Meloni a “Panorama”: “Il mio obiettivo è portare la destra italiana più in alto di sempre”

di Emanuela Fiorentino

Tra piante di salvia e rosmarino, in un angolo bucolico vicino al Raccordo anulare, c’è il vero quartier generale di Giorgia Meloni. Nel senso che qui, oltre a coltivare spezie, ricarica le forze, accudisce la figlia Ginevra, rincorre la gatta Micia che vorrebbe uccidere tutti i gechi. In questa casa col giardino, il tempo vale oro perché è sempre troppo poco, ma è una postazione di pace da dove l’ex «leaderina» di Fratelli d’Italia riflette sul mondo che verrà. I sondaggi la esaltano e ora serve lucidità. Una qualità felina, dice lei, mentre accarezza Micia e Martino, lo Scottish grigio. «I gatti sono orgogliosi e sicuri di sé, mi ci rivedo molto».

Ci racconti una riunione di routine con Matteo Salvini e Silvio Berlusconi o, ultimamente, con Antonio Tajani. «Con Berlusconi si stava a tavola, come tutti sanno lui è un grande ospite e c’era un clima conviviale. Le riunioni di adesso nell’ufficio di Salvini sono più sbrigative, da ufficio. Ne facciamo tante, ma brevi. Dopo due ore non ce la facciamo più».

Com’è riuscita a convincere i suoi alleati a non partecipare agli Stati Generali di Giuseppe Conte: ha alzato la voce o ha alzato la posta? «Non ho alzato niente, ma solo condiviso una riflessione. Era sbagliato fare passerelle in villa in questo momento e c’era anche un errore nel merito: se vogliono parlare con le opposizioni devono dirci come stanno spendendo gli 80 miliardi di euro avuti grazie a noi che abbiamo votato gli scostamenti di bilancio. Berlusconi, che è uomo di comunicazione, ha convenuto su quanto fosse distonico fare dieci giorni a Villa Pamphilj. Sembravano Stati Generali del re di Francia».

Ha detto no ai colloqui separati del centrodestra con il presidente del Consiglio, Ma è molto evidente che il centrodestra non sia unito in questo momento. Raccontano di tensioni altissime nella scelta dei candidati regionali e di quelli a sindaco. Poi, sul Mes, non c’è un punto d’incontro. «Abbiamo discusso, è vero, sui candidati presidenti, ma alla fine andiamo con un candidato solo. Nel centrosinistra vanno con tre, quattro candidati quando va bene. Il Mes sicuramente è un argomento che ci divide, ma è l’unico. Ho concordato con gli altri l’idea di andare insieme perché è il gioco dei nostri avversari battere sulla psicologia e l’ego di ciascuno di noi. Tutti i giorni sento che Meloni schiaccia Salvini come un granchio, che Salvini insulta Meloni, che Berlusconi è più intelligente di Salvini e Meloni messi insieme… Ragazzi, il fatto è semplice: compatti facciamo paura e gli italiani ci vogliono al governo insieme».

Il Mes non è l’unico argomento che vi divide. Lei è disponibile, come chiedono i leghisti, a firmare l’accordo per l’autonomia dei Veneto? «Ho già dato la mia disponibilità, l’autonomia era inserita nel programma comune per le Politiche del 2008 e a livello regionale i nostri esponenti hanno sostenuto il referendum. Abbiamo chiesto e ottenuto dalla Lega che non ci fossero ambiguità sulla difesa dell’unità nazionale e affiancato all’autonomia la battaglia per il presidenzialismo, condizione fondamentale per un governo centrale autorevole ed efficiente».

Ma il duello tra lei e Salvini, alimentato dai sondaggi, è iniziato da molti mesi. E lei ripete che si candiderà a premier il leader più votato. «La coalizione intera indicherà come premier il leader più votato perché è sempre stato così nel centrodestra. Sono stata la prima, dopo il risultato del 4 marzo 2018, a chiedere che Salvini fosse premier. Lo stesso principio vale per tutti».

I rapporti di forza saranno comunque cambiati tra di voi. Come? È più assertiva, guardinga o semplicemente più sicura quando ci sono questioni importanti da affrontare insieme? «Sono consapevole che il peso sia cambiato, ma non mi interessa farlo pesare. Se fossi stata uno dei miei alleati, siccome gli accordi sui candidati alle Regionali sono stati fatti quando Fratelli d’Italia era al 6 per cento e oggi è stimata al 14, avrei detto: voglio la Puglia, le Marche, ma anche la Campania. Oppure la Toscana perché, signori cari, la situazione adesso è questa. Non l’ho fatto».

Allora perché tutti dicono che Salvini ha ceduto sulle candidature? «Non l’ho capito nemmeno io, forse perché aveva detto che i nomi che avevamo scelto noi non andavano più bene, ma poi sono stati riconfermati ed è stato giusto così. Li abbiamo sondati, visti, rivisti, rivoltati come calzini e risultavano sempre i candidati migliori. E comunque io non ero disponibile a fare un passo indietro, in questi otto anni di vita del partito, solo una volta abbiamo espresso un candidato presidente di Regione».

Se le chiedono di Berlusconi, dice che si sente legata a lui da un rapporto personale. Ma si fida o non si fida? «Mi fido di me stessa, in politica devi fare così. Quando io dico una cosa è quella, ma riguardo agli altri, non metto mai la mano sul fuoco. Berlusconi? Ti ascolta, con lui è molto facile riuscire a ragionare e se è pienamente convinto di una cosa, ti puoi fidare. Anche perché sa che con me non c’è la sorpresa, il doppio gioco».

Perché alcuni, nel centrodestra, sostengono che lei sia stata ingrata con il leader di Forza Italia? «Perché si parte dal presupposto che le donne devono essere sempre grate a un uomo per quello che hanno. Non si accetta che quello che abbiamo ce lo siamo guadagnato. Ma io a Berlusconi non devo nulla, se non il rispetto. Quando l’ho conosciuto ero già vicepresidente della Camera, quando sono diventata ministro nel suo governo, fu An a indicarmi. Quando me ne andai dal Pdl per fondare FdI lo feci senza chiedere nulla. L’unica volta che Berlusconi avrebbe potuto fare la differenza nel mio percorso politico fu quando mi candidai a sindaco di Roma, ma mi preferì uno di sinistra».

Lei attacca Conte ogni giorno, lo ha sfidato alla Camera con durissimi interventi anche durante il lockdown. Ci sono stati chiarimenti dietro le quinte, momenti in cui ha potuto apprezzarne almeno le doti di garbo e simpatia? «Ci siamo sentiti al telefono diverse volte, l’ultima quando mi ha invitato agli Stati Generali, una lunga telefonata in cui voleva convincermi. È una persona garbata, ma molto scaltra. Io penso che lui guardi molto più al suo interesse personale che a quello della nazione. Non mi convince come si comporta e che faccia sempre finta di non sapere che cosa fanno le persone e i partiti a lui più vicini. Se vieni in Parlamento a fare un appello di collaborazione e dopo di te il rappresentante del partito che ti ha indicato premier comincia a insultare tutti e tu non ne prendi le distanze, vuoi dire che c’è un gioco preordinato».

Le ha chiesto scusa dopo il famoso attacco del 12 aprile in cui la accusò di avere mentito sull’attivazione del Mes? «Figuriamoci, ma non ho mai pensato che lo avrebbe fatto. Ha detto cose false perché le voleva dire. Quella conferenza stampa era stata organizzata solo per attaccare noi. Fatta con cognizione di causa, è il classico metodo dei Cinque stelle. Come il 2 giugno, quando abbiamo chiesto di portare una corona di alloro all’Altare della Patria per omaggiare il milite ignoto, e i giornali hanno saputo prima di noi da Palazzo Chigi che era stata bocciata la richiesta. Il Fatto quotidiano e la Repubblica scrissero che volevamo oscurare Sergio Mattarella e per questo c’era stato il no. Ho mandato un sms molto piccato a Conte e lui, come al solito, ha detto che loro non c’entravano niente e che era difficile verificare chi fosse stato a dare la notizia…».

Esiste qualcuno, all’interno del Movimento Cinque stelle, di cui ha stima a livello politico? «Gianluigi Paragone… ah, se ne è andato. C’è stato qualche deputato che sul Mes ha votato il mio ordine del giorno contro il parere del gruppo. Rispetto sempre chi sfida i diktat per rimanere coerente».

Sui navigator fortemente voluti da Luigi Di Maio i dati sono implacabili e lei non fa che ricordarlo: tanta spesa e poca resa. Non sono serviti a procurare lavoro a chi percepisce i il reddito di cittadinanza. Qual è stato il suo primo approccio con l’attuale ministro degli Esteri? Di Maio è una persona molto carina e cordiale, alla mano rispetto alla media dei Cinque stelle. Forse ii più normale nei rapporti personali essendo dotato di un minimo di educazione istituzionale. Ci ho parlato di rado. Però io sarei mai stata in grado di fare le capriole che ha fatto lui nella sua vita. Per quelle dovrebbero dare l’oro alle Olimpiadi».

Alcune, lui e Salvini, le hanno fatte insieme. «Vero, in politica le fanno tutti, ma almeno Salvini col Pd non ci è andato. Quando voteranno il Mes, perché stia certa che lo voteranno, vorrà dire per i Cinque stelle aver tradito il 100 per cento delle loro promesse. Un record anche per l’Italia».

Lei dice che la maggioranza non ha più i numeri in Senato e che in autunno cadrà il governo. Pensa che questa volta Sergio Mattarella vi ascolterà sulla corsa al voto? «Il presidente della Repubblica ha mandato a dire ai partiti che se fosse caduto il governo per lui ci sarebbero state solo le elezioni e io mi fido».

Pensa davvero che con la crisi economica, lo scongiurato ritorno del virus e la legge di Bilancio da approvare si possa bloccare per mesi il Parlamento? Votare entro l’anno sarebbe impraticabile a meno di farlo entro Natale e a primavera mancherà poco all’inizio del semestre bianco. In sintesi: non crede che chiedere le elezioni anticipiate sia solo un modo per crescere nei sondaggi? «È la ragione per cui sto chiedendo l’election day. Se si può votare il 20 settembre per le Regionali, si può votare anche per le Politiche. Non si tiene ti Parlamento bloccato per mesi andando a votare, si tiene bloccato per anni non andandoci. Certo, ci credo poco perché siamo in una democrazia malata dove la poltrona vale più del diritto di voto, ma non mi piego alla degenerazione. Ci dicono che col Covid si può votare per le Regionali, ma non per le Politiche. Cos’è, il virus attacca solo gli elettori del Parlamento?».

Le piaccia o no, lei ormai è una donna di potere. Ma quante volte, per aver fatto valere le sue ragioni, le hanno dato dell’aggressiva, prevenuta o addirittura dell’isterica? «Aggressiva sempre, ma io devo alzare la voce solo per poter esprimere il mio punto di vista. Loro partono dal presupposto che tu non debba parlar, ma io questa cosa l’ho imparata dalla sinistra alle assemblee studentesche. Tu arrivavi e loro t’iscrivevano a parlare, ma c’era sempre uri altro prima di le. L’assemblea finiva e tu non avevi preso la parola. Mi hanno fregato la prima volta, ma la seconda no, sono salita sul palco e mi sono fatta sentire. Poi, per tutta la vita me la sono dovuta cavare così. Combattendo contro il principio: ti mettiamo seduta per far vedere che siamo democratici, ma non puoi parlare».

Questo perché donna o perché di destra? «Questo perché sei di destra, poi perché, se sei donna, pensano che sia più facile farlo. È una vita che devo lottare per poter dire il mio punto di vista e se non mi faccio zittire mi definiscono aggressiva perché sono costretta ad alzare la voce. Ci sono una serie di conduttori televisivi che fanno questo giochetto, anche lì mi freghi la prima volta, ma la seconda no. Gli altri ospiti ti insultano, arriva il tuo turno e il conduttore dice: si sbrighi, non c’è più tempo. Poi ricomincia il giro. Eh, no».

Una leader agli antipodi del #MeToo, delle quote rosa, del femminismo a oltranza. Ma come si fa a non essere femministe quando per farsi valere si è costretti a il doppio della fatica? «Come tutti sanno, ho fatto mia una massima della femminista Charlotte Whitton: “Una donna deve fare qualunque cosa due volte meglio di un uomo per essere giudicata brava la metà. Per fortuna non è difficile”».

Le fa piacere quando la dipingono come «una con le palle»? «Non mi dispiace. Si riconosce che sono una persona coraggiosa, per me dote fondamentale visto che detesto le persone vigliacche. Per coraggio intendo che cosa sei disposto a sacrificare per non abbassare la testa, quella è la forza. L’ho detto quando ci ha lasciato il nostro senatore Stefano Bertacco. Mi ha insegnato, con l’esempio, che la vera forza non ha bisogno di essere sguaiata. Ti guarda negli occhi, ti prende per mano, ti guida».

E la forza che voce ha? «Piena, potente, mai stridula».

Le è mai successo di non sentire la solidarietà delle colleghe parlamentari in seguito a un attacco sessista? «Sempre. Io di episodi ce ne ho centomila da raccontare. Due settimane fa a Ostia hanno scritto sul muro «Meloni troia fascista» e non c’è stato un solo o una sola collega del Pd che abbia condannato. Il giorno dopo è stato insultato il dem Emanuele Fiano e io ho fatto un tweet in sua difesa. Quando mi ha chiamato per ringraziarmi gli ho detto: mi colpisce che ti stupisca. Poi, scusi, non si può criticare Teresa Bellanova perché faceva la bracciante. Io facevo la cameriera e sono vent’anni che mi deridono: ah, tu al massimo puoi portà il caffè. Se la Bellanova ha fatto dei lavori semplici è bravissima, se li ha fatti la Meloni è una poveraccia».

Tra le avversarie in Parlamento ce ne sono alcune che apprezza in modo particolare? «Mmh… Roberta Pillotti. Anche se non ho condiviso molte sue scelte, ha fatto il ministro della Difesa con dignità e non posso dire nulla di male. Anche perché dopo c’è stata Elisabetta Trenta e allora… la Pinotti era un luminare».

Come governa la Camera la vicepresidente Mara Carfagna? Al suo posto che cosa avrebbe fatto lei con Vittorio Sgarbi? «Non c’ero e non ho sentito il discorso di Sgarbi, ma so che presiedere Montecitorio è un ruolo difficilissimo, L’ho fatto anche io molto tempo fa, a 29 anni. Mara è sicuramente una che si fa rispettare. Forse fin troppo, a volte sarei meno interventista».

Ci racconta un episodio detta sua vita politica, presente o passata, in cui si è sentita ingiustamente prevaricata? «Mai sentita prevaricata. Battute da caserma le ho subite, ma quando sono arrivate da qualcuno con cui non avevo confidenza l’ho rimesso a posto; non ti permettere mai più che ti tiro una sediata. Con chi è successo non lo dico.

La sua corsa sembra inarrestabile, i sondaggi sono sempre più positivi e i numeri si avvicinano a quelli che aveva Gianfranco Fini, con An, nel 1996: 15,6 per cento. Che effetto le fanno queste cifre e questo paragone? «Scherzando dico sempre ai deputati di Fratelli d’Italia che supero An e mi dimetto. Il mio grande obiettivo era portare la destra italiana più in alto di sempre. Qualcuno mi ha detto: quando arrivi al 16, vendi tutto. Ho combattuto tutta la vita per questo, per me è come se la missione fosse compiuta. Ma non lo è, intanto perché i voti vanno presi nelle urne, poi perché devi trasformare le idee in mattoni e questo si fa al governo».

Prima delle Europee diceva: o va o mollo. «Ho pensato seriamente di mollare se non avessi fatto il 4 per cento. C’è sempre il fatto che un partito piccolo l’elettore non lo vota perché ha paura di buttare il voto ma io ripetevo a tutti: Fdl è un partito piccolo perché tu non lo voti. Però chi mi conosce bene sa che io vivo tutto con ansia, ogni volta che vedo un sondaggio che sale, mi sento addosso il peso delle singole scelte».

Lei, Salvini e Berlusconi siete alleati in Italia, ma in Europa andate ognuno per conto proprio. L’Europa non è i solo il Mes… «Mes è una trappola e nessuno mi convincerà del contrario. Ma è l’elemento più divisivo di tutti. In Europa le nostre diverse posizioni potrebbero anche rappresentare un elemento di forza perché, in caso di governo, ci consentirebbero di lavorare per cercare convergenze tra le diverse famiglie in difesa degli interessi dell’Italia».

Qual è il perimetro della sua destra gollista, una destra conservatrice moderna, e in che cosa si distingue dalla destra sovranista di Salvini? «Nel panorama politico nazionale è Fratelli d’Italia a rappresentare la destra, che da sempre tiene insieme differenti sensibilità. È gollista perché crede nella democrazia diretta e nella politica capace di decidere, è conservatrice perché difende valori tradizionali come Dio, patria e famiglia, è sovranista perché mette l’interesse nazionale davanti a tutto, è sociale perché capace di parlare a tutti, a partire dai meno garantiti, è produttivista perché valorizza l’Italia che lavora, è moderna perché ha radici profonde, ma non ha scheletri nell’armadio».

A febbraio fu invitata al National prayer breakfast e disse che Donald Trump è un modello. E noto che gli Usa la preferiscono come interlocutrice in Italia rispetto a Salvini, del quale non si fidano per i rapporti con la Russia. Considera tuttora Trump un modello pur essendo accusato anche da suoi ex collaboratori di voler spaccare la nazione? «Trump è oggetto di una campagna di odio da parte di nemici esterni e interni. E già questo me lo rende simpatico e mi fa pensare che abbia rotto le uova nel paniere a tanti sacerdoti del politicamente corretto. Mi piace il Trump che ferma l’immigrazione incontrollata e difende i valori cristiani, la sua ricetta economica fatta di tagli alle tasse e rilancio degli investimenti pubblici, la sua idea di riequilibrare un mercato globale in cui la Cina e la Germania spadroneggiano. Chiaramente lui lo fa con la prospettiva di un patriota americano mentre io sono una patriota italiana e difendo l’interesse italiano. Non ho mai esitato, per esempio, nel dire che i dazi americani sui nostri prodotti agroalimentari ci danneggiano. Tutti sanno, Trump compreso, che possiamo essere amici leali di molti, ma servi di nessuno».

Lei si arrabbia quando le dicono che frequentando i salotti buoni, anche quelli televisivi, rischia di fare Io stesso percorso che fece Fini per farsi amare a sinistra, ma per poi perdere i voti a destra. «Io non ho complessi e, quando da sinistra mi fanno complimenti, mi chiedo se ho sbagliato qualcosa, anche se so che su alcuni temi debba esserci un terreno comune. Mi fa tenerezza questa sinistra che vuole spiegarci anche come dovrebbe essere la destra e che ovviamente spera che la destra non prenda un voto. Ho visto da vicino il gioco che hanno fatto con Fini. Non ero d’accordo con lui quando si prestava, figuriamoci se mi presto io. Poi, insomma, a quelli che mi vorrebbero ammiccante con la sinistra faccio notare che Fdl non ha mai fatto governi né con il Pd né con i Cinque stelle».

Prima era solo una populista, nei casi migliori, ma ora che è in alto tutti la vogliono. Ha notato un aumento del tasso di cortigianeria attorno a sé? «Oh, certo, a tutti i livelli. Scopri tante persone che avevano il nonno con la tessera del Msi, ma sono le stesse col nonno tesserato Dc o partigiano, dipende da chi incontrano in quei momento. Io però riconosco gli amici veri. Il che non significa non saper essere inclusivi con chi viene magari da un altro percorso, come dimostra la candidatura in Puglia di Raffaele Fitto (che era di Forza Italia, ndr)».

Come immagina l’Italia tra un anno? «Con un nuovo governo scelto dai cittadini. Se così non fosse, la immagino in grande difficoltà, perché il modo in cui si stanno spendendo 80 miliardi di nuovo debito che graverà sui nostri figli in marchette, bonus e consulenze dimostra che questo è un governo di irresponsabili».

Condividi

4 commenti

Scrivi un commento

    • Federico Puglia on 15 Luglio 2020 at 13:45
    • Rispondi

    Giorgia, rimani sempre quella che sei e che sei stata: non solo perché “sei una macchina” come Leader ma, perché (come in parte Salvini) sai affrontare anche i problemi degli Ultimi, di Chi vive nelle Periferie delle grandi Città, nelle Città di Provincia che sono ormai senza anima per le chiusure delle attività, nelle vallate come nelle Montagne, dove è originario e vive attualmente il sottoscritto, ormai dimenticate dallo Stato, per il limite di essere Territori grandi…. con pochi Abitanti e votanti. Ovviamente, l’aiuto decisivo verso un mensile almeno di sopravvivenza per gli Invalidi è un’ulteriore merito che sta a confermare quanto ho scritto in precedenza.

    • Giorgio on 15 Luglio 2020 at 14:11
    • Rispondi

    Leggendo l’intervista intervista continui così!! Purtroppo nella politica italiana attuale c’e tanta gente che non sono all’altezza della posizioni che ricoprono, o per favoritismi e paraculismi.la vera persona che fa’ politica onesta serve alzare la voce quando serve!!!! Continui così!! Lei sarà la lady di ferro dell’Italia.

  1. Cara Giorgia,tu sei troppo gentile con questo governo,non solo di inetti incapaci;ma anche di ladri dei nostri soldi,per decine di consulenze a 4-5.000 euro al giorno,capisci che io pensionato CONTRIBUTIVO prendo onestamente 1,350 euro e uno di quei “consulenti”??? li prende in 8 ore? Farabutti ladri disonesti,tutti quelli che sperperano i nostri soldi…voglio solo sperare che qualche magistrato non partitico (ce ne sono ancora??) -miracolo – possa un domani inquisire Conte per i poteri che si è arrogato senza il consenso del parlamento,e questa la vera dittatura,e i “compagni”?…come mai non reagiscono a cominciare da quel buffone di Renzi???. P.S. Cortesemente di Fini non ne parlate più,l’ho schifato da molto tempo.

    • Pino 007 on 16 Luglio 2020 at 09:34
    • Rispondi

    Mi sta tutto bene e non critico ma commento, perche’ questo mi da enormemente fastidio, e’ il perche’ ogni volta che si cerca di star uniti senza sorprese, ci deve essere sempre il guasta feste ( io lo chiamerei in altro modo ) che deve mettere sul tavolo cose o idee oppure obiezioni che potrebbero essere risolte dopo, dopo, dopo, dopo le elezioni ?? Come l’autonomia del veneto e tante altre cose. Sembra che a molti questo sia un gioco, un simpatico gioco dove tutti mettono bocca e si fanno grandi ( vedi il Monopoli ) e mi viene sempre a galla che l’italiano sia un bambinone sempre in attesa di quello che dica la mamma, ma mai che prenda una propria iniziativa e metta la faccia, ecco perche’ ho sempre detto nei vari commenti, che la Meloni e’ sola nella lotta, attorniata dai quattro o cinque che spingono, ma non si sente di un’armata pronta a fare breccia.
    Ahh ! Se solo potessi tornare indietro di almeno 30’anni !!!!!!!!

Rispondi