Giorgia Meloni sul nuovo Dpcm: «Dal governo misure inutili. Tutele ai fragili ma no a chiusure»

Il presidente FdI: «Col virus convivremo due anni. Serve serietà, cosa ha fatto l’esecutivo da luglio a oggi?»

L’intervista di Paola Di Caro

È un lungo cahier de doléances quello di Giorgia Meloni: «Il governo avrebbe dovuto avere meno spocchia, più serietà e più concretezza, perché oggi l’Italia ha un problema di credibilità che i cittadini pagano». Ma c’è anche «una proposta», che Fratelli d’Italia presenterà, con un principio ispiratore: «Sull’emergenza Covid bisogna modificare il paradigma. Poiché il virus non può essere azzerato in tempi brevi, si lavori per proteggere chi è maggiormente a rischio: anziani, persone fragili, malate. Con misure confuse e inutili rischiamo un altro lockdown, che non possiamo permetterci».

Conte non l’ha convinta? «No. Come al solito da sei mesi, il governo non coinvolge l’opposizione, si limita a farci la telefonata dell’ultimo minuto. Non c’è una strategia complessiva. Stiamo rincorrendo il virus con misure in gran parte inutili».

Cosa rimprovera in concreto al governo? «Già ad aprile FdI aveva chiesto dati precisi su mortalità e contagi, alla fine abbiamo dovuto fare da soli con il nostro ufficio studi. Oggi che abbiamo la stra-prevista seconda ondata non sappiamo ancora il rapporto tra tamponi, ospedalizzati, asintomatici, non c’è trasparenza. Cosa è stato fatto da luglio ad oggi?».

Il Covid ha travolto tutta l’Europa, non solo l’Italia… «Ma noi ci siamo fatti trovare impreparati. Perché, con un contagio di ritorno, non si sono fatti controlli a chi veniva dall’estero, tutelate le zone Covid free, contrastati gli sbarchi dei clandestini?».

Per molti la seconda ondata è causata da lavoro, trasporti, scuola.  «Sulla scuola, tutta l’estate a parlare dei banchi con le rotelle, ora il concorso per migliaia di docenti: erano le priorità? Bisognava dotarsi di termoscanner, di tensostrutture, era prioritario coinvolgere privati per mettere a disposizione i loro spazi».

Serve più didattica a distanza? «Ci può stare per studenti più grandi, ma è già tardi. Serviva un piano complessivo e completo che avesse come estremo livello di intervento quello della Dad, ma no, il genio della Azzolina doveva pensare ai banchi con le rotelle. E per i trasporti, cosa è stato fatto? Ah sì, i monopattini! Noi abbiamo proposto il coinvolgimento di privati per potenziare le linee pubbliche, dai pullman turistici ai taxi collettivi, con uno scaglionamento degli orari. Ma no, si è scaricata la colpa sui singoli e non si è predisposto nulla».

L’intervento economico però è stato imponente. «Confuso, incompleto, deficitario, tragico nell’applicazione: i 10 decreti anti crisi prevedevano nel complesso 252 decreti attuativi, ne sono stati fatti 68, zero per il decreto liquidità e zero anche per il decreto semplificazioni, una beffa! Questo governo più di sinistra della storia sta rendendo sempre più acuta la frattura tra i garantiti e i non garantiti. E crea un enorme problema di credibilità del sistema Paese, del quale stanno approfittando altri, la Francia in primo luogo».

C’è un’alternativa? «Sì. Sta emergendo che purtroppo non stiamo guadagnando immunità di gregge, di Covid ci si può riammalare e fino al vaccino e all’immunizzazione generale potrebbero passare due anni. E allora, rovesciamo il paradigma e organizziamo un sistema non per fermare il contagio a 360 gradi, perché è impossibile, ma per proteggere i più esposti, i più fragili. Si strutturi un’assistenza domiciliare h/24, si utilizzino alberghi come residenze da mettere a disposizione per chi va protetto, si mettano in sicurezza le persone in pericolo. Perché se il virus impatta quasi zero sui giovanissimi e tanto sugli anziani non si può adottare lo stesso sistema per tutti e perdersi in mille rivoli con provvedimenti inutili. Non si muore di solo Covid, ma anche di ospedali che non funzionano più, di nuove e profonde povertà».

Conte esclude il Mes. «Per risparmiare 300 milioni l’anno sugli interessi del debito e finire nelle mani di una Trojka che ti impone le decisioni? La condizionalità per il Mes c’è, tanto è vero che nessun Paese si è mosso per accedere a quei fondi».

È possibile un dialogo con il governo? Non riuscite a mettervi d’accordo nemmeno sul voto a distanza in Parlamento. «Siamo contrari, sarebbe un precedente assolutamente pericoloso. Non si può impattare sulla Costituzione con norme regolamentari. Abbiamo sempre garantito il funzionamento delle Camere, lo faremo. Non fuggiamo dalle responsabilità, il mio telefono è sempre acceso. Sono loro che temono di spaccarsi se aprono al dialogo». 

Condividi

8 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Alessandro il 19 Ottobre 2020 alle 17:47

    Cara Giorgia sono d’accordo ti voglio bene tutto quello che vuoi ti do sempre ragione ma a questo punto basta Non so se riuscite a leggere i commenti sui social c’è un malcontento generale da parte della destra della sinistra del centro c’è un malcontento generale la gente stanca La gente ha fame Basta con i social basta con le tastiere bisogna agire bisogna scendere in piazza a farci sentire la gente non ne può più almeno per quanto mi riguarda da quando ho perso il posto di lavoro Non ho ricevuto aiuti da nessuno e ho anche rate arretrate del mutuo comunque Giorgia sono sempre dalla tua parte però adesso basta cerchiamo di agire nel vero senso della parola iniziamo a scendere in strada non se ne può più come ho sempre detto oggi quelli che stanno al potere al governo sono infettati da poltrona virus

    • MARIA GRAZIA bielli il 19 Ottobre 2020 alle 19:21

    Cara Giorgia, ormai Conte ha preso abitudine a emanare DPCM, senza poi arrivare a nessuna decisione importante. Certo, sa parlare bene, si presenta benissimo, ma non conclude niente. Demanda sempre ad altri ciò che dovrebbe stabilire lui e quando lo fa, lo fa decisamente male! Noi popolino, abbiamo la sensazione antipatica di sentirci nel LIMBO. Poi, se vogliamo parlare degli esperti: ognuno ha una sua ricetta, un suo pensiero .e questo certo non ci aiuta ad aver fiducia ad affrontare serenamente questa situazione. Qui, o si muore di virus, o di fame. Ma intanto sottovoce si parla di rifilarci anche l’IMO sulla prima casa..questo si che ci rincuora!!!!!.

    • Giorgio il 19 Ottobre 2020 alle 21:51

    Stia attenta signora giorgia ,quel signore non è affidabile io valuto una persona specialmente nei fatti.da un anno cazzate ne ha dette di tutte le sorti!! Non fatevi prendere in giro da questa ciurmaglia capitanata da conte!!!!

  1. Cara Giorgia,la gente non ha capito ancora che Conte è il burattino dei poteri occulti e franco-tedeschi? Loro vogliono l’Italia e se ne fregano se ci faranno morire di fame

    • Franco il 20 Ottobre 2020 alle 10:21

    Bisogna fare una manifestazione imponente sotto la casa di Mattarella e fargli capire una volta per tutte che vogliamo andare a VOTARE!!!

    • Giovanna il 23 Ottobre 2020 alle 10:49

    Cara Giorgia, ti faccio una proposta per attuare il tuo proposito di messa in sicurezza dei più fragili: trasferiamo gli over 65, i degenti rsa e i malati sui mezzi pubblici locali. Sembrano essere gli unici posti in cui il rischio di contagio sia bassissimo, a prescindere dall’ora, numero di persone e presenza di alcolici. Parola del ministro dei trasporti!

    • Giuseppe Bertoni il 24 Ottobre 2020 alle 23:21

    ci sono due fronti quello sanitario e quello economico. 1. fronte sanitario: Come ha detto la M. si devono proteggere gli anziani ed i malati quindi è urgente chiudere le case di riposo veri lager dove non c’è scampo soprattutto per quelli non autonomi. Chi è autonomo giovane o vecchio e presenta sintomi va curato a casa salvo i casi gravissimi.
    2. Fronte economico: quando si dispone una chiusura o una limitazione ad una categoria contemporaneamente si deve comunicare il provvedimento di ristoro, i tempi e le modalità di attuazione che devono essere congrui con l’attività in questione e se incassa e paga a fine mese deve ricevere i ristori a fine mese. Se le finanze pubbliche non sono in grado un governo serio non può imporre limiti.

    • Sandro il 25 Ottobre 2020 alle 17:31

    On meloni…dovete forzare la mano col presidente.dovete chiedere lo scoglimento delle camere ed il poter governare voi e la lega fino a marzo.poi elezioni.altrimenti organizzate subito manifestazioni nelle piazze per chiedere un nuovo esecutivo fdi e lega.non possiamo aspettare il 2023..questo esecutivo ci porta allo sfascio.bisogna cambiare ora.

Rispondi