Centrodestra, FdI lavora a fronte comune contro Governo più a sinistra della storia. No a ritorno proporzionale e prima repubblica

La grande manifestazione in piazza Montecitorio promossa da Fratelli d’Italia nel giorno della fiducia al Conte bis rappresenta il punto di partenza per costruire un fronte comune contro il governo più a sinistra della storia repubblicana. Questo è l’obiettivo al quale sta lavorando Fratelli d’Italia ed è una buona notizia l’incontro di oggi tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi per rafforzare la coalizione di centrodestra. A partire da un no netto e deciso contro la modifica della legge elettorale in senso proporzionale, che sancirebbe il ritorno alla Prima Repubblica e calpesterebbe la chiara volontà espressa dagli italiani con il referendum popolare del 1993. Serve un fronte comune, solido e coeso per contrastare nelle piazze e in Parlamento questo Esecutivo e restituire all’Italia un governo capace di difendere l’interesse nazionale. Un fronte a cui lavora anche FdI, composto da forze che non cedano più alla tentazione di fare accordi con il Pd e il M5S, che come ha sempre sostenuto FdI sono le due facce della stessa sinistra.

Condividi

3 commenti

    • emax on 14 Settembre 2019 at 19:11
    • Reply

    chiamarlo ancora “GOVERNO” è un insulto all’intelligenza: è un colpo di stato legalizzato dal presidente mattarella, che se ne infischia della volontà degli italiani, ma segue alla lettera i suoi compagni di merende massoni.

    • Marco Giacinto on 14 Settembre 2019 at 19:11
    • Reply

    Giorgia, perché continuare a usare i termini destra e sinistra, quando ormai sono capovolti? Io parlerei piuttosto, come tra l’altro fai nel trafiletto, di partiti democratici e aristocratici. La destra ormai è alfiere della democrazia, la sinistra dell’aristocrazia gfinanziaria. Sei d’accordo?

    • Riccardo Crocetti on 15 Settembre 2019 at 19:49
    • Reply

    D’accordo su tutto.
    Parlando d’altro,volevo dire che oggi , domenica quindici settembre, ho seguito un attimo il telegiornale ed ho sentito per l’ennesima volta le bocche schifose dei dirigenti P.D. affermare che con loro, adesso, è finito “il clima di violenza e di odio” del precedente governo.
    Io mi domando. ma perchè non reagire in sede penale contro queste vere e proprie calunnie , che tra l’altro ,costituiscono l’unica ragione di vita dei bastardi comunisti.Per quei maiali la menzogna sistematica ed il turpiloquio sono come l’acqua per i pesci o l’aria per gli altri esseri viventi
    Non mi risulta che in questo decennio di tirannide liberalcomunista ci siano mai state spedizioni punitive, intimidazioni o pestaggi da parte della Lega o di Fratelli d’Italia.
    Al contrario, le azioni violente dei “pacifisti”, dei “No TAV”, degli anarchici insurrezionalisti , delle squadracce “antifasciste”, per non parlare dei crimini di Bibbiano-P.D. , sono state assai frequenti.
    Il tutto sostenuto da un linguaggio arrogante, violento e diffamatorio da parte della classe politica rossa e da parte del mondo giornalistico-mediatico, apertamente e viscidamente prono agli sporchi poteri occulti nazionali e soprattutto internazionali.

Rispondi