Governo schieri l’esercito per difendere confine FVG-Slovenia

 
Il Friuli Venezia Giulia rischia di essere la “Lampedusa del Nord”: il flusso di immigrati clandestini attraverso la rotta balcanica non si è mai fermato e nell’ultimo periodo sta crescendo in modo preoccupante. Il confine orientale è da anni  un colabrodo, che non è presidiato a sufficienza e attraverso il quale passano indisturbati e senza controllo centinaia di irregolari di cui non sappiamo nulla. Con tutti i rischi, anche dal punto di vista della sicurezza e delle politiche anti-terrorismo, che l’Italia corre. Fratelli d’Italia chiede al Governo di intervenire immediatamente: schieri l’Esercito lungo il confine tra il Friuli Venezia Giulia e la Slovenia per bloccare questa invasione silenziosa e finora ignorata.
Condividi

5 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • D'Alessandro Giacomo il 26 Agosto 2018 alle 18:20

    se dovesse succedere farebbero bene a non pagare il contributo >Europeo

    • Fabio il 26 Agosto 2018 alle 18:58

    Fosse per il sottoscritto l’esercito sarebbe schierato ma da tanti anni alle bocche del cattaro.Sono figlio di italiani d’Istria la Slovenia per me non ESISTE

    • Crocetti Riccardo il 26 Agosto 2018 alle 20:11

    Sì all’intervento dell’esercito! E subito!

    • Franco Cordiale il 27 Agosto 2018 alle 11:15

    Clandestino non é per forza sinonimo di “disperato”. Disperati veri ce ne sono, ma subordinati a chi li usa come MASSA ILLEGALE da sfruttare in tal senso. Non escluso il terrorismo. I disperati e profughi VERI vanno distinti e separati, offrendo loro canali legali di ingresso. Ma per far questo serve uno STATO AUTOREVOLE ed EFFICIENTE, appunto ciò che la destra vuole e che invece la sinistra catto-comunista combatte ad ogni occasione e con ogni scusa ipocrita! Se serve l’esercito, fatelo intervenire !

    • Pino 007 il 31 Agosto 2018 alle 17:05

    E se mettessimo alla parete uno di loro….. catto comunisti con precisi capi d’accusa, cosa direbbero gli spavaldi rossi ??? Principalmente quelli dell’anpi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.