Ecco la lettera agli italiani del gruppo parlamentare di FdI al Senato pubblicata oggi su alcuni quotidiani. 

Cari italiani,
dall’inizio dell’emergenza coronavirus Fratelli d’Italia ha offerto la propria piena disponibilità a collaborare con il Governo – pur rimanendo saldamente all’opposizione – per aiutare l’Italia.
In particolare abbiamo fatto del nostro meglio per migliorare il decreto cura Italia, che a nostro avviso ha molte criticità. 
Abbiamo inizialmente presentato 168 emendamenti, ma di fronte alla chiusura della maggioranza li abbiamo ritirati e abbiamo lasciato sul tavolo meno di 30 proposte, per noi particolarmente importanti, tra emendamenti e ordini del giorno.
Niente da fare. In Commissione hanno approvato un unico emendamento e tre ordini del giorno, che però sono meno vincolati.
Tutto il resto è stato bocciato, o non è stato neanche preso in considerazione visto che il governo Conte ha chiuso a ogni possibilità di dialogo mettendo la fiducia sul provvedimento. Non faremo polemica perché non è il momento, ma vogliamo farvi conoscere una per una le proposte che avevamo formulato, perché possiate valutare se erano serie o pretestuose.
A voi il giudizio.
 
Proposte approvate
• Screening epidemiologico a tappeto della popolazione per riprendere il prima possibile le attività produttive. (Ordine del Giorno G16.400)

• Sospensione nel 2020 dei minimi contributivi per i professionisti (Ordine del Giorno G27.400)

• Estensione a colf, badanti e lavoratori stagionali dell’indennità mensile prevista per le altre categorie tutelate dal decreto Cura Italia. (Ordine del Giorno G28.400)

• Inserimento della provincia di Brescia nell’elenco delle province più colpite (Emendamento 62.33 testo 2) (Ebbene, sì, si erano dimenticati di Brescia, una delle Province più colpite)

 
Proposte bocciate
• Taglio del cuneo fiscale per le imprese che non ricorrono alla CIG pari all’80% del costo della CIG stessa, per premiare chi continua a pagare gli stipendi nonostante il calo del fatturato (Ordine del Giorno G78.400)

• Esonero delle tariffe di pedaggio autostradale del personale medico sanitario nonché delle aziende italiane di trasporto, prevedendo che gli oneri restino in capo ai concessionari autostradali. (Ordine del Giorno G92.400)

• Abolizione del numero chiuso in medicina, specializzazioni mediche e in campo sanitario. (Ordine del Giorno G101.400)

 
 Sospensione del “decreto dignità” per dare flessibilità alle imprese (emendamento 19.0.1)
 
 Derogare all’obbligo di accordi sindacali o di iscrizione ai Fondi di solidarietà bilaterali dell’artigianato per accedere alla Cassa Integrazione. (emendamento 22.5 testo 2)
 
 Nulla sia dovuto ai sindacati da lavoratori e aziende che devono accedere alla Cassa integrazione durante l’emergenza. (emendamento 22.0.8)
 
 Abolizione per il 2020 del minimo contributivo INPS per artigiani e commercianti. (emendamento 30.0.3 testo 2)
 
 Utilizzare i percettori del reddito di cittadinanza per attività di pubblica utilità come portare la spesa agli anziani (Emendamento 40.2)
 
 Reintroduzione per il 2020 dei voucher lavoro per tutti i settori, senza limitazioni, specie in agricoltura .(Emendamento 41.0.1 testo 2)
 
 Bonus mensile di 600 euro da riconoscere ai nuclei familiari in cui è presente un disabile. (Emendamento 47.0.1)
 
 Crediti deteriorati (NPL): il debitore può riacquistare il proprio debito bancario “deteriorato”, pagando un prezzo superiore del 20% rispetto a quello di cessione della banca alla società di riscossione. (Emendamento 59.0.1)
 
 Abolizione degli ISA (Indici sintetici di Affidabilità) per il 2020 e del tetto del contante (Emendamento 62.0.10)
 
 Sospensione per il 2020 del versamento dell’imposta di soggiorno incassata dalle strutture ricettive. (Emendamento 62.0.17 testo 2)
 
 Contributo diretto alle aziende per la sanificazione giornaliera dei luoghi di lavoro, invece dell’attuale insufficiente credito d’imposta. (Emendamento 64.1)
 
 Detrazione al 100% dei costi sostenuti dalle aziende per acquistare e sottoporre a tamponi e test i propri dipendenti (Emendamento 64.0.2)
 
 Rimborsare le famiglie delle rette scolastiche per i servizi non fruiti durante i periodi di sospensione delle attività (rette, mensa, trasporto scolastico, ecc.) (Emendamento 65.0.251)
 
 Premiare chi paga le tasse e potrebbe non farlo. Chi non si avvale delle sospensioni di versamenti previste dal decreto, può usufruire di uno sconto del 15% sul dovuto. (Emendamento 71.2)
 
 Potenziamento dell’operazione “strade sicure”. Più Forze Armate sui territori. (Emendamento 74.0.4 testo 2)
 
 Sospensione dei protesti di cambiali e titoli di credito emessi 120 giorni prima del decreto Cura Italia da imprese, società e partite IVA e divieto di emissione di nuovi titoli (Emendamento 83.251)
 
 Rimborso viaggi di istruzione,  scambi culturali, visite didattiche, attraverso l’istituzione di un apposito fondo. (Emendamento 89.0.7)
 
 Permettere ai percettori di Reddito di Cittadinanza o altri sussidi di lavorare in agricoltura per affrontare l’emergenza “raccolta” (Emendamento 105.0.1)
 
 “Clausola di forza maggiore”: le aziende costrette alla chiusura o alla limitazione dell’attività per l’emergenza coronavirus sono esonerate dal risarcimento del danno per la mancata esecuzione delle prestazioni contrattualizzate (Emendamento 126.0.1)
 
Condividi

7 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Alessandro G il 9 Aprile 2020 alle 13:08

    Ok mi sembra la tiri tera dell europa…e quindi se non venissero accolte che si fa?

    1. che si fa?
      pugnette e gazzosa….
      unica cosa da fare per riportare l’italia al suo splendore:
      al muro totti i politici in quanto tutto colpevoli di questa strage!!!
      e comicniare daccapo con regole piu severe per i plitici e MENO POTERI,IN QUANTO IL POTERE CHE LORO HANNO DI FATTO STA PORTANDO ALLA ROVINA L’ITALIA!!

    • paolo il 9 Aprile 2020 alle 14:26

    ma voi politici dove vivete? nel vostro eremo dorato? SI!!!! e mi dispiace prendere dentro anche FDI che credo e mi auguro sia l’unico gruppo che può portare qualcosa di buono.
    rispetto per i morti, per chi soffre e per chi sta dando la vita per gli altri. ma dopo sarà un nuovo dopoguerra. e che si fa?
    ma sapete bene tutte le regolette dei vari decreti?
    PERCHE’ NON CHIEDETE AI COMMERCIALISTI, AGLI IMPRENDITORI (CHE NON SONO TUTTI LADRI, ANZI) ED A CHI LAVORA COME SONO LE REGOLE? CHE SONO DIVERSE DA QUANTO DETTO PER FARE BELLA FACCIA? CHE LE IMPRESE DEVONO ANTICIPARE LORO LA CASSA INTEGRAZIONE? CON QUALI SOLDI? CHE I PRESTITI (PERCHE’ PRESTITI SONO) NON SONO A COSTO ZERO? E PER TUTTA LA BUROCRAZIA? ECC. ECC. ECC.?
    la ricchezza delle aziende sono le risorse umane, e gli imprenditori lo sanno bene. NON LO SANNO I POLITICI E NEMMENO I SINDACATI.
    se muoiono le aziende, e sono solo loro che creano posti di lavoro e ricchezza, muoriamo tutti.
    e se pensate di poter vivere anche con la decrescita felice, allora chi può mandi aff…lo tutto.
    rispetto a Conte se batte il pugno in europa, un’europa pessima, ma per il resto…
    On. Meloni, per favore, prenda chi lavora nel campo ed alzi la voce. con questi politici ci stiamo autodistruggendo.
    oppure non ci resta che mettere le barricate…
    buon lavoro

    • Emilio Nannini il 9 Aprile 2020 alle 14:40

    Brava Giorgia.
    in tutti i tuoi interventi Mai Banalità.
    sempre fatti, proposte e idee precise, concrete, facili da capire dal pubblico e realizzabili se ce ne fosse la volontà da parte di chi ci governa.
    sei la numero 1 e sono orgoglioso di aver scelto Fratelli d’Italia dal primo momento.

    • Stefano il 9 Aprile 2020 alle 16:20

    On. Meloni le chiedo ma se noi facciamo a tappeto lo screening per il Coronavirus quando poi permettiamo di lasciare i confini aperti ( vedi video dei francesi arrivati fino in Sicilia senza nessun controllo ) o permettiamo chi per lavoro può venire in Italia girandola per lavoro senza subire i controlli per 5 giorni essendo sottoposti solo al controllo della temperatura corporea sapendo benissimo che gli asintomatici sono i veri untori per il contagio mi domando ma noi a casa che ci stiamo a fare?

    • Filippo il 10 Aprile 2020 alle 08:29

    Questo è quanto il popolo italiano dovrà ricordare, in particolare modo a tutti quegli Italiani che hanno creduto nelle ultime FALSE posizioni di Conte contro l’UE, che ha usato per tenerci a bada fino alla firma. Come si è sempre sospettato era un BLUFF. Si continuerà a parlare che siamo in una Repubblica Parlamentare, visto che la decisione, l’hanno presa in autonomia senza passare dal Parlamento, come se vivessimo in pieno regime? Di chi è la responsabilità di quanto politicamente è successo in Italia ? Da questo momento in poi cosa si fa oltre che stare a guardare e a sopravvivere visto che la situazione il governo la conosceva fin dal 5 di gennaio e la gente inizia ad avere problemi e fame? Evviva la Repubblica Parlamentare che non esiste. Gli Italiani dovranno tenere a mente a questo punto non al PD che è sempre stato favorevole al MES manifestando che è LIGHT, ma dei 5stelle che hanno sempre predicato “NO MES “,avendo consensi elettorali importanti e che nell’ ultimo ne avevano anche confermato la decisione di adottare una linea dura, ma il loro adepto CONTE li ha traditi, a meno che il gioco delle tre carte ha funzionato come al solito. ORA Cosa FARANNO? Quale tavoletta racconteranno? Ora Giorgia cosa farà il centro destra ? Hanno usato la stessa tattica di Prodi. Un nuovo incarico. Complimenti a Conte, Gualtieri, Sassoli e Gentiloni. La Germania ha messo gli uomini giusti al posto giusto. Dobbiamo cambiare la nazionalità sulla carta d’identità.

    • Tatiana Natali il 16 Aprile 2020 alle 00:11

    Concordo con Emilio Nannini. Giorgia Meloni si è sempre distinta per il Suo pragmatismo e non è facile stare all’opposizione e farsi sentire come fa lei. Quindi caro signor Paolo, se tiri dentro FDI motiva le tue critiche altrimenti taci.
    Grazie cara Onorevole Meloni come sempre, per esserci, anche in questo periodo traumatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.