1 maggio, Meloni: Dedichiamo questa giornata a imprese e lavoratori che chiedono di poter ripartire insieme (video)

Questa giornata la dedichiamo a tutte quelle imprese e quei lavoratori che chiedono, rispettando le dovute cautele e disposizioni, di poter ripartire insieme. Il governo ascolti il grido delle tante categorie che lunedì non potranno ancora riaprire e permetta loro di poter ripartire sulla base del rispetto delle normative di sicurezza e non sulla differenza di codice Ateco.

L’Italia reale ha voglia di tornare a lavorare e creare ricchezza e la politica ha il dovere di trovare le soluzioni. Siamo un grande popolo e ci rialzeremo come abbiamo sempre fatto, buon primo maggio a tutti noi.

 

Condividi

3 commenti

  1. Grande GIORGIA come sempre Chiara e con proposte concrete, grazie

    • Gino Cerutti on 2 Maggio 2020 at 12:36
    • Rispondi

    NO. NON E’ STATO IL 1 MAGGIO DEI CANZONETTARI STRAPAGATI, I QUALI HANNO DA SEMPRE VENDUTO LA MENZOGNA DELLO SBALLO E DELLA DROGA LIBERA, DELL’ ANARCHIA CIALTRONA, BASATA SOLO SULLA IGNORANZA E LA PRESUNZIONE, COME GLI UNICI “VALORI” PRATICABILI ALLE NUOVE GENERAZIONI. NO, grazie a Iddio.
    Almeno questa volta la piazza San Giovanni non si e’ riempita di cartacce, lattine, preservativi usati… cicche e siringhe, probabilmente. Certo, tutto rigorosamente “antifassista ed antirassista”, magari con i consueti contorni LGBT.
    No. Un vero primo maggio e’ quello di chi il lavoro lo vuole, lo cerca, per se’ e per gli altri.
    “chi non lavora, neppure mangi” insegnava San Paolo. Ma lo Stato deve esserci, come spesso c’e’, a differenza di qui, dove vige l’armata Brancaleone dei BURATTINI MANOVRATI coi fili, fin troppo visibili, dai padroni globali della finanza e delle banche.
    Esistono due Italie: una sana, dei devoti a San Giuseppe. E un ‘altra, di troppi GIUSEPPI che piegano le ginocchia a poteri forti che di santo e di “amorevole” non hanno un accidente…

    • Maurizi Mauro on 3 Maggio 2020 at 11:02
    • Rispondi

    Egr, Onorevole, come ci possiamo rialzare, quando lo Stato per aiutarmi mi chiede tasse? Onorevole, questo Stato per darmi un aiuto (decreto liquidità), vuole subito, quale imposta sostitutiva lo 0.25% del prestito. Questo Stato chiede alle Casse di pagare che devono indebitarsi per pagare i 600 alle P.I., i cui interessi passivi restano in capo alle Casse Private. Questo governo chiede alle Casse di versare anche gli 800 euro per aprile e maggio senza aver versato alle stesse i 600 euro già pagati.
    Questo governo avendo tolto 100 milioni non ha permesso di pagare tutte le richieste di 600 euro, privilegiando la cronologia delle domande e non lo stato di bisogno.
    Questo governo non ha le capacità di portarci da nessuna parte.
    Buona giornata
    Mauro

Rispondi