Cittadinanza, Meloni: Pd e M5s tentano di far passare legge Boldrini contro parere degli italiani

«Nel silenzio generale e contro il parere degli italiani, Pd e M5S stanno tentando di far passare la legge Boldrini per dare la cittadinanza per automatismo. Se anche per te la cittadinanza italiana non si regala, firma la petizione di Fratelli d’Italia per dire “no ius soli”. Saremo presenti con un banchetto giovedì, alle ore 12.00, a piazza Montecitorio e poi il prossimo fine-settimana in tutte le piazze italiane».

È quanto scrive su facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Condividi

12 commenti

Skip to comment form

    • giacomo on 1 Ottobre 2019 at 10:29
    • Reply

    chi và al governo per Umiliare le genti italiche, da oggi in poi mi dichiarerò: “non appartenente alla Nazione Italiana” NON cittadino Italiano………..Apolite…….

    • PAOLA DIANA ONDER on 1 Ottobre 2019 at 10:55
    • Reply

    non vedo dove firmare la petizione

      • Conidi Carmela on 6 Ottobre 2019 at 13:40
      • Reply

      39

    • Franco Cordiale on 1 Ottobre 2019 at 12:12
    • Reply

    COME HO GIA’ SCRITTO, QUESTI “APOLIDI DI REGIME” considerano l’italianità meno di zero. Per essi é un disvalore, un retaggio “nazionalista e fascista”, anche se devono fingere ossequio ipocrita e formalistico al tricolore (mi ricordo come la mia amatissima “sboldra” e il presidente Napolitano, un presidente con l’italianità ed il patriottismo che sprizzavano, come si dice, da tutti i pori, battevano le mani durante la sfilata del due giugno…con l’entusiasmo di un netturbino davanti alla raccolta dei rifiuti). La cittadinanza italiana, regalata per automatismi, servirebbe solo ad allargare la platea dei diritti, ampliando il numero di coloro che voterebbero, essi sperano, PD, LEU, CINQUE STALLE, quindi sarebbe meramente strumentale ad un disegno di potere. IDEM PER IL VOTO AI SEDICENNI, che questa scuola sta includendo pecorecciamente dentro il recinto del “pensiero unico politicamente corretto”.

    • Gloria Zorzenone on 1 Ottobre 2019 at 21:56
    • Reply

    Ciliegina sulla torta : a quanto pare, niente referendum, non lo permetteranno. Siamo fre ga ti . Ci stanno strangolando.

    • Gloria Zorzenone on 2 Ottobre 2019 at 09:39
    • Reply

    Cara Giorgia, ti consiglio vivamente di ascoltare un video (YouTube ) di Corrado Malanga – l’acqua – : la conclusione è che siamo già nelle mani di potenze straniere . Metà delle nostre sorgenti acquifere sono già loro.

    • Gloria Zorzenone on 6 Ottobre 2019 at 09:41
    • Reply

    Dibattito Gruber – Renzi ( 8 e mezzo ) : il Baffometto parla di reclutare giovani di 20 anni da indottrinare = nuove leve per infoltire la sua schiera. Parla di società aperta = ius culturae ( altro lavaggio del cervello ). Non parla del voto ai 16enni ma è probabile che si batterà per ottenerlo ( I 16enni tra due anni diventeranno maggiorenni e quando, nel 2023 ci saranno le elezioni saranno pronti a votarlo ) . Nel frattempo si batterà contro coloro che affermano che l’Europa è il nemico. Probabili processi per Salvini che logoreranno la Lega. Non si presenta alle elezioni umbre ma dice che ( sibillino ma intuibile ) ci saranno altre ” maniere ” : maniere che possiamo immaginare. Ed infine, la Gruber stranamente lo osteggia ma ricordiamoci che al Bildelberg c’era anche lei… Il tutto farcito con le sue menzogne e la sua faccia tosta ma se non lo fermiamo al 2023 Prodi sarà il presidente di un Italia che non sarà piu Italia.

    • Gloria Zorzenone on 6 Ottobre 2019 at 09:46
    • Reply

    A proposito: ho sentito che numerose opere di Leonardo da Vinci sono state portate in Francia, compreso l’uomo vitruviano. Da noi soni giunti 8 dipinti del Raffaello. È vera sta’ cosa ? Se si, non mi piace troppo….

      • Giovanna on 6 Ottobre 2019 at 11:18
      • Reply

      Riguardo il prestito delle opere di Leonardo al Louvre nel 2019 e di quelle di Raffaello alle Scuderie del Quirinale nel 2020, si prevede che dall’Italia partiranno in totale ventun opere, sia di Leonardo da Vinci che di altri noti artisti italiani; mentre la Francia ci invierà solo sette opere di Raffaello.
      Tra le opere di cui l’Italia si priva, almeno tre di queste sono associate all’identità dei loro musei (l’Uomo vitruviano, simbolo delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, la Scapiliata, ormai celebre icona della Galleria Nazionale di Parma, e l’Incredulità di san Tommaso del Verrocchio).
      Un’altra razzia ad opera dei francesi, dopo quella tristemente nota di Napoleone Bonaparte…

    • Gloria Zorzenone on 6 Ottobre 2019 at 18:58
    • Reply

    Attenzione ai grillini che intendono far parte della Lega: far firmare un “contratto” di indissolubilità poiché… fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio ( come abbiamo potuto appurare ).

    • Giovanna on 7 Ottobre 2019 at 11:21
    • Reply

    Buongiorno, domanda “tecnica” riguardo il blog… serve qualche requisito particolare per vedere pubblicati i propri commenti? Io ho commentato tre post, in data 5 e 6 ottobre, ma a tutt’oggi non vedo nulla a mia firma nelle finestre corrispondenti. Ovviamente mi aspettavo la moderazione dei commenti scritti da un nuovo utente, certo… ma visto che ormai sono passati già due giorni, chiedo gentilmente se è richiesta una procedura particolare, magari una sorta di accreditamento, o quant’altro. Come ho già scritto alla Signora Meloni nella mia precedente lettera privata, varcare la soglia del Vittoriale dannunziano, vedere issare il tricolore, ascoltare l’inno di Mameli… ha risvegliato in me un senso di intimistica appartenenza allo stato italiano. In questo momento storico alquanto confuso, io mi sento orgogliosa di essere ITALIANA.
    Dato che sono particolarmente interessata alle tematiche trattate nel blog, ci terrei molto ad interagire con chi la pensa come me.
    Ringrazio anticipatamente, ed attendo eventuali disposizioni in proposito.

    Cordialmente,
    Giovanna

    • Federico on 7 Ottobre 2019 at 12:36
    • Reply

    Meloni premier o agli esteri..Il governo fantoccio, inciuciato ,non voluto,non eletto, barricato nei “palazzi” a casa!
    Sic et simplicier..

Rispondi