Green Pass, Meloni: Parchi divertimento tra settori più colpiti, da Draghi e Speranza altra mazzata all’economia reale

Tra i settori più colpiti dal lasciapassare imposto dal Governo c’è quello dei parchi divertimento, luoghi all’aperto frequentati soprattutto da giovani e famiglie con bambini. Mentre gli ospedali sono vuoti e i contagi abbondantemente sotto controllo, Draghi e Speranza hanno ben pensato di dare un’altra mazzata all’economia reale, colpendo quei settori che lavorano soprattutto nella stagione estiva. Chi ristorerà questi imprenditori per le enormi perdite che stanno registrando? Che fine faranno i lavoratori? Uno Stato che impedisce alle imprese di lavorare e produrre ricchezza è uno Stato destinato a far vivere le prossime generazioni nella povertà.

Condividi

5 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Giorgio Soffritti il 10 Agosto 2021 alle 17:42

    Il G.p. italiano è illegale: non rispetta il Regolamento UE 2021/953, paragrafo 36.
    Va aboliti

  1. Chi governa, dovrebbe pensare prima al benessere del popolo. Ma questi da 20 anni a sta parte, pensano solo a blaterare e far buttare miliardi ai soliti Arcuri e compagni=PD.+ 5S + Renzi= Rovina italiana.

  2. Ecco. Diamogli i giusti ristori, era quello che si doveva fare sin dall’inizio, come in altri paesi europei, dove le ditte non si lamentavano se le lasciavano chiuse, perchè gli ridavano quasi l’intero ricavato che avrebbero incassato se fossero rimasti aperti.
    Ma non cantiamo vittoria troppo presto: ci sono ancora 20-30 morti al giorno, ovvero 100 ogni 4 giorni (800 al mese), le terapie intensive salgono, specie al sud, e Sicilia e Sardegna sono prossime a passare in zona gialla. Siamo sulla soglia della quarta ondata, quella che vedrà milioni di infettati asintomatici tra vaccinati e non che contibuiranno tutti a diffondere il virus lasciandolo libero di mutare, perchè ci hanno detto di toglierci le mascherine e che potevamo stare all’aperto ma senza specificare che anche all’aperto dovevamo mantenere le distanze, perchè il virus è molto più contagioso e si trasmette in 5-10 secondi, come da studi britannici effettuati nei supermercati.
    Vedremo a Settembre quanti contagi ci saranno stati grazie a queste vacanze che si potevano evitare, resistendo sino a vaccinazione completata (e manca davvero poco). Ma resistendo coi ristori, non chiudendo indiscriminatamente e alla si salvi chi può. Le solite cose fatte coi piedi da chi, anzichè al governo, dovrebbe andare nei campi a coltivare le patate, altro che gli africani!
    Tutti in galera con l’accusa di epidemia colposa, attentato alla nazione e crimini contro l’umanità.

    • Attilio il 13 Agosto 2021 alle 10:19

    Non gli interessa la problematica economica in nome della salute continua no a limitare la libertà. Il Green pass non serve a nulla se poi chi e vaccinato si infetta ed infetta. Il problema sono i comportamenti non chi non e vaccinato. Io ancora non mi sono vaccinato ma non perché sono no vax, però ad oggi ho mantenuto un comportamento rispettoso delle norme e sono in buone condizioni.

  3. Attilio, comprendo la tua posizione e la rispetto, anche se non so quanti anni hai. Probabilmente conduci uno stile di vita non complicato che ti consente di tenerti al sicuro con pochi accorgimenti efficaci. Ma è comunque un terno a lotto, una roulette russa giornaliera, il cui gioco non vale la candela, perchè l’imprevisto è sempre in agguato e i rischi del virus sono reali, mentre quelli del vaccino del tutto trascurabili, meno di quelli dell’aspirina. Molti ci riescono come te, ma non tutti possono permetterselo, come chi deve recarsi al lavoro facendo il pendolare su corriere e treni superaffolati. Se utilizzano mascherine chirurgiche e a pochi centimeri da loro gli sfiata qualcuno senza (visto che l’obbligo non c’è più), sono fregati alla grande. Le norme servono, certo, e son quelle che abbiamo utilizzato finora quando ancora non c’era il vaccino nè altra soluzione, ma ora che c’è, è un nostro dovere vaccinarsi, non solo per proteggere noi stessi, ma anche gli altri, perchè involontariamente, con tutta la tua buona volontà e certezza che fai la cosa giusta, poichè nulla potrà mai essere perfettamente sotto controllo e l’imprevisto è sempre in agguato, potresti infettarti e magari, se fortunato in maniera asintomatica (quindi convinto di non avere nulla) vai in giro tra parenti, amici, conoscenti ed estranei e li infetti alla grande. E qualcuno di loro o altri che questi frequenteranno, potrebbe lasciarci la pelle. Abbiamo 30 morti al giorno, cioè 800 al mese… te la senti di essere un assassino a tua insaputa? Non sapresti mai di aver infettato o ammazzato qualcuno facendo l’untore, pensando erroneamente o illudendoti di aver fatto la cosa giusta. E il virus intanto gira, e può mutare.
    Vero poi che il Green Pass non serve ad un mazza, perchè anche chi è vaccinato può infettarsi, ma il contagio nelle vie aeree superiori, dove resta limitato il virus, dura di meno, perchè abbiamo gli anticorpi che lo combattono, quindi si guarisce più rapidamente e statisticamente si ha meno probabilità nel tempo di infettare qualcuno. I vaccinati sono una barriera al virus, lo stroncano e lo fermano impedendogli di diffondersi alla grande. Come ti spieghi sennò il ridotto numero di contagi, di intensive e di morti? E’ ovvio che funziona, ne abbiamo la prova davanti al naso, e potremo dire di esserne davvero usciti solo quando saremo TUTTI vaccinati, continuando a fare richiami per mantenerci allenati contro al virus e future varianti che ci arriveranno dal resto del mondo, purtroppo.
    Se non ti vaccini, in pratica parassiti chi il vaccino l’ha fatto e continua a farlo, difendendo anche te. Io ho avuto la febbre a 39 con la seconda dose di vaccino… ti sembra giusto che mi sono sentito male per proteggere quelli come te che non vogliono avere disagi, sfruttando chi fa il suo dovere? Rischi di essere paragonato a quelli che non pagano le tasse ma usufruisccono del benessere e dei servizi pubblici pagati da quelli che le tasse le pagano, passando anche per coglioni.

Rispondi

Twitter

fratelli-italia.it

Google+

Instagram

Sorry:
- Could not find an access token for giorgiameloni.

Ultimi articoli