Manovra, Governo tradisce famiglie, proposta su sostituti d’imposta è follia

Famiglie tradite dal Governo rossogiallo. Conte, Di Maio e Renzi avevano promesso di volerle aiutare ma ora stanno immaginando di considerarle alla stregua di imprese, trasformando le famiglie in “sostituti d’imposta” per colf, badanti e babysitter. Una folle idea che avrebbe un effetto devastante: scaricare sulle famiglie italiane una montagna di adempimenti burocratici e responsabilità civili e penali. Un incubo. Fratelli d’Italia dice no a questa ennesima stangata e ci batteremo in Parlamento per scongiurarla. La proposta di FdI è diametralmente opposta e prevede la deducibilità del lavoro domestico. Le famiglie vanno aiutate e sostenute, non massacrate.

Condividi

4 commenti

Scrivi un commento

    • vincenzo on 4 Ottobre 2019 at 19:02
    • Rispondi

    Non è possibile andare avanti cosi

    • Giuseppe on 4 Ottobre 2019 at 19:12
    • Rispondi

    Ricordiamoci che c’ e il PD al governo, condito dalla creatività tassaiola del 5stelle…. Da dove tirano fuori i soldi per l’assistenzialismo anche ai brigatisti del Reddito di cittadinanza? Dalle tasche dei soliti noti, cioè noi! Se questa scellerata ipotesi verrà messa in atto, secondo il mio modesto avviso, non farà altro che aumentare il lavoro nero, quindi risulterà del tutto inutile e non produrrà alcun effetto vantaggioso per l’erario.

    • Franco on 5 Ottobre 2019 at 00:12
    • Rispondi

    E’ ora giunto il momento di valutare il comportamento dell’INPS che dopo aver applicato l’lRPEF alle pensioni sul lordo ovviamente, riapplicata le ritenute locali sempre sul lordo iniziale e non sulla rimanenza dopo aver dedotto ll’irpef. Ora per esempio su 100 Euro lordi di assegno di pensione deduciamo l’IRPEF del 30% imponibile residuale 70 Euro sui quali andrebbero applicate le ritenute locali per esempio del 20$, il netto sarebbe di 56 Euro da retribuire l’avente diritto. Invece il 20% l’INPS lo calcola sempre sul lordo iniziale e cioè su 100 Euro , così all’avente diritto il netto da pagare è di 70 meno 20, cioè di 50 Euro e non di 56 Euro. Questo dell’INPS è un calcolo fuori da ogni regola contabile. Vedete di intervenire perchè questa è una vera ingiustizia ed una irregolarità contabile inammissibile.’

    • Pino 007 on 5 Ottobre 2019 at 01:22
    • Rispondi

    E le stelle stanno a guardare…!!! Incredibile come noi popolo italiano continuiamo a lamentarci, piangere sul bagnato, ma….. non moviamo un dito. Sembra come stessimo godendo di come ci calpestano, su come ci abusano, su come ci sfruttano e….. fermiamoci qui’ !!!
    Ma non scendiamo in piazza armati di qualsiasi cosa contundente. Lasciamo che pazzoidi come ( sto stron…) di fioramonti bastardo ministro comunista ci calpesti……. Mahh !! Forse c’e’ qualche cosa che non quadra nel nostro DNA, qualche cosa che non ci e’ stato ben trasmesso dai nostri nonni. Quindi fino a quando dobbiamo resistere ?? Fatemelo sapere.

Rispondi