Con il ddl concorrenza il Governo Renzi fa entrare il grande capitale e le lobby nelle attività delle professioni

Il ddl concorrenza del Governo Renzi non ci piace per molti motivi e principalmente perché introduce una serie di meccanismi tutti volti a fare entrare il grande capitale e le lobby delle banche e delle assicurazioni nelle attività proprie e specifiche delle professioni, come notai, avvocati, commercialisti e farmacisti. E non lo fa per favorire i cittadini e per abbassare i costi ma per fare un regalo ai soliti amici.

Questo succede, in particolare, prevedendo alcune norme: la cancellazione dell’autentica e del controllo esercitato dal notaio su tutte le transazioni immobiliari non ad uso abitativo al di sotto dei 100 mila euro di valore catastale e sulla costituzione delle società di capitale sotto i 20 mila euro; l’estensione delle funzioni proprie dei notai e degli avvocati a società multiprofessionali al cui interno possono entrare soci di capitali; la possibilità per i soci di capitale di comprare le farmacie e di concentrare la loro proprietà in poche mani. Fratelli d’Italia si batterà al fianco dei cittadini e delle professioni per bloccare questa deriva.

Condividi

Rispondi