Tolleranza zero contro chi specula sulla disperazione

Complimenti alle Forze dell’Ordine che hanno smantellato a Latina un’organizzazione criminale che sfruttava immigrati e li costringeva a vivere e lavorare in condizioni disumane. Tolleranza zero contro il caporalato e chi specula sulla disperazione.

Condividi

6 commenti

Vai al modulo dei commenti

  1. Ministra Meloni,
    faccia qualcosa aggrappandosi con le unghie e con i denti!!!!
    Abbiamo urgente bisogno di aiuti e soluzione idonee per cercare di risolvere i gravissimi problemi in agricoltura .
    tutte le imprese agricole italiane stanno chiudendo, non riescono a vivere con le loro aziende agricole per il tropo costo elevato dei contributi sulla manodopera in agricoltura , dei costi del carburante, delle spese per l’imballaggio, costo elevatissimo delle macchine . I prezzi dei concimi per far aumentare la produzione non sono accessibili, l’iva in agricoltura è una ghigliottina che non lascia scampi a nessuno e con l’aggiunta delle tasse comunale e gli atti di successione,i prezzi di acquisto di aziende agricole continuano a fare allontanare i giovani che prima di incominciare il nuovo lavoro in agricoltura, devono toccarsi prima il portafoglio e solo se è gonfio abbastanza di soldi, possono avvicinarsi all’agricoltura italiana per investirli in un settore che non da speranza.
    Non devono entrare in Italia prodotti esteri a basso costo e carichi di veleni.
    L’agricoltura italiana ha toccato il fondo e per chi non ci crede è pregato provare con il lavoro proprio.
    Mario Michele Adduci

    • Gino Cerutti il 17 Gennaio 2019 alle 20:25

    Basterebbe questa notizia, se fossimo in un paese normale (Gran Bretagna, Francia, Portogallo, Austria, Australia o che so io) a smentire il finto UMANITARISMO PSEUDO-CARITATEVOLE e CRISTIANO di quanti giustificano e favoreggiano ogni immigrazione clandestina. Questi individui, oltre che papparsi una fetta considerevole di fondi pubblici, si permettono ogni pié sospinto di farci la morale: siete razzisti, xenofobi, fascisti…non come noialtri che applichiamo alla lettera i precetti del Vangelo ! Noialtri che “accogliamo”, che costruiamo ponti e non innalziamo muri (in effetti quelli del VATICANO ci sono già e nessuno pensa di abbatterli…) e vorremmo riunire l’umanità intera in un solo abbraccio cosmopolita ! Baracche, sporcizia, prostituzione, droga, violenze, marginalità, asservimento alla peggiore feccia criminale, dalle nostrane camorra, ‘ndrangheta, mafie varie ai clan criminali di importazione, si chiamino mafia nigeriana, triadi cinesi, bande di “latinos” sudamericani: sono i FATTI che rispondono ! “Dai loro frutti, allora li riconoscerete!” insegnava Nostro Signore, la cui parola questa gente USA e MANIPOLA per una evidente strumentalizzazione politico-economica, a uso e consumo del globalismo finanziario massonico, ormai convinto di essere PADRONE dei POPOLI !

    • Gino Cerutti il 20 Gennaio 2019 alle 10:43

    Bisogna far ripartire i settori produttivi sani, in agricoltura ed altrove. Ma sono schiacciati da ogni concorrenza illegale, quando si produce e si vende sottocosto, sfruttando ed inquinando. La immigrazione clandestina Inquina il Mercato, sia nella qualita’ dei prodotti, sia nel degrado delle condizioni di lavoro, dei diritti e delle garanzie sindacali, sia nello scarso o nullo rispetto dell’ambiente. Ma come! I sinistri ipergarantisti dello articolo 18 , quelli della conflittualita’ permanente, degli scioperi a gatto selvaggio e dei sabotaggi, dove i fancazzisti beceri firmati Lotta Continua, Potere Operaio etc si sono scaldati a prepararsi posti in parlamento, da parassiti e ciarlatani quali erano e quali sono da sempre, tutti questi protestatari e pseudo rivoluzionari del menga, come mai tacciono religiosamente sul lavoro nero degli immigrati clandestini ? Perche’ pagliacci mentecatti erano e pagliacci IMPOSTORI rimangono! Strappiamo loro la maschera, sono soltanto dei FALSARI!!

  2. Onorevole Meloni,
    per far ripartire molti dei settori produttivi sani che si dedicano nel campo dell’Agricoltura, Industria e Turismo da molti anni e che hanno una loro storia di continuità con la stessa Partita Iva, bisogna risolvere alcune cose importanti e con la massima sollecitudine.
    Prima di tutto, le aziende e privati che hanno debiti con l’agenzia delle entrate, banche ecc. non dovrebbero mai vedersi pignorarsi e sequestrarsi i propri beni principali indispensabili per continuare il proprio lavoro.
    Secondo, se devono pignorare i beni secondari, di valutarli al prezzo reale di mercato e prenderseli subito in cambio del pagamento di quando dovuto, ma senza portarle per le lunghe.
    Un mio conoscente è titolare di circa 70 ettari di terreni agricoli in Calabria,tempo fa era un fiore all’occhiello della agricoltura calabrese, adesso ha di debiti con l’agenzia delle entrate circa 1.000.000,00 di euro e si trova in condizioni che non ha soldi neanche per comperare il gasolio per lavorare i propri terreni, tutto perché non può più prendere soldi in prestito nelle banche visto che si trova con i propri conti bancari bloccati e la propria azienda agricola ignorata.
    Bisogna che il politico di turno si faccia sentire alzando ancora di più la voce contro chi fa orecchie da mercante, e il popolo italiano degli onesti lavoratori gli sarà grato.
    Grisolia lì 20 gennaio 2019 – Mario Michele Adduci.

    • Gino Cerutti il 20 Gennaio 2019 alle 17:39

    Ho letto le due lettere del signor Adduci e concludo: estremo rigore contro l’imprenditore italiano che lavora e produce alla luce del sole. Invece con tutto il SOMMERSO CINESE, AFRICANO, IRREGOLARE in genere ? Soldi pagati da noi a gogò per il mantenimento di tanti sconosciuti con nomi di fantasia e garanzie…che agli italiani non si sognerebbero mai di concedere, sia l’INPS, sia la Agenzia delle Entrate. Bisogna restituire l’Italia agli italiani. Questo il problema.

  3. La ringrazio. Gentilissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.