“Se mi chiudi non mi chiedi”, il flash mob di FdI davanti Palazzo Chigi sulle cartelle esattoriali 

Flash mob di Fratelli d’Italia davanti Palazzo Chigi: il leader Giorgia Meloni e i parlamentari del partito hanno consegnato simbolicamente al presidente del Consiglio Draghi e al Governo una maxi-busta per lanciare la proposta del movimento sul tema delle cartelle esattoriali.

L’avviso nella maxi-lettera ricalca la tipica notifica dell’Agenzia delle Entrate e si apre con la domanda “Chi pagherà per tutto questo?”. E poi snocciola i numeri sul disastro economico ed economico della pandemia: 444 mila occupati in meno nel 2020 (di cui 209 mila autonomi), -8,9% di PIL, 320 miliardi di euro di fatturato persi da imprese e partite Iva, oltre 300 mila imprese sparite nel 2020 solo nel settore del commercio e dei servizi.

Lo slogan “se mi chiudi non mi chiedi” chiude l’avviso e sintetizza la proposta di Fratelli d’Italia: finché non ci sarà la ripresa economica, lo Stato non deve chiedere nulla alle imprese e ai relativi dipendenti di quei settori che non hanno potuto lavorare a causa delle restrizioni del Governo e che per questo hanno subito un danno.

«Chiediamo una pace fiscale reale – ha scritto su Facebook il presidente Meloni – : lo Stato deve distinguere tra chi ha continuato ad avere uno stipendio e chi lo ha perso a causa delle restrizioni. Non si può pretendere dalle famiglie rimaste senza reddito e dalle aziende che stanno chiudendo i battenti per via delle misure decise dal Governo di saldare le cartelle esattoriali. Presenteremo i nostri emendamenti per chiedere ossigeno vero per famiglie e imprese che sono in ginocchio per l’emergenza Covid. Draghi dimostri con i fatti di essere in netta discontinuità con Conte».

Condividi

3 commenti

    • Pino 007 il 31 Marzo 2021 alle 01:20

    Vorrei che gli abituali imbecilli che commentano e criticano su i social che la Meloni non ha nulla da fare se non strillare, che si guardassero un po’ in torno a loro e vedere quanti, altrettanto imbecilli, della sinistra non stanno facendo o strillano per quello che sta succedendo ?

  1. Credo che ci stiano facendo chiudere apposta;così da svenderci alla Cina-Germania e Francia. E chi ci sta svendendo credo sia il ben ripagato dai poteri oscuri e forti. Maledetti traditori,i nostri amministratori. Stanno massacrando il popolo ITALIANO.Ma un minimo di onestà e “coscienza”,l’hanno mai avuto?….credo MAI!

    • Marco il 1 Aprile 2021 alle 09:25

    GRANDE GIORGIA LA DEA DELLA SAGGEZZA

    Giorgia io ho una idea /proposta da fare

    Sono un cassaintegrato da marzo 2020 ero un felice caposala di un ristorante con uno stipendio “”””lo voglio dire”””” di 1700 netti e con le mancette arrivavo anche a 1900 che per me andava benissimo per vivere una vita di lavoro dignitosa ; ero felice e senza pensieri
    Dall 8 marzo il governo mi ha BUTTATO a casa con appena 600e al mese con ritardo fisso di quasi 3 mesi !!!!!!!!!!!

    Fatta questa premessa espongo la mia idea !!!

    Chiedere al governo il totale annullamento di tasse -bolli auto-multe stradali- sulla differenza dello stipendio non percepito
    Es.
    Prendevo 1500 netti al mese dimostrabili ?
    Mi hai buttato a casa con 500 e al mese ?

    Ok non voglio regali condoni perche non sarebbe giusto nei confronti di chi ha sempre pagato le tasse multe ecc…..

    MA!!!!!!!
    MI SCALI OGNI MESE DA TASSE BOLLI ED EVENTUALI MULTE PREGRESSE NEL TEMPO “”CHI NON ne HA!!!!?”””
    (Facendo riferimento all esempio sopra citato ) 1000 euro al mese che per 12 mesi per chi e’ in cassa da marzo per esempio 12000 e (CHE LO STATO MI HA FATTO PERDERE)!!!!!!!!! dal totale dell estratto conto dal 2000 al 2021 l eventuale rimanenza me la rateizzi non appena riprendo il lavoro e percepisco interamente il vecchio caro stipendio
    Quindi se non mi richiudi allora mi chiedi !!!!

    Questa manovra garatirebbe le pari condizioni di chi ha sempre lavorato e pagato bolli multe e tasse
    E di chi invece non ha potuto lavorare perche il governo ha deciso che il suo settore era da chiudere !!

    Cosi facendo non ci sarebbero
    1 cittadini di serie a serie b
    2 pari opportunità di mettersi in pari con il fisco
    3 non sarebbe una pace fiscale o condono ma un risarcimento

    Ora formulare e tradurre in legge sta a voi !

Rispondi