Retromarcia Sun è vittoria italiani, Governo serio pretenderebbe scuse ma noi non lo abbiamo

Vittoria: il tabloid britannico “Sun” toglie Napoli dalla lista delle città più pericolose del mondo, insieme alla roccaforte dell’Isis Raqqa, Mogadiscio e Caracas.
Una retromarcia che arriva dopo le dure proteste, prime tra tutte quelle di Fratelli d’Italia, contro un pezzo diffamatorio e offensivo non solo per i cittadini di Napoli ma per tutti gli italiani.
Da registrare tuttavia il silenzio di Gentiloni e Alfano: avevamo chiesto un loro intervento formale col governo britannico ma sono rimasti muti. Un governo serio pretenderebbe le scuse ufficiali ma come ormai è noto l’Italia non ha un governo serio.
Ma noi la nostra dignità nazionale la difendiamo nonostante loro e siamo certi che anche il Sun abbia capito che nessuno può insultare l’Italia a piacimento.
 #byebyeSun #Italiasovrana

Condividi

3 comments

    • Nicolò Vergata on 23 Luglio 2017 at 18:06
    • Reply

    I Giornali esteri si permettono di diffamarci a causa degli imbelli governi di sinistra e di tutti quei politici corrotti che hanno svenduto l’Italia all’Africa in cambio di soldi , per acquisire voti con l’ius soli , predicando ipocritamente il buonismo per tenersi la poltrona (col beneplacito e l’avallo dei mons. Galantino). Ci deridono e ci sberleffano anche perché il popolo non si ribella e tira a campa’. Italiani..SVEGLIA ! A quando un nuovo Risorgimento ?

    • Franco Cordiale on 23 Luglio 2017 at 18:46
    • Reply

    Nuovo risorgimento ? Siamo un paese DISGREGATO in mille cosche, sia criminali, sia para-legali. Un paese che va a fuoco ogni estate, dove le “MAFIE-CAPITALE” non sono riconosciute e gli abusi sono la regola. Dove si costruisce violando logica,buonsenso, civismo. Dove il diploma di scuola superiore si regala ad ogni analfabeta. AUGURI…

    • Pino 007 on 28 Dicembre 2018 at 02:13
    • Reply

    Belle parole, ma chi glielo va a dire a quella percentuale di italiani che continua a votare per dei governi di sinistra? Non vi siete ancora resi conto che sono quelli che inneggiano alla bella vita, ma che mai faranno qualche cosa per il Paese che li foraggia ? Penso che questo e’ un castigo divino che ci cascato in testa e non possiamo scrollarcelo di dosso.

Rispondi