sono convinto che quando avremo la possibilità nelle urne di scegliere ci saremo dimenticato di tutto questo, è il vizio di noi Italiani abbiamo la memoria corta.

    • fabrizio cagnolati on 29 Marzo 2020 at 11:19
    • Rispondi

    Pino ha pienamente ragione !!!

    • PewDie Pie J&M on 29 Marzo 2020 at 14:40
    • Rispondi

    Salve a tutti, come faccio ad avere l’accredito di 1000€ sul conto bancario?? Ma poi si tratta di un prestito o soldi regalati dallo stato?? Perché non si è capito grazie! Aspetto vostre notizie grazie mille

    1. E’ una proposta, ancora non è stata approvata. Buona giornata

        • Aurelio on 30 Marzo 2020 at 20:23
        • Rispondi

        Che bella iniziativa, è economicamente insostenibile. Frutto di qualche analisi fatta all’università delle merendine di Puffolandia.
        Sono certo che qualche pecorone sfaticato sarà ben lieto di approfittare di questo regalo.

        1. Non è assolutamente insostenibile. In questo momento non bisogna essere egoisti, dobbiamo pensare agli italiani in difficoltà. Poi se non ne avevano diritto gli verrà richiesta la restituzione.

    • maria letizia ciaffoloni on 30 Marzo 2020 at 11:27
    • Rispondi

    Non lo faranno mai un accredito nel c/c perché così facendo si annienterebbe il clientelismo o meglio la riduzione a suddito dei cittadini che la costituzione definisce sovrani. Per ogni erogazione di denaro ci devono esser almeno 7 enti che devono lucrarci sopra. Vogliamo parlare dei finanziamenti alle piccole e medie imprese? lo stato o l’europa garantisce il prestito che però deve passare tramite ad un associazione che, pur non facendo nulla, si prende un 2% dell’erogato e pretende di prendere delle quote associate riscosse a mezzo inps minimo €. 120,00 massimo €. 400,00 annui per la durata del prestito, devi sottoscrivere una quota del capitale che non verrà mai restituita e un deposito cauzione che si aggira da un 1% ad un 3% tutto ciò senza tener conto che non erogano mai quanto richiesto perché se lo facessero le aziende diventerebbero autonome finanziariamente; invece decurtano quanto richiesto in maniera che a metà del prestito devono richiederne un altro e continuare a pagare interessi passivi alle banche. La domanda è perché bisogna passare da una confidi per avere un prestito garantito dallo stato non bastono le banche?

  3. Grazie Giorgia! Aumenta il debito pubblico è permettimi di andare in pensione quando avrò 131 anni <3
    Mi raccomando, sempre dalla parte dei fannulloni ✌️

    • Carmelo on 31 Marzo 2020 at 03:17
    • Rispondi

    Quanto tempo deve passare prima che possiamo chiedere i mille euro ci sono già i moduli

    1. Carmelo, è una proposta che speriamo venga accolta dal Governo, ma non accora approvata. Buona giornata

    • MarfMarc on 31 Marzo 2020 at 22:56
    • Rispondi

    Anch’io avrei bisogno ma come devo fare per riceverli sul conto

Rispondi