Trasbordare passeggeri e affondare Sea Watch, è quello che farebbe governo che difende propri confini

La Sea Watch pronta a entrare in acque italiane. Trasbordare i passeggeri e poi affondare la nave: questo farebbe un governo che intende difendere i propri confini. O anche stavolta la daremo vinta alle Ong?

Condividi

9 comments

Skip to comment form

    • Pino 007 on 19 Maggio 2019 at 02:22
    • Reply

    Chiaro, un governo che difende i propri confini e diritti, ma non di certo il nostro e poi chi la sente la boldrini e la bonino ? Siamo pazzi?

    • Michele on 19 Maggio 2019 at 09:25
    • Reply

    Affondarla? nooooo!!! Sequestrarla? Siiiiiiiiii ….e donarla ai nostri pescatori in difficoltà economiche.

    • Gino Cerutti on 19 Maggio 2019 at 13:12
    • Reply

    L’Italia si conferma come un tragico PAESE di PULCINELLA. Le cialtronate di una sboldrina, di uno Strada, di un Saviano, di un Casarini, di un Sala o quell’altro masaniello sindaco di Napoli, di un cardinale-elettricista pro okkupazioni abusive per conto di un papa politicante e mestatore (ma il papa autentico esiste, sebbene in silenziosa rassegnazione), di uno pseudo artista come il toscani o altra gentucola che sguazza nello spettacolo, strapagati da noi (Fazio docet)…tutte queste esibizioni di parole minacciose e ricattatrici pesano di più della AUTORITA’ dello STATO, che i POTERI FORTI della globalizzazione vogliono piegare a tutti i costi, con ogni ricatto possibile, alla IMMIGRAZIONE CLANDESTINA! Nessuno in verità la vuole integrare civilmente, ma solo sfruttare e scagliare come un macigno contro la NAZIONE ITALIANA, i suoi confini, il suo popolo. Bisogna formare un FRONTE SOVRANISTA NAZIONALE ITALIANO: per non essere schiacciati e ritrovarci stranieri a casa nostra. VOTIAMO FRATELLI di ITALIA e GIORGIA MELONI. Non significa “essere fascisti”. Balle ! Ma voler sopravvivere come italiani. O preferite buttare alle ortiche un secolo e passa di sacrifici immani ? Questo il futuro che aspettate ?

    • Franco Cordiale on 19 Maggio 2019 at 13:32
    • Reply

    Sono gli SCAFISTI MAFIOSI e le ONG variamente colluse, il VATICANO di questo BERGOGLIO (che distinguo da Sua Santita’ Benedetto XVI) ed i suoi tirapiedi porporati a dettare l’agenda della politica estera italiana. NESSUNA altra nazione subirebbe simili pesantissime ingerenze e di fatto respinge i clandestini alle frontiere: Francia, Austria, Spagna, GB, per non dire dei paesi della Unione di Visegrad. Storia vecchia! Oltre sette secoli fa il Sommo Poeta (che non mi risulta fosse di destra od imparentato con Matteo Salvini) scriveva queste parole nel suo poema. “Ahi gente che dovresti esser devota / e lasciar seder Cesare in la sella,/ se bene intendi ciò che Dio ti nota, / guarda come esta fiera è fatta fella / per non esser corretta dalli sproni, / poi che ponesti mano alla predella” Parafrasando: la fiera o bestia italia, paragonata ad un cavallo, è diventata pigra e ribelle, in quanto le continue interferenze della chiesa in campo politico hanno impedito alla autorità dello Stato (a quei tempi nelle mani dell’imperatore, paragonato ad un cavaliere con sella e speroni) di svolgere il suo mandato, governando con mano ferma “il bel paese, là dove il si sona” ! Son passati SETTE SECOLI: ma la musica è sempre la stessa! Mi sbaglio ?

      • Francesco Carlo BIANCA on 19 Maggio 2019 at 14:51
      • Reply

      Il Sommo Poeta (canto VI del Purgatorio, versi 76-78), disgustato ed amareggiato per le condizioni in cui versava l’Italia, ” mette a confronto la realtà politica della terra in piena anarchia, al disordine, all’odio fra la fazioni ed al suo ideale teologico-politico di un impero universale, come condizione della volontà di Dio- Hai serva Italia di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincia ma bordello! ( La divina commedia a cura di G. Giacalone, pag103, ed Signorelli, ed.1978!”
      Francesco Carlo BIANCA

    • Franco Cordiale on 19 Maggio 2019 at 13:38
    • Reply

    Come mai quando il papa interveniva sull’aborto, erano “ingerenze negli affari dello stato italiano”, mentre adesso che ci impone la famosa “accoglienza” ad un 90% di finti profughi, non ascoltarlo significa essere “razzisti” ? Un tempo votavo a sinistra (dico PCI), ma se a sinistra bisogna buttare il cervello all’ammasso, mi dispiace, lo facciano gli Zingaretti di turno e i loro accoliti. Personalmente, NO GRAZIE !

    • Francesco Carlo BIANCA on 19 Maggio 2019 at 14:19
    • Reply

    Ho già avuto occasione di sottolineare che soltanto con la rifondazione del nostro Stato, ab imis fundamentis, sarebbe possibile mettere ordine nei conti pubblici e moralizzare l’Italia. Le varie critiche che vengono avanzate sui vari aspetti della (di)organizzazione del nostro Paese, certamente encomiabili, non riusciranno mai ad offrire agli Italiani un quadro completo delle vere riforme. Fino a questo momento non mi risulta che i “grandi Soloni”, dei vari Partiti abbiano elaborato, in modo esaustivo, una vera riforma costituzionale che mettesse in primo piano la partecipazione della Società Civile in tutti gangli della vita associativa pubblica, centrale e locale, così da assicurare un concreto controllo, permanente e preventivo, su tutti gli atti politici e amministrativi. Poiché ritengo di avere una certa esperienza in materia, ho sentito il dovere morale, perciò privo da qualsiasi interesse personale se non quello di essere utile al mio Paese, di elaborare una Ipotesi di Nuova costituzione che possa meglio soddisfare le aspettative della Comunità Nazionale. La mia Ipotesi non è utopica ma richiede coraggio e forza morale per essere realizzata. Comunque, è offerta in esame, a titolo del tutto gratuito, nel sito: http://www.nuovacostituzione.it“.
    Francesco Carlo BIANCA

      • Sandro Cecconi on 19 Maggio 2019 at 19:18
      • Reply

      Lei scrive giustamente “La mia Ipotesi non è utopica ma richiede coraggio e forza morale per essere realizzata.”, ergo occorre avere la maggioranza assoluta e anche ben oltre per poter realizzare un simile progetto. Sugli altri personalmente non ci conto per niente.

    • Pietro Formisano on 19 Maggio 2019 at 17:19
    • Reply

    D’accordissimo, ma non solo la sea whac,ma, anche quelle delle altre ong; maturalmente dopo preavviso!

Rispondi