Giorgia Meloni a «Il Foglio»: «Le nostre condizioni a Conte sullo scostamento di Bilancio, basta voti a scatola chiusa»

Siamo entrati in una settimana cruciale per l’Italia, che vedrà il governo chiedere al Parlamento un nuovo scostamento di bilancio, questa volta di circa 25 miliardi di euro. Il terzo in pochi mesi, che porta la cifra complessiva a più di 100 miliardi di euro, un debito necessario a fronteggiare la crisi ma che pagheranno le future generazioni.

Finora Fratelli d’Italia ha responsabilmente e in buona fede votato i due precedenti scostamenti di bilancio legati ai decreti Cura Italia e Rilancio, nell’intento di dare risposte immediate agli italiani in difficoltà a causa della crisi coronavirus che ha messo in ginocchio famiglie e imprese. Il Governo, e le forze di maggioranza, hanno però deciso di spendere gli 80 miliardi messi a disposizione dal Parlamento senza coinvolgere minimamente l’opposizione.

Purtroppo le aperture ad una collaborazione con l’opposizione da parte di Conte si sono sempre rivelate pretestuose: aperture di facciata, considerando che poi le nostre proposte sono state sempre rispedite al mittente ed è stata posta la fiducia su tutti i provvedimenti adottati.

Fratelli d’Italia non ha condiviso le scelte dell’Esecutivo giallorosso su come contrastare la crisi e ha provato a denunciare gli innumerevoli sprechi e le molte regalie e amenità contenute nei decreti: dalle consulenze ministeriali ai bonus monopattino, dalla creazione di nuove fondazioni alla sanatoria di massa degli immigrati irregolari.  Purtroppo questi enormi sprechi, in una fase drammatica per l’Italia e l’Europa, ci indeboliscono molto anche nel contesto europeo.

Da patriota soffro molto quando qualche spocchioso premier straniero si mette a bacchettare l’Italia, ma purtroppo è innegabile che a volte prestiamo il fianco a facili critiche. Penso ad esempio al tutt’altro che simpatico cancelliere austriaco Sebastian Kurz che ha recentemente affermato che il problema non sono le risorse, che si trovano, ma come vengono spese, perché non si possono sprecare per iniziative come il “bonus vacanze”. Insopportabile dover dare ragione a Kurz, perché i 2,4 miliardi spesi nel decreto Rilancio per il bonus vacanze è solo un enorme spreco di risorse pubbliche che non porterà neppure un turista in più, non favorirà l’economia, ma graverà solamente sui nostri conti pubblici.

E gli esempi, purtroppo, sono moltissimi. Per questo spendere bene le risorse derivanti da nuovo deficit è un imperativo per l’Italia, in nome del buon governo, certo, ma anche per non creare la scusa per far intervenire qualche entità sovrannazionale a gestire i conti pubblici italiani, visto che i nostri governi sono incapaci di farlo.

Per questo, davanti alla richiesta del governo per autorizzare un ulteriore ricorso all’indebitamento di 25 miliardi di euro per l’anno 2020 (più quelli per gli anni successivi), non siamo più disposti a firmare assegni in bianco. E dopo aver dimostrato grande responsabilità crediamo sia giunto il momento che sia il Governo a dare prova della sua: chiediamo garanzie, chiediamo di saper prima come Conte intende utilizzare queste risorse. E intendiamo rinnovare alcune delle proposte che abbiamo già presentato e che sottoporremo ai nostri alleati per trovare insieme una sintesi e realizzare un documento comune.

Sono 4 gli ambiti sui quali si deve prioritariamente intervenire. Il primo inevitabilmente è il sostegno all’occupazione. Perché sicuramente la cassa integrazione è utile, ma non può essere sufficiente da sola a evitare una ecatombe occupazionale.

È necessario affiancare alla CIG forme di premialità per chi non vi ricorre, per gli imprenditori che resistono. Per questo FdI già ai tempi del Decreto Cura Italia aveva proposto con un emendamento puntuale, presentato anche in sede di conversione del decreto Rilancio, di premiare le imprese che non ricorrono alla CIG riducendo loro il carico fiscale sul lavoro nella misura dell’80% del costo del trattamento di integrazione salariale che avrebbe sostenuto lo Stato in caso di ricorso agli ammortizzatori sociali.

A tal proposito, proprio la scorsa settimana l’aula del Senato ha approvato una nostra mozione basata sullo stesso principio ma legata specificatamente al lavoro dei giovani. La mozione prevede sgravi contributivi a favore dei datori di lavoro privati che dal 1 gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, mantengono almeno l’80 per cento dei livelli occupazionali dei giovani lavoratori in forza alla data del 1 febbraio 2020.

Una conferma della ratio che muove l’azione politica di Fratelli d’Italia: noi presentiamo proposte concrete e sensate e se ci avessero dato retta non avremmo perso 4 mesi di tempo. Per noi è necessario sostenere le imprese che assumono e che danno lavoro, intervenendo in primo luogo con un taglio del cuneo fiscale gravante sulle imprese. Inoltre, come abbiamo proposto già in sede di emendamenti al decreto Rilancio, è necessario ridurre del 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per un periodo di 12 mesi per le imprese che hanno subito nel trimestre marzo-maggio un calo del fatturato pari almeno al 25% rispetto allo stesso trimestre 2019. Ed è urgente introdurre una Super deduzione del costo del lavoro, per premiare le imprese ad alta intensità di manodopera, basta sullo stesso meccanismo del super-ammortamento.

Allo stesso tempo è fondamentale garantire Libertà di assumere e di lavorare, aumentando la flessibilità sul lavoro e intervenendo sui paletti che spesso rendono difficile per un’impresa assumere. Il che significa abolire/sospendere il decreto dignità che rende difficile l’utilizzo dei contratti a termine e liberalizzare l’utilizzo dei voucher di lavoro, almeno per tutto il 2020. È poi fondamentale che ci sia totale coincidenza della durata della Cassa integrazione con la durata del blocco dei licenziamenti, altrimenti ci troviamo davanti a un vero e proprio esproprio di Stato ai danni degli imprenditori.

Il secondo ambito è quello fiscale. Secondo noi bisogna intervenire per posticipare e ridurre le tasse. In particolare FdI ha proposto l’Unificazione degli anni fiscali 2019/2020 per le imprese danneggiate dal COVID-19, prorogando il versamento delle imposte sui redditi al 30 giugno 2021, consentendo in tal modo la compensazione degli utili e delle perdite dei due esercizi. Nonostante il mancato rinvio delle imposte da parte del governo, è ancora possibile farlo: i pagamenti eventualmente già effettuati sono relativi al primo acconto delle imposte.

E poi la riforma dell’IRPEF: FdI propone di semplificare il vigente sistema delle aliquote IRPEF, passando da cinque a tre e potenziando l’attuale sistema di detrazioni per nuclei familiari. Si tratta di un passaggio intermedio verso un sistema incentrato sulla flat tax. A questo aggiungiamo nostre battaglie storiche, che riteniamo di assoluto buon senso e di assoluta necessità: dalla fine dell’oppressione delle leggi speciali in ambito fiscale, eliminando l’inversione dell’onere della prova nei contenziosi/accertamenti tributari, alla revisione della normativa relativa al limite dell’utilizzo del contante, allineandola a quella vigente in Germania (che a oggi non ha un limite all’uso del contante).

Il terzo ambito è il sostegno diretto del tessuto produttivo: imprese, artigiani, commercianti, lavoratori autonomi. Il primo passo deve consistere nella concessione di un vero contributo a fondo perduto, essendo quasi una presa in giro quello previsto dal decreto rilancio, date le cifre previste. È necessario anche perché non si può gravare le imprese di nuovo debito. Anche in questo caso abbiamo presentato proposte concrete, valide e immediatamente applicabili, senza i ritardi della burocrazia.

Abbiamo proposto di istituire un contributo a fondo perduto legato ai versamenti Iva, consentendo ai beneficiari di trattenere direttamente il 50% dell’IVA sul fatturato dell’anno 2020, fino a un importo massimo di 100 mila euro. Per i soggetti che rientrano in regimi fiscali Iva esenti, come ad esempio i forfettari, sono previste misure ad hoc in grado di garantire un beneficio equivalente. Altre proposte che riteniamo importanti per le categorie interessate, per dar loro un po’ di respiro, riguardano ad esempio l’eliminazione del minimo contributivo previdenziale per artigiani e commercianti iscritti alle gestioni speciali INPS; la riduzione delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro autonomo (10% per i lavoratori autonomi senza dipendenti e 5% per i lavoratori autonomi con dipendenti); la riduzione al 5% dell’aliquota IVA prevista per le prestazioni alberghiere, della somministrazione e del trasporto passeggeri.

Quarto ambito è l’aiuto alle persone in difficoltà. Nella nostra idea non servono ulteriori risorse, sono sufficienti le risorse attualmente disponibili. Sono sufficienti le risorse stanziate per il Reddito di emergenza e per il Reddito di cittadinanza, strumenti che andrebbero eliminati. Le risorse così liberate devono confluire in un unico fondo volto a garantire a famiglie e soggetti in difficoltà un “assegno di solidarietà” universale.

Si tratta di un sostegno della durata di 12 mesi per un importo pari a 300 euro a persona aumentato di 250 euro per ogni figlio a carico. I requisiti di accesso sono molto semplici: persone prive di reddito con valori mobiliari familiari di massimo 10mila euro; valori immobiliari ammessi: solo la prima casa. Nessun requisito ISEE dato che è un indicatore calcolato su redditi dell’anno precedente e penalizza chi ha perso il reddito a causa della crisi. In tal modo potremmo disporre di uno strumento in grado di garantire un sussidio universale a tutte le famiglie che ne abbiano effettivamente bisogno, senza costituire un disincentivo al lavoro. Così facendo andremmo anche ad eliminare una inutile competizione tra poveri, e l’ingiustificato trattamento “di favore” riservato ai percettori del RdC rispetto a quello riservato ai percettori del Rem, considerando che la veste di strumento di politica attiva che i 5stelle hanno tentato di dare al reddito di cittadinanza è ormai definitivamente caduta.

Parlando del sostegno alle persone in difficoltà, non si può non toccare l’argomento relativo alle pensioni di invalidità. Nel passaggio alla Camera dei Deputati del decreto Rilancio è stato accolto un emendamento di FdI che istituisce un fondo di 46 milioni di euro per il 2020 da utilizzare per aumentare l’importo dei trattamenti di invalidità civile, oggi vergognosamente ferme a 285 euro, portandole almeno a 516 euro. Grazie alla nostra insistenza tutte le forze politiche hanno accettato di sostenere e sottoscrivere il nostro emendamento. Si tratta di un primo passo, ma non abbasseremo la guardia finché questa battaglia di civiltà non sarà tramutata dal Governo in atti concreti. Successivamente, al Senato, senza successo data l’apposizione della fiducia al provvedimento da parte del Governo, abbiamo presentato un emendamento volto ad aumentare la dotazione del fondo di un miliardo di euro, la cui copertura sarebbe stata garantita da un’equivalente riduzione dei fondi stanziati per il bonus vacanze.

Infine la scuola. Abbiamo letto che a questo ambito verranno destinate le risorse del nuovo scostamento, insieme al rifinanziamento della cig. É un tema che ci sta molto a cuore, naturalmente ma anche in questo caso vogliamo però prima ascoltare le proposte del governo. Di certo non saremo disponibili ad avallare amenità come quelle dei banchi con le rotelle o il plexiglass tra un alunno e l’altro.

Quindi, come sempre, Fratelli d’Italia è pronta a fare la sua parte, è pronta a discutere con premier insieme agli alleati del centrodestra. Finora però non c’è stato concesso alcun confronto, nemmeno a palazzo Chigi malgrado le tante dichiarazioni di intenti che il presidente Conte ha rilasciato alla stampa senza mai passare ai fatti.

Questa volta non voteremo scostamenti di bilancio al buio: pretendiamo di avere delle garanzie dal Governo su come saranno spesi questi ulteriori 25 miliardi e chiediamo di essere ascoltati nel merito.

Perché a chiedere risposte non siamo noi: sono gli italiani.

Condividi

10 commenti

Scrivi un commento

    • Federico Puglia on 29 Luglio 2020 at 13:21
    • Rispondi

    Premessa la concordia non di comodo ,ma, anche se di generazioni diverse abbiamo la stessa coscienza Sociale, cioè non abbandonare gli Ultimi ma, quelli che lo sono realmente, sarei curioso se l’Inps ha già riconosciuto i 516 € mensili agli Invalidi o, sta spettando qualche segno da qualche parte per iniziare.. A parte ciò, non ho gradito per niente, non solo perché ridere quando si interviene su questioni serie è segnale di maleducazione e di insensibilità per l’argomento (stava citando i tanti diventati Poveri perché dimenticati da Marzo ad oggi), mi rafforza ancora maggiormente il dubbio. Giorgia, On. Meloni, vorrei tanto sbagliarmi ma, di Silvio Berlusconi non mi fido e, so che per ingrandire Mediaset in Europa sarebbe pronto a tradire chiunque…. ripeto, voglio tanto sbagliarmi!

    • Elena on 29 Luglio 2020 at 13:52
    • Rispondi

    Giorgia premier!

    • giovanni PEIS on 29 Luglio 2020 at 14:07
    • Rispondi

    Il gravoso debito pubblico italiano, già.
    E il lucroso credito privato (Rotschild e simile lordura).
    L’intervento massiccio di cui si gloria il governo Conte è tutto grasso che cola per i suddetti eterni strozzini.
    Noi italiani (ma sarebbe lo stesso per tutti i popoli se avessero governi degni di questo nome) sapremmo e sappiamo e sapremo trovare le soluzioni pratiche, quelle che rifioriscono dopo ogni devastazione, senza stringerci più ancora il cappio al collo. Io credo che Giorgia Meloni sappia polarizzare la nostra politica in questa direzione.

    • Giorgio on 29 Luglio 2020 at 14:45
    • Rispondi

    Ma Mattarella si sta’ rendendo che questo branco di idioti del governo e che stanno affossando l’italia???? Se continua a comportarsi cosi come garante di che cosa???suppongo che una buona percentuale del popolo la pensa come me!!!! Vogliamo un governo sapiente all’altezza davanti a questa virus di salvare il salvabile e finalmente alzare la testa con dignità!!!!!

      • umberto brusadelli on 30 Luglio 2020 at 11:26
      • Rispondi

      Esatto Giorgio, la penso così anchio

    • Marco Giacinto on 29 Luglio 2020 at 15:03
    • Rispondi

    Invece di tutte quelle % di cui parli nel tuo articolo, che farebbero godere i burocrati, ormai siamo al punto di dover ripartire da ZERO, con CONDONO TOMBALE su quanto ancora dovuto per debiti pregressi verso Stato e INPS. Primo respiro di sollievo. Secondo: far arrivare in tutte le piccole partite IVA allo sbando dopo il virus contributi a fondo perduto per ripartire in tutta tranquillità

    • mauro parroccini on 29 Luglio 2020 at 15:54
    • Rispondi

    Sbrigati, altrimenti non ci sarà più nulla da salvare

    • Attilio on 29 Luglio 2020 at 18:48
    • Rispondi

    Siamo all’ennesima scellerate za del governo edi tutti quei parlame tari che pensano solo alla poltrona perché sanno che non saranno rieletti. Non c’è emergenza e falsa i contagi li stanno causando loro con le frontiere aperte ed i permessi di FR sbarcare cLandestini. Questi sono gravi reati perché dolosamente alimentano la pandemia. Questo è un attentato alla costituzione. Ed alla democrazia. Vogliono mantenere i pieni poteri ed usarli per evitare di andare alle urne ed altro così da poter con la. Scusa di un lokdown bloccare l’Italia. La vera emergenza è la bomba sociale che rischia di esplodere. Che il Presidente della repubblica intervenga quale garante della repubblica. Ed invito i parlamentari della Camera a non votare il decreto emergenza altrimenti avranno la responsabilità morale ed altro se ci saranno ritorni negativi.

    • Pino 007 on 30 Luglio 2020 at 12:11
    • Rispondi

    C’e’ un solo decreto “Cura Italia” buttare fuori le sinistre o meglio il marcio comunismo, votare e far ripartire l’Italia usando la strada giusta. Poi con comodo…….. ne riparleremo.

  1. I comunisti (lo sono sempre) sono dei furfanti e dei vili,che chi non è della loro osservanza dittatoriale;viene appellato di fascista. Loro lo sono ancora peggio,peggio dei nazisti e dei comunisti sovietici,forse superati di poco dai nord coreani e cinesi. Vili dittatori dei poveri deboli cittadini. Quindi qualsiasi piccolo emendamento dalla dx,viene abolito tacciando di fascismo,e così dimostrano di essere solo dei vigliacchi bugiardi e niente altro . che dittatori degli inermik!

Rispondi