Giorgia Meloni a «Il Messaggero»: «FdI ha fatto tante proposte concrete ma il Governo le ha rifiutate per motivi ideologici»

Il leader di FdI: «Non esiste nessun dialogo, dalla maggioranza una farsa»

L’intervista di Mario Ajello

Presidente Meloni, c’è chi aveva creduto all’unità nazionale sul Cura Italia e su tutto il resto. E invece siamo al solito nulla di fatto? «Non certo per colpa nostra. Fin dall’inizio abbiamo detto che eravamo a disposizione per dare una mano all’Italia, non al governo, e così ci siamo comportati e continuiamo a comportarci. Avanzando tantissime proposte sensate di natura pratica e di impatto sulla vita quotidiana delle persone. Abbiamo la coscienza a posto. Il governo invece ha fatto una farsa. Ha finto il dialogo. Prima ci hanno detto che non avrebbero accolto proposte legate a maggiori spese, visto che non c’erano i soldi. E poi, per motivi soltanto ideologici, non hanno accolto niente di niente. Stai zitto e vota: questo per loro è il dialogo. E noi gli rispondiamo: non stiamo zitti, continuiamo a fare le nostre proposte e non votiamo un decreto così».

Significa che non vedete niente di buono nel decreto così com’è? «Contiene un sacco di errori. Il più grande è che questo governo sta facendo il difensore della burocrazia. Il rischio è che si complichi tutto e che si perda tempo. Condivido il principio della cassa integrazione ma i soldi mi devono arrivare quando avrei dovuto prendere lo stipendio, e non un mese e mezzo più tardi. Oggi facciamo un’interpellanza urgente al governo su questo tema. Ma purtroppo sono certa che i soldi a chi ne ha diritto non arriveranno prima della fine del mese».

Burocrazia uguale lentocrazia? «La burocrazia è sia un problema pratico sia un problema di mentalità culturale. Oggi alle imprese e a chi produce devi dare questo messaggio chiaro: lo Stato, invece di rompervi in ogni modo le scatole, sta al vostro fianco, è dalla parte dei cittadini. Gran parte degli emendamenti che abbiamo presentato, ma nessuno è stato accolto, hanno proprio questo spirito profondamente pratico e popolare: la sospensione del decreto Dignità, l’abolizione del tetto al contante, l’annullamento degli Isa per il 2020, no al minimo contributivo per artigiani e commercianti. E va assolutamente eliminato l’obbligo di contrattazione sindacale per accedere alla cassa integrazione. È sia una perdita di tempo sia un modo per arricchire i sindacati».

Quanto all’Europa, però, voi fate fuoco e fiamme ma qualche passo in nostro aiuto si sta facendo. «Lei davvero vede segni di solidarietà? A me sembra invece che l’Unione europea sia un’unione tedesca in cui valgono solo gli interessi della Germania. Le crisi tirano fuori la vera natura delle cose, nella loro drammaticità. Oggi è sotto gli occhi di tutti che questa Ue è stata e continua ad essere ad uso e consumo della Germania. Il fatto che i tedeschi si oppongano agli Eurobond significa che, mentre noi contiamo i morti, loro contano gli spiccioli che potrebbero perdere in tassi d’interesse sui titoli di Stato. E tra l’altro non è affatto detto che li perderebbero».

Non corriamo il rischio di sembrare troppo lagnosi, anche se la situazione è assai grave? «Macché! Noi non chiediamo elemosina a nessuno, pretendiamo quello che ci appartiene. Ovvero di avere indietro quello che abbiamo dato. E mi faccia dire quanto sia offensivo e intollerabile che, mentre all’Eurogruppo la Germania cerca di mettere il cappio al collo all’Italia con il Mes, la nave Alan Kurdi di una Ong tedesca continua a pretendere di sbarcare immigrati clandestini in casa nostra».

Torna il tema dell’immigrazione, che il coronavirus sembrava aver bypassato? «La questione è che in piena emergenza Coronavirus, mentre noi teniamo segregati in casa gli italiani, qualcuno pretende che apriamo le porte a gente che arriva da territori nei quali non c’è alcun tipo di controllo. La misura della nostra pazienza è colma: caro governo tedesco ridacci i soldi che abbiamo messo nel fondo salva-stati, con i quali pretendi di salvare le banche tedesche, e riprenditi gli immigrati clandestini che le tue organizzazioni non governative pretendono di sbarcare in Italia perché non ne possiamo più».

Chiusura totale anche sul Mes dunque? «Ma certo. È un tradimento ai danni degli italiani. Non può esistere con le condizioni light. L’unico modo è liquidarlo e riprendersi i 15 miliardi che ci abbiamo messo».

Ma almeno la task force governativa anti-fake news poteva essere un ottimo terreno d’incontro. Stavolta non siete voi un po’ troppo rigidi? «Credo che in democrazia non possa esistere il Ministero della Verità. E non ha molto senso una commissione sulle fake news sanitarie in cui non ci sia neanche un virologo. Non solo. Diversi esponenti di questo organismo hanno diffuso bufale. Inoltre, segnalo sommessamente che le più grandi fake news le ha propalate il governo, per esempio quando ha detto che gli asintomatici non contagiavano. Con la logica della task force anti-bufale anche Conte rischierebbe di finire sul rogo dell’Inquisizione».

Condividi

3 commenti

  1. ma la meloni continuera a pensare al sogno dei nostri padri fondatori?
    una cosa e’ sicura la merkel = io la chiamo hitler in versione femminile,per meta a ragione,di certo la germania non e’ mesa meglio del italia in quanto a mafia ndrangheta camorroa,e di certo delle mafie non te ne liberi sicuramente se continui a tollerare e fare leggi che a malapena gli toccano un dente…
    sognori chi si ricorda margaret thatcher?
    be’ fino a quando la thatcher fu al comando in inghilterra le cose migliorarono,ma adesso che le cose son cambiate tipo diritti dei criminali in galera diritto di andare a commettere crimini..signori come in tutte le nazioni le cose vanno sempre piu di merda…
    una cosa e’ sicura…
    quella che i politici chiamano democrazia parlamentare non e’ altri che mafia nei palazi del potere,esempio un senatore viene idagato,ed il senato vota se mandarlo a processo o meno SPECIFICO NON MI RIFERISCO A SALVINI CHE FACEVA IL SUO DOVERE PROTEGERE I CONFINI NAZIONALI,UNA PICCOLA COSA A SALVINI GLI RINFACCIO..A FATTO POCO!!POTEVA VOLENDO FARE MOLTO MA MOLTO DI PIU!!.
    MI RIFERISCO SPCIFICAMENTE A TUTTI QUEI SENATORI INDAGATI PER CORRUZIONE ED ALTRI CRIMINI.
    signori politici fino a che non dite hai cittadini come stanno veramente le cose..
    l’odio per la politica sara sempre e solo crescente..
    politici di merda e corrotti anzi mafiosi fino a quando continuate a coprirvi il culo a vicenda i cittadini metteranno sempre in dubbio qualsiasi cosa esca dalla vostra bocca…
    la mafia quella che sta al difuori dei palazzi della politica e’ una bazzecola se comparata con quella al interno dei palazzi della politica!!,e questa e’ la realta dei fatti,qundi se la giustizia in italia e’ uguale per tutti,nascondervi dietro un voto al senaato e chiamarla democrazia parlamentare per non mandare u senatore corrotto al processo,dimostra solo il fatto che voi porci di politici vi volete fare solo i cazzi vostri guadagniarci sopra e non andare in galera…
    semplice realta dei fatti.cittadini chiunque vi viene a dire la cosa e’ piu complicata…NO NON E’ VERO UN CAZZO LORO SBAGLIANO E NON PAGANO MAI,BENSI SI PREMIANO TRA DI LORO CONSENTEDO A CORROTTI DI CONTINUARE A FARE I PORCI COMODI LORO…
    anzi che mandarli in galera,e poi vi vengono a prendere per il culo democrazia parlamentare…si..con delle leggi che si cuciono su misura per i loro porci comodi!!
    la democrazia in italia deve essere una sola quella del popolo,e solo il popolo deve avere il potere di decidere…ma non con numeri tipo il 50%+1 con numeri tipo 70 80 % che decide da una parte o dal altra..
    la tav? a me che abito nelle marche a che cazzo mi serve? a niente in quanto se mi va bene la usero una volta nella mia vita.ad uno che abita in sicilia o in sardegna a che cazzo gli serve? a niente come me forse la usera una volta nella vita!!,bensi serve ad imprenditori amici di politici tipo salvini che fino al giorno prima e’ cntro la tav ed il giorno dopo cambia idea usando come scusa i lavoratori..
    salvini una novita per te..i ponti in italia crollano e questo succede per politici come te!!tutte le strutture pubbliche an bisogno di manutenzione costante!!
    i benetton?io fosse stato per me la pena di morte il giorno dopo del crollo del ponte e sequestrato tutto quello che i benetton hanno sia in italia che al estero,ma salvini invece esce fuori ma per i benetton lavorano 6.000 persone..e chi cazzo se ne frega!!43 morti valgono di meno di 6.000 persone?che poi comunque andrebbero a lavorare per lo stato almeno la meta… quindi caro salvini tu ti arrampichi sugli specchi come tutti gli altri politici!!
    i pozzi petroliferi,be’ anche il petrolio e’ una mafia,lo dimostra il fatto che salvini anche per il petrolio ci ha messo di mezzo i lavoratori..salvini costruire delle turbine sulle piattaforme petrolifere per generare corrente non necessita di manutenzione?io son piu che sicuro che ne necessiti…
    ecco qua signori che raccontandovi cose di buon senso tento di farvi capire come la corruzione dei politici la mette nel culo di tutti noi italiani che ci caschiamo come allocchi quando sentiamo la parola lavoratori posti di lavoro..
    vi imploro collegate il vostro cervello alla realta dei fatti e smettetela come fessi di abboccare alle stronzate che vi raccontano i politici da destra a sinistra..
    in quanto la realta de fatti e’ molto piu semplice da capire,PERCHE LA AVETE SOTTO GLI OCCHI!!!e mi spiace dire che se non riuscite a capire nemmeno la realta dei fatti cazzo siete proprio senza un cazzo di materia grigia!!

    • Giovanni il 9 Aprile 2020 alle 19:03

    Intervista molto interessante che condivido

    • Riccardo Crocetti il 9 Aprile 2020 alle 19:56

    Ma lo volete capire sì o no, che con i fascisti rossi è impossibile dialogare?
    Non dovrebbe MAI essere loro permesso di essere al governo di un qualsiasi paese civile.MAI!
    Anni fa circolava questa verità sacrosanta : ” Gli unici comunisti buoni sono quelli morti!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.