Manovra, per combattere l’evasione fiscale la prima cosa da fare è tagliare le tasse

Se si vuole combattere l’evasione fiscale la prima cosa da fare è tagliare le tasse. Questa manovra, invece, prevede almeno 10 miliardi di nuove tasse e in Italia non ce n’è decisamente bisogno visto che abbiamo una pressione fiscale al 47%.

Il centrodestra del futuro? Dovrà essere diverso soprattutto sul piano della coerenza. Per stare insieme continuo a chiedere che si chiarisca, una volta per tutte, che non ci saranno altri patti con il PD e con il Movimento 5 Stelle. Sono strade fallite come aveva previsto Fratelli d’Italia, unico partito rimasto saldamente nel centrodestra.

Condividi

3 commenti

    • Francesco Papa on 24 Ottobre 2019 at 15:04
    • Reply

    Purtroppo bisogna sempre fare i conti con gli interessi degli altri partiti della coalizione: in primis forza italia

    • Marco Giacinto on 24 Ottobre 2019 at 16:10
    • Reply

    Più che d’accordo, Giorgia. Sono anni che dico e scrivo queste cose sui blog che hanno la grinta di ospitarmi. In pratica, al posto del solito mantra “Pagare tutti per pagare meno”, il suo rovescio: “pagare meno per pagare tutti”.
    Inoltre, si smetta di ripetere che bisogna tagliare il debito pubblico, giustificando così nuove tasse: il debito pubblico non l’ha mai ripagato nessuno Stato; e chiedere di abbassarlo equivale a rastrellarre soldi dall’economia reale. Come ben dici: non è davvero questa la ricetta che ci serve

    • Sandro Stano on 4 Novembre 2019 at 07:59
    • Reply

    Cara Giorgia, rappresenti l’unica voce fuori dal coro. Il livello di tassazione in Italia è assolutamente fuori controllo. L’evasione, spesso, è l’unico modo per non fallire. Se si attuasse un taglio feroce delle tasse e la si smettesse di trattare i lavoratori autonomi come delinquenti, il nostro amato paese ritornerebbe a prosperare. Non ci tradire

Rispondi