Libero, Meloni: I social non possono avere il potere di decidere a chi togliere la parola, senza fornire spiegazioni e senza appello

Finalmente riattivato l’account di Libero. Rimane un problema di fondo: i social network non possono avere il potere di decidere, insindacabilmente e a propria discrezione, a chi togliere la parola, senza fornire spiegazioni e senza appello. Solidarietà a Libero Quotidiano.

Condividi

8 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Attilio il 13 Gennaio 2021 alle 14:26

    Nessuno ha il diritto di togliere limitare annullare revocare la libertà di ogni cittadino nell’esprimere le proprie opinioni o quant’altro Questa è una grave violazione della democrazia in particolare quello dei colossi del Web che così facendo vuol dire che loro possono manipolare tutto ciò che avviene a loro piacimento ovvero così facendo vuol dire che loro hanno instaurato o credono di poter instaurare regimi dittatoriali imponendo la loro volontà con la scusante che quello che viene scritto detto nei vari Social e offensivo non sa loro dirlo può deciderlo perché questo va andrebbe fatto allora per tutti ma siccome loro non sono organi di potere e non è perché hanno il potere di comunicazione mediatica ed economica si possono permettere di offendere e calpestare la dignità la democrazia di tutti i cittadini. Semmai dovrebbe esistere un organismo internazionale a politico che venga interessato immediatamente e prendere decisioni di conseguenza

  1. Credo che i “social” siano ebrei ;è come dire i padroni del mondo comandano tutti. E noi con la coda fra le gambe obbediamo.

    • Giovanni PEIS il 13 Gennaio 2021 alle 16:23

    Scrivete liberamente, “Camerati”.
    Giorgia non vi censura, e sapete perché?
    Primo perché vuole dimostrare che il suo blog non scende alle bassezze di Facebook, Twitter ecc.
    Secondo perché sospetta fortemente che il commento di Camerata 80 sia una provocazione di uno che si finge Fratello d’Italia per cercare di far credere che il movimento di Giorgia è antisemita e provocare grande sdegno.

    • Giorgio il 13 Gennaio 2021 alle 16:51

    In che mondo viviamo?? Questa gentaglia hanno il coraggio di parlare di democrazia?? Questi teppistelli senza cultura e esperienza hanno il coraggio di gestire il suoi discorsi a senso unico e tenere un popolo di uno stato sequestrati ma questi esaltati incompetenti da che mondo vengono???

    • Franco Cordiale il 15 Gennaio 2021 alle 00:40

    Giorgia Meloni non c’entra niente con il fascismo e con l’antisemitismo. Basti solo rilevare che questo blog e’ forse l’unico che consente il libero scambio di opinioni in sede pubblica. Provate a cercare l’equivalente, altrove… PD? CINQUE STALLE? LEU.? IV? FORZA ITALIA.? Ovviamente l’arma diffamatoria e censoria viene usata contro di lei, ma solo gli ebeti ci cascano, ormai.!

    • Gino Cerutti il 15 Gennaio 2021 alle 10:38

    IN TEMA DI CENSURA. APPRENDO CHE UNA CANZONE DI GIANNA NANNINI, RICCASTRA SINISTRORSA DI “chiarissima fama”, e’stata accompagnata da un cartone animato nel quale vengono disegnati dei poliziotti che stanno bastonando un uomo di colore (e ti pareva?) gettato a terra. Il bello e’ che la testa disegnata sul collo di ogni agente, e’ quella di un MAIALE.
    Chissa’ se I censori severissimi di FACEBOOK, TWITTER e compagnia cantante, le intemerate sboldrine e Lamorgese e BELLANOVA di turno interverranno mai a difendere le FORZE DELL’ ORDINE, da questo evidente RAZZISMO ALLA ROVESCIA contro di esse.?
    Una delle 12 fatiche dell’eroe Eracle fu quella di ripulire le stalle di Augia, stracolma di letame. Ecco, mi domando chi potrebbe essere il nuovo Ercole, capace di disinquinare la testa di milioni di italiani da tutta la MERDA Mediatica che ci hanno rovesciato dentro quelli del MAENSTREAM di sinistra, gente o meglio GENTAGLIA DI SPETTACOLO! Le NANNINI, i Vasco Rossi, i Guccini, gli Sfera ebbasta (strage di Corinaldo), i rapper apologeti della droga e del suicidio… e altri che la memoria ha cancellato. I saltimbanchi televisivi di “live” su La 7, i cattocomunisti che nella destra riscoprono “il diavolo”!
    ALTRO CHE RIPULIRE LE STALLE DI AUGIA ! MA TWITTER E FACEBOOK… zitti e muti come pesci.
    FRATELLI DI ITALIA: RENDETE NOTO QUESTO GRAVE E SIGNIFICATIVO EPISODIO, dando giusta voce alle proteste delle Forze dell’ordine, insultate villanamente e vigliaccamente dai SINISTRONZI, vedi Giannini e compagnia cantante !

    • Franco Cordiale il 15 Gennaio 2021 alle 10:49

    A codesti “social” abbiamo consegnato troppo potere, restandone dipendenti. Ricordiamo la furia isterica di ogni ragazzino /a di postare il suo profilo su Facebook, figurandosi un radioso avvenire di celebrita’ e di successo? Spesso marmocchiette isteriche e sprovvedute ispirate dalle mamme (pardon… volevo dire ” genitore due” ), avide di veder riconosciuta… quant’e’ bella a’ figlia mia!
    SERVE UN NUOVO UMANESIMO, nel quale ci riappropriamo dei rapporti reali. BASTA CON LA PSICO DIPENDENZA DA SOCIAL !!!

    • MARIA GRAZIA bielli il 15 Gennaio 2021 alle 19:38

    L’inquisizione del WEB ormai è cosa nota. Per fare post, bisogna essere abili a cercare parole che non tocchino quell’algoritmo che ti condannerebbe all’esilio con pene più o meno severe. Senza poi valutare tutti i dati che acquisiscono dai nostri profili, ciat ed altro. Siamo tutti l’OCCHIO di un padrone silenzioso!

Rispondi

Twitter

fratelli-italia.it

Google+

Instagram

Sorry:
- Could not find an access token for giorgiameloni.

Ultimi articoli